Consigli di viaggio - Destinazioni

San Galgano e la Spada nella Roccia

Scritto da Redazione , 11/11/15

Esiste un luogo magico e misterioso che sembra aver ispirato l’intera epopea di Re Artù e “I cavalieri della Tavola Rotonda”. Pensate all’Isola di Avalon, o al leggendario castello di Camelot? Vi sbagliate!

Ci troviamo nel borgo di Chiusdino, in provincia di Siena, e il luogo che ci accingiamo a presentarvi è davvero avvolto da un’aura incantata, tanto che non ci sorprenderebbe incontrare da un momento all’altro Mago Merlino col gufo disneyano appollaiato sulla spalla.

Il sito include l’eremo noto anche come “Rotonda di Montesiepi” e l’Abbazia di San Galgano, monastero cistercense attivo già nel 1201. Oggi, le sue monumentali rovine e la mancanza del tetto – elemento comune a molte altre abbazie europee dalla bellezza magnetica, da Melrose in Scozia al Convento do Carmo, a Lisbona – le conferiscono un fascino tutto particolare.

Ma il vero mistero dell’Abbazia è legato alla figura del suo Santo titolare, il cavaliere Galgano Guidotti (Chiusdino, 1148-1181) che, convertitosi dopo una giovinezza turbolenta, si ritirò a vita eremitica in questo luogo tranquillo. Notate un’assonanza tra il nome del nostro cavaliere toscano e Gawain, uno dei cavalieri di Artù? Non è l’unica!

Secondo la tradizione, infatti, nel momento culminante della conversione Galgano infisse nel terreno roccioso del colle di Montesiepi la sua spada di guerriero per rinunciare a una vita violenta e trasformare l’arma in una croce. Gli scettici sono invitati a guardare coi propri occhi l’elsa dell’arma che, ancora oggi, corrosa dal tempo e dalla ruggine, spunta dalla ferita del masso nel quale è conficcata.

Che si tratti dell’autentica Excalibur poco importa, le affinità tra Galgano e Artù sono a dir poco sconcertanti: entrambi cavalieri votati alla vita eremitica, l’uno infigge la spada nella roccia, l’altro la estrae.

Lasciamo dunque l’Abbazia di San Galgano col sole al tramonto, prima che, ricoperta unicamente dalla volta stellata, si popoli di presenze sospese tra sacro e profano, invitandovi a visitarla e godere appieno anche del dolce paesaggio che la circonda e del borgo di Chiusdino, quello sì di origini longobarde.

 

Eliana Iorfida

 

PhCredits

Immagine descrittiva - CC BY c

Chiusdino

Chiusdino è un comune italiano di 2.012 abitanti della provincia di Siena in Toscana. Geografia fisica Territorio Classificazione sismica: zona 2 (sismicità...

Altri Suggerimenti

Monet e Dolceacqua: amore a prima vista

Monet e Dolceacqua: amore a prima vista

Piccolo borgo ligure che si adagia nell’entroterra di Ventimiglia, a cavallo del fiume Nervia, a pochi chilometri dalla Francia, annoverato tra i “i più belli...

In bicicletta con “La libraia di Orvieto”

In bicicletta con “La libraia di Orvieto”

Questa settimana anche “Luoghi di Carta” rende omaggio all’Umbria – che accoglie il team di ViaggiArt tra paesaggi e centri storici intrisi di spiritualità e...

Gerace, il Borgo dei Borghi

Gerace, il Borgo dei Borghi

Il viaggio affascinante alla scoperta dei borghi più belli di’Italia che, durante la scorsa stagione televisiva la trasmissione Rai “Kilimangiaro” ci ha...

Bacco in Frac: il Brunello di Montalcino

Bacco in Frac: il Brunello di Montalcino

Il vino è la prima magia che l’uomo produsse lavorando i frutti che coltivava. La vite, già esistente prima della nascita dell’Uomo, è la pianta usata per...

L’Italia è un labirinto! Voglia di perdersi…per ritrovarsi.

L’Italia è un labirinto! Voglia di perdersi…per ritrovarsi.

Il labirinto racchiude una storia affascinante e complessa, come i percorsi che lo strutturano. Se Teseo ebbe la meglio sul terribile Minotauro grazie alla...

Porto Venere, il Borgo dei Poeti

Porto Venere, il Borgo dei Poeti

In posizione strategica e panoramica, all’estremità occidentale del Golfo dei Poeti, si trova Porto Venere, in provincia di Spezia (Liguria), luogo perfetto per...