c
Tradizioni

Calendimaggio di Assisi: origini del corteo storico umbro

Scritto da Eliana Iorfida, 30/03/20

La primavera è la stagione della rinascita per eccellenza: tante le tradizioni che le rendono omaggio, come il Calendimaggio di Assisi e di altre località d'Italia. La Festa del Calendimaggio porta speranza e propizia la terra che rifiorisce. Scopriamo come si svolge... 

Calendimaggio: significato

Il Calendimaggio, ossia "calende di maggio", è la festa stagionale che si tiene in onore della primavera, ovvero della rinascita del ciclo vitale della terra e degli uomini.

La Festa di Calendimaggio trae il nome dal periodo in cui ha luogo, dal 1º maggio in poi, ovvero nel giorno di "calende" secondo l'antico calendario romano. La stessa parola "calendario" riprende questo concetto: il primo giorno di ciascun mese, coincidente con la luna nuova e il nuovo ciclo lunare, dedicato alla dea Giunone.  

Il Calendimaggio è una tradizione che si rinnova ancora oggi in molte regioni d'Italia, dove rappresenta a tutti gli effetti l'allegoria del ritorno alla vita e della rinascita. 

Il rito propiziatorio della primavera affonda le sue radici nell'antichità più remota e risale a popoli ancora molto legati ai ritmi della natura: i celti festeggiavano Beltane, gli etruschi davano grande importanza all'arrivo della bella stagione per la vita dell'intera comunità.

La funzione magico-propiziatoria di questo rito riguarda spesso lo scambio di doni (uova, vino o dolci); i "maggianti" (cantori del maggio) intonavano strofe benaugurali girando di casa in casa. Simbolo della rinascita sono gli alberi e i fiori citati nelle strofe dei canti e usati come ornamento.

In alcune località la Festa di Calendimaggio è associata al culto di San Michele, santo del quale l'8 maggio ricorre l'apparizione nel Santuario di Monte San Michele, sul Gargano.

La Storia del Calendimaggio ad Assisi

Tra i riti più famosi del maggio, il Calendimaggio di Assisi è una delle feste più attese dell'Umbria e del centro Italia. Si celebra ogni anno il primo mercoledì, giovedì, venerdì e sabato dopo il 1º maggio, per salutare l'arrivo della primavera.

La storia del Calendimaggio ad Assisi si rifà alle consuetudini pagane che celebravano il rinnovarsi del ciclo della vita attraverso feste e riti in uso presso l'antico popolo degli umbri.

A ciò si unisce la tradizione delle "canzoni del maggio", composizioni di poesie da ballo e canti attestati nelle vecchie cronache e nei documenti che riguardano la vita di San Francesco e che, alla fine del Medioevo, subirono anche l'influenza provenzale e francese: eseguite da brigate di giovani che si spostavano nei vari rioni della città per annunciare l'arrivo del mese di maggio.

Una terza componente del Calendimaggio di Assisi risale sempre al periodo medievale e riguarda le divisioni interne comunali tra una "Parte di Sopra" (Ghibellini) e una "Parte di Sotto" (Guelfi), facenti capo a famiglie rivali.

È da questa specifica componente che ha origine la sfida per la conquista del Palio tra le due Parti nelle quali è divisa la città: la "Nobilissima Parte de Sopra" e la "Magnifica Parte de Sotto", ancora oggi rievocate nello svolgimento di cortei in costumi medievali per i vicoli della città. 

La Festa di Calendimaggio: come si svolge

Nell'epoca contemporanea il Calendimaggio di Assisi rimane una delle poche rievocazioni tradizionali che rispettano le fonti storiche. La festa si svolge secondo le seguenti modalità:

Giovedì

Benedizione dei vessilli e consegna delle chiavi: per la Parte de Sopra, presso la Cattedrale di San Rufino (il Duomo) e, per la Parte de Sotto, presso la Basilica di San Francesco, unico momento religioso della festa. La Parte che l'anno precedente ha vinto le gare di Madonna Primavera esegue le cosiddette "scene di Parte", attraverso la messa in scena di recitazioni in dialetto o in lingua dell'epoca, spettacoli e musiche medievali.

Venerdì

Il Calendimaggio di Assisi prosegue con l'Elezione di Madonna Primavera tra dieci giovani candidate, cinque per Parte.

Sabato

Cortei di Parte e bandi di sfida accompagnati da racconti medievali, musiche, danze e cori. Dopo una lunga attesa, il Maestro del Campo assegna finalmente il Palio recitando una formula solenne.

La Parte vincitrice riceve il Palio, del quale avrà cura fino all'anno successivo.

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Comune

Assisi

Conosciuta per essere la città di San Francesco, Patrono d'Italia, e Santa Chiara, le cui Basiliche sono dichiarate Patrimoni dell'Umanità UNESCO.  L'artigianato...

Altri Suggerimenti

Cosa vedere nel borgo arbëreshë di Civita, in Calabria

Tradizioni

Cosa vedere nel borgo arbëreshë di Civita, in Calabria

Scopriamo insieme cosa vedere nel borgo arbëreshë di Civita, in Calabria, tra storia, natura e folklore. 

Le 10 migliori città universitarie italiane

Tradizioni

Le 10 migliori città universitarie italiane

Oggi vi proponiamo un viaggio tra le 10 migliori città universitarie italiane, alla scoperta di antiche tradizioni accademiche.

Focus sulle Contrade di Siena, tra storia e curiosità

Tradizioni

Focus sulle Contrade di Siena, tra storia e curiosità

Il Palio di Siena è uno tra gli eventi più famosi d'Italia. Scopriamo qualcosa di più in un focus sulle Contrade di Siena, tra storia e curiosità.

Palio della Rana di Fermignano: la gara più pazza al mondo

Tradizioni

Palio della Rana di Fermignano: la gara più pazza al mondo

Sapete qual è la gara più pazza del mondo? Il Palio della Rana di Fermignano, una divertente corsa tra rane da vedre in questo delizioso borgo marchigiano.

Varia di Palmi: la festa popolare Patrimonio UNESCO

Tradizioni

Varia di Palmi: la festa popolare Patrimonio UNESCO

La Varia di Palmi, in provincia di Reggio Calabria, è una delle più suggestive processioni di macchine a spalla del sud Italia. Centinaia di figuranti e un'impalcatura di 16 metri d'altezza!

Visita a Longobucco, borgo medievale dell'argento e dei telai

Tradizioni

Visita a Longobucco, borgo medievale dell'argento e dei telai

Longobucco, borgo dalle antiche tradizioni in provincia di Cosenza, nel Parco Nazionale della Sila, è noto per l'arte della tessitura e la Via delle Miniere.