Aperture straordinarie e visite guidate - ViaggiArt
Parco Villa il Ventaglio aperture straordinarie estate 2018
Altro

Aperture straordinarie e visite guidate

Parco Villa il Ventaglio aperture straordinarie estate 2018. CC BY Mibact
fino a giovedì 30 agosto 2018
via Giovanni Aldini, 10/12, Firenze

Tutti i giovedì (normalmente giorno di riposo settimanale nei mesi estivi) dal 21 giugno  al 30 agosto il Parco resterà straordinariamente aperto al pubblico dalle 8.15 alle 19.30 con visite visite guidate gratuite a cura del personale, in programma a partire dalle ore 15.00.

Una nuova occasione per approfondire la storia e le vicende del Parco storico e dei cinque ettari di patrimonio arbustivo e boschivo che si estendono sulla collina delle Forbici, recentemente riaperti interamente al pubblico grazie al finanziamento tramite Art bonus della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

Progettato e realizzato da Giuseppe Poggi a metà dell’Ottocento, il parco anticipa nel modello compositivo del giardino romantico all’inglese le soluzioni poi adottate per il Viale dei Colli. Il viale che attraversa il parco e risale dolcemente la collina delle Forbici è nuovamente percorribile per l’intero tratto di circa un chilometro. Lungo il percorso oggi, liberate dagli arbusti, si possono ammirare le innumerevoli specie botaniche tra i disegni geometrici delle siepi potate: l’antico glicine sotto il muro perimetrale della villa, le rose antiche, vecchi e giovani esemplari di gelsi, il monumentale cedro del libano e il grande tasso sugli ultimi tornanti nei pressi della villa, il cotogno giapponese e la spirea che decorano il laghetto in mezzo al grande prato del giardino.

In origine si trovava in questo luogo, già nel Quattrocento, una casa da oste con podere, che offriva l'opportunità di una sosta ai pellegrini che da Porta a Pinti si recavano a San Domenico di Fiesole. L'edificio appartenne prima ai Brancacci, poi ai Salvetti, che lo trasformarono in "Casa da signore e lavoratore", tenendolo fino ai primi del Seicento. Successivamente la proprietà passò ai Bardi e agli Usimbardi, e quindi a numerose altre famiglie sino alla vendita nel 1824 al conte milanese Giuseppe Archinto. Egli incaricò l'architetto Giuseppe Poggi di ristrutturare ed ampliare la proprietà. Venne realizzata la Villa in stile neoclassico, con scuderie, accessibili da via delle Forbici. Con la collaborazione del giardiniere e botanico Attilio Pucci, il podere a gelsi e olivi fu trasformato nell'attuale parco romantico: i lavori di movimento di terra durarono fino al 1856; successivamente furono piantati gli alberi (tigli, olmi, ippocastani, bagolari) creando scorci e prospettive che sfruttano il contrasto tra le grandi masse arboree e le ampie superfici a prato. Un elemento caratterizzante è il laghetto romantico, con isoletta e ponticello, nel pratone di ingresso. Dopo l'acquisizione allo Stato nel 1967, tutti i lavori di restauro che sono stati realizzati nel corso degli anni hanno conservato integralmente i valori paesaggistici e ambientali del parco.


Firenze

Firenze

Firenze è la Città Metropolitana capoluogo della regione Toscana, e si estende nella piana attraversata dal fiume Arno. Importante centro universitario e “Patrimonio dell'Umanità” UNESCO, è considerata il luogo d'origine del...

Booking.com