Comune

Martina Franca

Martina Franca, (Taranto) Tempo di lettura: meno di 1 minuto

Nota per l'architettura barocca e il Festival Musicale della Valle d'Itria, di cui è il capoluogo, Martina Franca sorge sulle propaggini meridionali della Murgia. Le origini del borgo risalgono al X secolo, quando sul Monte di San Martino sorse un piccolo villaggio di profughi tarantini fuggiti dalle devastazioni dei Saraceni, ai quali si aggiunse successivamente una comunità di pastori. Intorno al 1300 Martina Franca fu eletta Comune. Il territorio, all'epoca, consisteva in un Castello situato storicamente nell'attuale zona denominata "Montedoro". Tra XIV e XV secolo si insediò una comunità ebraica e Martina Franca si munì di una Giudecca, localizzabile nelle attuali Via degli Orfanelli e Vico Montedoro. L'urbanistica del centro storico si caratterizza per abitazioni sviluppate in senso verticale, con i locali a pianterreno, talvolta parzialmente interrati, adibiti a bottega. Caratteristica importante del centro storico erano le vie strette e piene di "spigoli", vicoli ciechi e strade nascoste: un vero labirinto urbano. Questo assetto anticamente presentava un duplice vantaggio: in caso di invasione nemica, infatti, era un mezzo per guadagnare tempo durante un'eventuale fuga o per tendere imboscate ai nemici. Gli esempi più importanti di Barocco e Rococò sono costituiti dalle chiese, in particolare dalla Basilica di San Martino.

Cosa vedere

Cosa fare