Consigli di viaggio - Tradizioni

La leggenda del Lago Sirino, in Basilicata

Scritto da Redazione , 16/09/20

Si dice ci sia un lago creato dalle lacrime della Madonna. Scopriamo la leggenda del Lago Sirino, in Basilicata, un luogo sospeso tra natura, storia e folklore.

Chi di voi conosce la leggenda del Lago Sirino o ha visitato questo incantevole specchio d'acqua nel cuore della Basilicata? Se non ne avete mai sentito parlare è arrivato il momento di farci una gita: vi troverete al cospetto di un delizioso angolo naturale, sospeso tra leggenda e realtà.  

Lago Sirino: dove si trova

Il Lago Sirino è un piccolo bacino idrico naturale, formatosi in una dolina alle falde del monte omonimo, nel comune di Nemoli.

Di forma ellittica, il Lago Sirino è forse l'ultimo residuo di un grande lago che nel Pleistocene occupava interamente la Valle del Noce, dall'attuale corso del fiume fino alla città di Lauria e alle falde del Monte Coccovello. 

Lago Sirino: la leggenda

La leggenda del Lago Sirino vuole che sia nato niente meno che dalle lacrime della Madonna.

Secondo il racconto popolare, infatti, un contadino del posto trebbiava il grano coi buoi durante la Festa della Madonna di Sirino, quando passò un viandante che chiese come mai non riposasse nel giorno di festa. Il contadino rispose imprecando, il cielo subito si oscurò e cominciò a cadere una pioggia torrenziale che inondò i campi e travolse la proprietà, lasciando al suo posto l'ampia distesa d'acqua in cui oggi si specchia la vetta del Monte Sirino.

Lago Sirino: cosa fare nei dintorni

Le rive del Lago Sirino sono un luogo di grande serenità, molto apprezzato dai turisti in estate e in occasione di scampagnate primaverili e autunnali.

Raggiungibile in breve tempo, imboccando l'uscita Lagonegro/Lauria Nord dall'autostrada A2, lo si raggiunge percorrendo lapoi la Provinciale che passa per la frazione di Pecorone di Lauria.

Il posto è ideale da raggiungere anche con un bel trekking in biccletta, in quanto dotato di ciclovia, o col proprio camper, che si può parcheggiare nell'apposita area campeggio.

Cosa fare nei dintorni del Lago Sirino? Certamente visitare il piccolo borgo di Nemoli, un vero gioiellino, tra i cui vicoli spiccano la bellissima Chiesa di Santa Maria delle Grazie, arricchita da un prezioso rosone di vetrate fiorentine, e la Chiesa del Lago Sirino, legata proprio alla sua leggenda, che custodisce notevoli opere d’arte.

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Immagine descrittiva - CC BY Di giomodica, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=52465252 c

Nemoli

Nèmoli è un piccolo comune italiano di 1 503 abitanti della provincia di Potenza in Basilicata. Il paese, posto tra i monti dell'appennino lucano, è noto per...

Altri Suggerimenti

Matera: come si diventa Capitale Europea della Cultura

Matera: come si diventa Capitale Europea della Cultura

La celebre “Città dei Sassi” (o “Città Sotterranea”), uno dei nuclei abitativi più antichi al mondo, “Patrimonio dell’Umanità” UNESCO dal 1993, è...

Basilicata “film to film”

Basilicata “film to film”

Se “Noi e la Giulia” – film di Salvatore Leo del 2015, record di ascolti in TV, già vincitore di due David di Donatello – e altri 10 film freschi di bobina e...

Viaggio tra i tesori della Basilicata

Viaggio tra i tesori della Basilicata

Ritaglio di terra tra due mari, la Basilicata è una delle regioni più misteriose e in parte sconosciute del sud Europa. La geologia del territorio – che alterna i...

Venosa e il Principe-compositore

Venosa e il Principe-compositore

Annoverata tra i “Borghi più belli d’Italia”, la città di Venosa (PZ) è da considerarsi a pieno titolo una delle perle della Basilicata. Dell’antico...

A volo d’angelo tra le Dolomiti Lucane

A volo d’angelo tra le Dolomiti Lucane

Un cavo d’acciaio sospeso tra le vette di Castelmezzano e Pietrapertosa permette di vivere un’emozione unica: il Volo dell’Angelo!

Se Cristo si è fermato a Eboli, noi proseguiamo fino ad Aliano

Se Cristo si è fermato a Eboli, noi proseguiamo fino ad Aliano

Lo facciamo volentieri, come sentito omaggio a Carlo Levi – artista e intellettuale tra i più sensibili e illuminati del nostro Novecento – in occasione...