Punto di Interesse

Borgo antico

Via Ferisanto, Morano Calabro, (Cosenza) Tempo di lettura: meno di 1 minuto

Inserito nel circuito de "I Borghi più Belli d'Italia", è uno dei principali centri del Parco Nazionale del Pollino. Di fondata romana (II secolo a.C.), il Borgo viene citato la prima volta come Muranum, stazione della Via Capua-Rhegium, su una pietra miliare, la cosiddetta Lapis Pollae. In epoca altomedievale, durante le incursioni saracene del IX secolo, i moranesi vinsero la Battaglia di Petrafòcu, annualmente ricordata in una rievocazione storica (la Festa della Bandiera) come simbolo dell'indipendenza cittadina, oltre che nello stemma civico. L'antico nucleo del centro urbano è arroccato su un colle di forma conica, alla cui sommità si trovano i ruderi dell'antico Castello Normanno-Sveva. L'abitato degrada dalla sommità alla base del colle, con le abitazioni che sembrano attaccate le une alle altre in un assetto difensivo medievale. Il quartiere di Vigna della Signora, anticamente definito "lo burgo", fuori dalla cinta muraria, è invece settecentesco.

* Michela Mele, Morano Calabro (passeggiate in luoghi d'arte), Morano Calabro, 1997

Potrebbero interessarti