Consigli di viaggio - Idee di Viaggio

Alla scoperta dei siti palafitticoli preistorici delle Alpi

Scritto da Eliana Iorfida, 04/02/20

I siti palafitticoli preistorici dell'arco alpino sono una serie di 111 siti archeologici dislocati sulle Alpi, tra Svizzera, Austria, Francia, Germania, Italia e Slovenia, a costituire uno dei patrimoni più antichi dell'umanità, non a caso preziosi siti UNESCO. 

Dei 111 siti palafitticoli preistorici che si dispongono lungo tutto l'arco alpino, 19 appartengono all'Italia e sono dislocati in cinque regioni: Lombardia, Veneto, PiemonteFriuli Venezia GiuliaTrentino Alto Adige.

Gli altri siti palafitticoli preistorici ricadono nei territori di Svizzera, Austria, Francia, Germania e Slovenia. Tutti collocati nelle immediate vicinanze di laghi, zone umide o comunque ambienti caratterizzati dalla grande abbondanza di acqua, le palafitte italiane si concentrano in prossimità dei laghi di Garda e Varese.

Siti palafitticoli preistorici in Italia

È proprio in Lombardia, più precisamente sul Lago di Varese, che sono state individuate le strutture palafitticole più antiche, risalenti all'inizio del Neolitico; mentre nell'area del Lago di Garda si trova la maggiore concentrazione di palafitte, con più di 30 abitati dislocati sia sulle sponde del lago che nei bacini più interni. 

Tra i siti palafitticoli preistorici in Italia figurano tante meravigliose località, perfette da visitare anche con i bambini, dando loro l'occasione di immergersi pienamente nella cultura preistorica: 

il grazioso Isolino Virginia a Biandronno, nel Lago di Varese; le aree archeologiche visitabili di Polcenigo, Desenzano del Garda, Manerba del Garda, Peschiera del Garda, Muscoline, Piadena, Cavriana, Monzanbano, Biandronno, Bodio Lomnago, Cadrezzate,  Azeglio e Viverone, Arona, Ledro, Fiavè, Peschiera del Garda, Cerea e Arquà Petrarca, presso il Laghetto della Costa.    

siti palafitticoli preistorici dell'arco alpino sono stati iscritti nella lista del Patrimonio UNESCO in quanto rappresentano un gruppo unico, eccezionalmente ben conservato, di siti archeologici culturalmente ricchi, una delle fonti più importanti per lo studio delle prime società agrarie della regione europea.

In particolare, i siti palafitticoli preistorici in Italia testimoniano la vita e le condizioni abitative di comunità preistoriche databili tra il 5000 e il 500 a.C. e mostrano l'utilizzo delle risorse della terra e del mare rappresentative della cultura compresa tra il Neolitico e l’Età del Bronzo. Particolarità degli insediamenti sono proprio le “palafitte”: capanne di paglia, legno, canne o altro materiale, costruite su una piattaforma di legno poggiata su pali fissati sul fondale di fiumi, laghi, lagune, paludi (più raramente terreni asciutti).

Le palafitte sono delle vere e proprie fotografie di vita quotidiana dell'uomo preistorico: raccontano le pratiche legate alle prime forme di agricoltura e allevamento e alle innovazioni tecnologiche.

Siti palafitticoli preistorici nell'arco alpino

Tutti i siti palafitticoli preistorici nell'arco alpino presentano tipologie strutturali simili, identificabili su un modello unitario, che tuttavia si diversificano per il posizionamento della struttura e le tecniche di costruzione che, a loro volta, variano in base alle caratteristiche dei terreni, del clima e delle specifiche esigenze delle comunità. 

Le tipologie abitative più famose sono le cosiddette "palafitte su bonifica" (o semplicemente “Bonifica”), realizzate sulle sponde di un corso d'acqua o un'impalcatura appoggiata al terreno, e le “palafitte aeree”, erette su impalcature sospese a pelo d’acqua.

Oltre a questi straordinari edifici, i siti palafitticoli preistorici nell'arco alpino ci restituiscono importanti frammenti di vasellame, punte, lame, raschiatoi e altri utensili utilizzati nella costruzione stessa dei villaggi e impiegati nella vita quotidiana dai nostri più lontani progenitori. 

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Immagine descrittiva - BY Di Gerhard Schauber - Photographed in May 2005 by Gerhard Schauber, Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=143743 c

Piemonte

Il Piemonte vanta città d’arte, montagne, castelli, piccoli borghi e pievi che si susseguono tra le colline e i vigneti storici di Langhe, Roero e Monferrato...

Altri Suggerimenti

Alla scoperta di Tropea, Borgo dei Borghi 2021

Alla scoperta di Tropea, Borgo dei Borghi 2021

Seguiteci alla scoperta di Tropea, Borgo dei Borghi 2021 e delle meraviglie che le hanno fatto conseguire questo importante riconoscimento.

Emilia Romagna tour: le città più belle da visitare

Emilia Romagna tour: le città più belle da visitare

Pronti per l’Emilia-Romagna tour? Un itinerario alla scoperta di una delle regioni più varie e generose d'Italia, tra arte, cucina e movida.

I borghi più belli del Pollino da visitare

I borghi più belli del Pollino da visitare

Arroccati a mezza costa o ai piedi del massiccio, i borghi più belli del Pollino sono piccoli presepi abitati, dal fascino antico.

Alla scoperta di 5 città poco conosciute da visitare in Italia

Alla scoperta di 5 città poco conosciute da visitare in Italia

Viaggio nella provincia, ovvero tra 5 città poco conosciute da visitare in Italia, veri e propri gioielli da scoprire.

Visitare la Calabria in una settimana

Visitare la Calabria in una settimana

Scopri come visitare la Calabria in una settimana, con un itinerario perfetto da nord a sud e da est  a ovest, che tu sia in macchina o con un trekking coast to coast.

Borghi da visitare in Toscana: i 5 più belli

Borghi da visitare in Toscana: i 5 più belli

Piccoli centri racchiusi da mura medievali, su dolci colline: questa l'immagine da cartolina di 5 borghi da visitare in Toscana.