Cattedrale di Santa Maria la Nova (Duomo) - ViaggiArt
Edificio di culto

Cattedrale di Santa Maria la Nova (Duomo)

Vicolo Duomo, Caltanissetta

Nel 1570 fu posata la prima pietra, ma i lavori si conclusero nel 1622. Dal 1718 al 1720 vi lavorò il pittore fiammingo Guglielmo Borremansche, che affrescò la volta e la navata centrale, e dipinse la pala dell'altare maggiore con l'Immacolata Concezione. I lavori per il prospetto e l'innalzamento del campanile sinistro iniziarono nel 1782 e si conclusero con la costruzione del campanile destro nel 1856. Nel 1922 iniziarono i lavori di ampliamento che, dopo l'interruzione della Seconda Guerra Mondiale, furono completati nel 1946. La Cattedrale presenta un'ampia facciata scandita da lesene e affiancate da due campanili. L'interno, a croce latina, è diviso in tre navate sostenute da quattordici arcate, ciascuna dedicata a un personaggio dell'Antico Testamento. Nella seconda cappella di destra si segnala la presenza di una statua lignea dell'Immacolata del 1760, con panneggi in lamina d'argento. Nella cappella situata accanto a quella maggiore trovano posto le rappresentazioni dell'Arcangelo Michele (patrono della città), un simulacro in legno di Stefano Li Volsi, e le sculture marmoree degli Arcangeli Gabriele e Raffaele realizzate da Vincenzo Vitaliano. Sull'altare maggiore si può ammirare la grande pala che raffigura l'Immacolata tra Santi, del Borremans. Infine, un prezioso organo intagliato e decorato, la Madonna del Carmelo, di Filippo Paladini, e un Crocifisso attribuito a fra' Umile da Petralia.

Caltanissetta

Caltanissetta

Di origini incerte, probabilmente sicane, deve il nome agli arabi che conquistarono la Sicilia nell'IX secolo. Trasformata in feudo dai normanni, dopo varie vicissitudini passò nel 1405 sotto il dominio dei Moncada di Paternò, che...

Booking.com