Comune

Siracusa

Siracusa

Posta sulla costa sud-orientale dell'isola, Siracusa ha una storia millenaria: la sua fondazione avvenne intorno all'anno 734-733 a.C., ad opera dei Corinzi. Divenne la principale polis della Sicilia greca e vasta metropoli del mondo classico. Fu patria di grandi artisti e filosofi, dando i natali a colui che viene definito il più grande scienziato dell'antichità: Archimede. La città ospitò al suo interno influenti personalità dell'antica Grecia; celebri sono i viaggi di Platone a Siracusa, scelta dal filosofo ateniese per attuare il modello dello Stato ideale. Fu conquistata dall'antica Roma nel 212 a.C. e divenne capitale dell'impero bizantino durante il VI secolo. La conquista araba, avvenuta nell'anno 878, segnò la fine dell'egemonia di Siracusa. Dopo il violento terremoto del 1693, il centro storico della città assunse lo stile barocco che tutt'oggi lo contraddistingue. In epoca moderna fu una delle tappe principali del Grand Tour europeo. Durante la Seconda Guerra Mondiale, nell'anno 1943, venne firmato a Cassibile, all'epoca borgo di Siracusa, l'armistizio che sanciva la cessazione delle ostilità tra il Regno d'Italia e le forze alleate degli anglo-americani. La città di Siracusa, caratterizzata da ingenti ricchezze storiche, architettoniche e paesaggistiche, è stata dichiarata nel 2005, congiuntamente alla Necropoli Rupestre di Pantalica, Patrimonio dell'Umanità UNESCO. La maggior parte del patrimonio religioso è costituito da chiese, monasteri e conventi cristiani. Tra le più notabili strutture, la Chiesa di San Giovanni alle Catacombe, con la più remota cripta di San Marciano, la Chiesa di Santa Lucia alla Badia, la Santa Lucia al Sepolcro e la Rotonda di Santa lucia, tutte e tre dedicate alla patrona della città. Tra le recenti edificazioni spiccano il Pantheon di Siracusa e il Santuario della Madonna delle Lacrime. La più vasta area cimiteriale è rappresentata dal complesso sistema catacombale, tra i più vasti al mondo, risalente all'epoca tardo romana. Il Castello Maniace, in stile gotico, sorse nella prima metà del Duecento, progettato da Federico II di Svevia e rivestì un importante ruolo nella vita militare della città: adibito a prigione e usato per contrastare le incursioni piratesche. Numerosi i forti e le torri d'avvistamento che sorsero in territorio urbano.