Comune

Fiumefreddo Bruzio

Fiumefreddo Bruzio, (Cosenza) Tempo di lettura: meno di 1 minuto

Luogo turistico di grande pregio, inserito dal 2005 nel prestigioso club dei Borghi più belli d'Italia, rappresenta una delle meraviglie storiche paesaggistiche e culturali della provincia cosentina. Il territorio è costituito da un massiccio montuoso-collinare ricco di boschi che degrada in pianori, su uno dei quali si erge il Borgo medievale che costituisce il centro storico di Fiumefreddo. Simbolo architettonico per eccellenza è il Castello, detto "Palazzo della Valle", fu costruito nel 1201 da Simone de Mamistra su una precedente torre di difesa. Nel 1536 il Ccastello di Fiumefreddo venne abbellito secondo i canoni estetici dell'epoca e furono costruite, le mura di cinta del paese e due torri chiamate Golette. Nei primi anni del 1800 il Ccastello fu semidistrutto dai francesi e quel che ne resta è stato restaurato e custodisce i murales di Salvatore Fiume, pittore siciliano contemporaneo di fama mondiale. Nel 1975, infatti, Fiume si offrì gratuitamente di rivitalizzare il centro storico del paese e dipinse alcune pareti del castello e la cupola della chiesa di San Rocco, oltre a offrire, nel corso degli anni '90, una statua di bronzo in ciascuna delle piazzette panoramiche. L'abitato, importante centro storico e culturale che diede i natali anche all'artista Giuseppe Pascaletti (1699-1757), si caratterizza per la Chiesa di S. Chiara (XVI secolo), con tele del Pascaletti e opere d'arte in legno intagliate e dorate del settecento; la Chiesa Madre, con due portali sei-settecenteschi e diverse tele all’interno; la Chiesa di S. Francesco di Paola; i palazzi feudali del XVI-XVII secolo e, immediatamente a monte dell'abitato, verso la stradina che conduce all'Abbazia, la Chiesa del Carmine (XVI secolo).

Consigli di viaggio

Cosa vedere

Dove mangiare

Shopping

Fiumefreddo Bruzio e dintorni

Luoghi

Eventi

Consigli di Viaggio