c
Idee di Viaggio

Vacanze a Santa Maria di Leuca: la Porta per il Paradiso

Scritto da Francesco Forestiero, 18/07/19

La Porta del Paradiso. Un gioiello bagnato da due mari. Un luogo unico e suggestivo, carico di cultura e tradizioni

Santa Maria di Leuca, tra turismo e cultura

Descrivere minuziosamente e in ogni sfaccettatura lo splendore di Santa Maria di Leuca sarebbe quasi un’impresa. Richiederebbe ore e ore di lavoro, la scrittura di righe su righe di testo, foto, video e ascolto dei racconti degli abitanti del luogo. E richiederebbe anche la raccolta delle impressioni dei turisti o dei visitatori di che l'hanno visigtata.

Ma una breve visita virtuale no, quella si può fare - forse - anche in un approfondimento come quello che vi apprestata a leggere: uno speciale che basterà – vista la bellezza e la cultura che trasuda il posto – a farvi innamorare subito di un luogo che, per ragioni che vedremo tra poco, viene etichettato come “la Porta per il Paradiso”...

[Marco Rubino/123rf]

Santa Maria di Leuca

Santa Maria di Leuca, frazione di circa mille e duecento abitanti, si trova nel Comune di Castrignano del Capo, in provincia di Lecce.

È il centro abitato più a sud dell’intera provincia, uno degli estremi lembi di quello che viene chiamato "il tacco d’Italia": un posto ad alta vocazione turistica che, ogni estate, diventa ritrovo e crocevia per migliaia e migliaia di vacanzieri provenienti da tutto il mondo.

Da qui è facile raggiungere Gallipoli, Torre Vado, Otranto, Lecce... Ed è anche il posto ideale per trascorrere qualche giorno di tranquillitàin un magico Paradiso diviso tra due mari.

Leuca, tra i due mari

A Punta Mèliso – la zona che racchiude parte della Marina di Leuca – viene posto, in base a una convenzione nautica, il confine fra la costa adriatica e quella ionica: una linea di demarcazione immaginaria fra le acque del Mar Adriatico e quelle del Mar Ionio. Un tracciato però che, al di là delle convenzioni, è spesso anche ben visibile: un lungo solco, ben distinguibile e quasi sicuramente dato dall’incontro tra più correnti (provenienti dal Golfo di Taranto e dal Canale d’Otranto), appare non di rado sulla superficie dell’acqua e suggerisce alla fantasia popolare il confine tra due mari.

Il nome Santa Maria di Leuca

Il nome “Leuca” viene dal greco λευκός (leukós), ovvero “bianco”. Secondo il geografo e storico ellenico Strabone, originariamente il promontorio su cui sorge la frazione era denominato τα Λευκά (le Bianche), a causa, probabilmente, delle splendide rocce bianche perpendicolari sul mare.

Leuca e la Porta per il Paradiso

Santa Maria di Leuca, e in particolare la basilica minore di Santa Maria de Finibus Terrae, è legata alla figura di San Pietro. Fu lui, secondo la tradizione, a cristianizzare un tempio pagano dedicato a alla dea Minerva.

Proveniente dalla Palestina e diretto a Roma, l’Apostolo iniziò la sua opera di evangelizzazione convertendo al Cristianesimo la popolazione locale. Un atto celebrato dalla colonna corinzia del 1694 eretta sul piazzale della Basilica e recentemente ristrutturata.

Posta su un promontorio, la chiesa diventò successivamente uno dei principali centri di pellegrinaggio dell’età antica e medievale.

A Leuca, la devozione per la Madonna di Leuca ha origine nel 365 d.C., quando, il 13 aprile, i pescatori vengono miracolati e salvati da una forte burrasca.

[Mentnafunangann/Wikipedia]

La scalinata di Santa Maria di Leuca

Uno dei simboli di Santa Maria di Lueca è la scalinata di ben 296 gradini che collega la Basilica di Santa Maria de Finibus Terrae al porto sottostante e fa da cornice alla monumentale cascata dell’Acquedotto Pugliese.

Le ville ottocentesche di Leuca

Costruite secondo svariati stili, le ville ottocentesche sono una delle più note attrazioni di Leuca. Verso la fine del diciannovesimo secolo se ne contavano oltre 40. Oggi, molte sono in disuso o appaiono profondamente trasformate. Per la maggior parte la causa è da additare alla Seconda guerra mondiale, durante la quale diverse furono depredate degli elementi decorativi, mentre altre furono requisite e utilizzate per l’accoglienza agli sfollati. Altre ancora subirono gravi danni per poi essere ristrutturate.

[Polalz/Wikipedia]

La Torre dell’Omomorto a Leuca

La Torre dell’Omomorto si trova sul Lungomare Cristoforo Colombo. Risale al XVI secolo e fu fatta costruire dal conte di Alessano Andrea Gonzaga. Viene comunemente contrassegnata come torre “a martello”, ma con una peculiarità: al posto della cannoneria ha una porta. Si chiama così per via di alcune ossa umane ritrovate al suo interno.

Il faro di Leuca

Situato sulla Punta Meliso, fu progettato da Achille Rossi su commissione del Genio civile e fu attivato il 6 settembre del 1866. Alto quasi 50 metri, è a 102 metri sul livello del mare ed emette tre fasci di luce che sono visibili, in particolari condizioni meteorologiche, a oltre 40 chilometri.

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Comune

Castrignano del Capo

Castrignano del Capo è un comune della provincia di Lecce in Puglia, situato nell'estremo lembo della penisola salentina. Rientrano nel suo territorio le frazioni di...

Altri Suggerimenti

Tour delle Isole Greche fai da te: cosa sapere

Idee di Viaggio

Tour delle Isole Greche fai da te: cosa sapere

Stai pensando a un tour delle Isole Greche fai da te? Ecco cosa sapere per organizzare al meglio una settimana in barca nelle Cicladi.  

Visita nel borgo di Clauiano in Friuli: cosa vedere

Idee di Viaggio

Visita nel borgo di Clauiano in Friuli: cosa vedere

L'antico borgo di Clauiano, in Friuli, è uno de "I Borghi più Belli d'Italia". Citato per la prima nel 1013, mantiene intatto l'assetto medievale e le sue tradizioni.

10 cose da vedere a Macerata in un giorno

Idee di Viaggio

10 cose da vedere a Macerata in un giorno

Siamo in una delle città più belle e ricche di storia e cultura delle Marche: ecco 10 cose da vedere a Macerata in un giorno.

Tour tra le pievi romaniche astigiane: quali vedere

Idee di Viaggio

Tour tra le pievi romaniche astigiane: quali vedere

Il tour tra le pievi romaniche astigiane è un itinerario tra colline solitarie, boschi, e borghi medievali dal fascino antico e dai prodotti DOC.

Arquà Petrarca, cosa vedere nel borgo sui Colli Euganei

Idee di Viaggio

Arquà Petrarca, cosa vedere nel borgo sui Colli Euganei

Arquà Petrarca, il borgo sui Colli Euganei che omaggia il grande poeta dello Stilnovo, è uno de I Borghi più Belli d'Italia in un paesaggio incantevole.

Viaggio nel borgo medievale di Canale, in Trentino

Idee di Viaggio

Viaggio nel borgo medievale di Canale, in Trentino

Il borgo medievale di Canale di Tenno, tra "I Borghi più Belli d'italia", è una tappa obbligata per chi desidera vivere il cuore del Trentino.