Comune

Canegrate

Canegrate, (Milano) Tempo di lettura: circa 10 minuti
Canegrate (/kane'grate/, Canegràa in dialetto legnanese) è un comune italiano di 12 468 abitanti della provincia di Milano, distante circa 25 chilometri dal capoluogo lombardo. Geografia fisica Territorio Canegrate è situata nel legnanese, lungo il corso della valle del fiume Olona, a sud delle Prealpi Varesine. Il suolo è principalmente composto da ciottoli, ghiaia, sabbia e argilla. Un tempo era coperto da un sottile strato di humus poco adatto alla crescita di boschi e successivamente alla coltivazione agricola, così da essere in gran parte groana. A causa della presenza di strati argillosi sedimentati in corrispondenza di antichi alvei dell'Olona, il terreno fatica ad assorbire l'acqua piovana. Il territorio ha una superficie di 5.325 km² ed è distribuito su un suolo che ha un'altitudine compresa tra i 182 m ed i 196 m s.l.m.. Secondo la classificazione sismica la città è in zona 4 (sismicità irrilevante), come stabilito dall'ordinanza PCM n. 3274 del 20 marzo 2003. Clima Secondo la classificazione climatica il centro abitato è situato in "zona E", 2617 GR/G. Situata nell'alta pianura padana, Canegrate ha un clima di tipo continentale con inverni freddi con molte giornate di gelo con possibilità di nebbia. Le estati sono calde, umide e moderatamente piovose. Le temperature, in tale periodo, possono superare i 30 °C e l'umidità superare il 90%, causando quel fenomeno di caldo umido comunemente chiamato "afa". Le perturbazioni di stampo atlantico-mediterraneo o da quelle di origine artico-russa sono le principali cause delle precipitazioni atmosferiche. Canegrate, come del resto gran parte della Pianura Padana, soffre di scarsa ventilazione. L'umidità è invece sempre molto elevata per tutto l'anno. Ultimamente, le piogge stanno diventando via via meno frequenti, così come il fenomeno della nebbia. Dal 1º gennaio 2009 presso la sede della Protezione Civile locale, sita a 197 m s.l.m., è operativa una piccola stazione meteorologica. I dati provenienti dalla stazione meteorologica di Milano Malpensa indicano, in base alla media trentennale di riferimento (1961-1990) per l'Organizzazione Mondiale della Meteorologia, che la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta attorno a -4 °C; quella del mese più caldo, luglio, è appena sopra i +28 °C. Le precipitazioni medie annue sono superiori ai 1000 mm e presentano un picco primaverile ed autunnale, con un minimo relativo invernale. Idrografia Canegrate è lambita dal fiume Olona, il cui corso segna il confine con il comune di San Vittore Olona. È stato uno dei fiumi più inquinati d'Italia, anche se la qualità delle acque sta gradualmente migliorando. A Canegrate è presente uno dei svariati depuratori dell'Olona. Oggi, grazie alla costruzione di canali scolmatori, le esondazioni sono diventate eventi rari. Storia La Cultura di Canegrate Nel 1926, presso il rione Santa Colomba, vennero alla luce alcuni reperti archeologici, a questi primi ritrovamenti non fu data molta importanza all'epoca, fino agli anni cinquanta, quando tra il marzo 1953 e l'autunno 1956 furono fatti lavori di scavo per il recupero di altri oggetti: fu scoperta una necropoli di circa 200 tombe, di cui alcune a fossa semplice ed altre a fossa rivestita di pietra e ciottoli, oltre a numerosi oggetti in bronzo. Il sito risultava essere uno dei più grandi dell'Italia settentrionale, venne fatto risalire al 1200 a.C. e classificata tra la media e la recente Età del bronzo. Inoltre vennero rinvenute ceramiche simili ad altre in uso all'epoca a nord oltre le Alpi, probabilmente era una popolazione di guerrieri proveniente dall'Europa centrale, scesa in Pianura Padana attraverso i valichi alpini svizzeri ed il Canton Ticino e si pensa ad una continuità linguistica del canegratese anche durante l'Età del ferro. Origini medievali del borgo A partire dal IV secolo d.C. si verificò in tutta la regione un progressivo calo demografico e il conseguente spopolamento delle campagne fece ingenti danni alla produzione agricola, fattore che contribuì alla caduta dell'Impero romano d'Occidente (476 d.C.). Dopo l'invasione dei Goti nel 533, la zona di Canegrate venne conquistata dai Longobardi nel 568 e Milano fu occupata nel settembre del 569. Dal 774 all'888 il territorio di Canegrate fece parte dell'impero carolingio; durante questi anni possiamo immaginare il paese come un piccolo villaggio costituito da case in argilla attorno alle quali si estendevano coltivazioni di cereali, ortaggi e viti. Successivamente Canegrate venne compresa prima nel contado di Burgaria e poi nel contado del Seprio, due delle "contee" in cui venne diviso il territorio di Milano nel Basso Medioevo. La cittadina venne rasa al suolo da Ottone Visconti nel 1287 nell'ambito della guerra contro i Torriani che di fatto possedevano proprietà terriere a Canegrate. Nel 1261 i canonici agostiniani della chiesa di San Giorgio presso Legnano stipularono la permuta dei loro beni in questa zona, tra cui una cascina denominata Meraviglia, cognome ricorrente nei secoli successivi. Nel 1261 i Torriani vennero in possesso di succinti beni nel territorio ma ne rimasero proprietari solo sino al 1277. Negli Statuti delle acque e delle strade del contado di Milano fatti nel 1346 risulta che Canegrate, definita come "el locho da Canegrà", faceva parte della pieve di Parabiago. Al paese compteva la manutenzione della "strata da Rò". La moderna Canegrate Alla fine del XVIII secolo l'attività principale di Canegrate era l'agricoltura ed in particolare la viticoltura: i vigneti ricoprivano infatti circa il 75% del territorio. Nei decenni successivi cominciò a comparire la bachicoltura, che piano piano prese il posto della coltivazione della vite. Nel XIX secolo però il baco da seta subì nel territorio una grave epidemia, che assieme all'aumento dei canoni di affitto terrieri e dei dazi sui prodotti di prima necessità, inflissero un duro colpo alle attività rurale del paese. Nel 1809, con il decreto "4 novembre 1809 a" emanato da Napoleone Bonaparte, il comune limitrofo di San Giorgio su Legnano venne soppresso ed inglobato nel comune di Canegrate. Nel 1832, Giovanni Battista Rampoldi, nella sua Corografia dell'Italia descrive così il paese di Canegrate: Nel 1901 Canegrate balzò agli onori della cronaca per i tumulti che investirono il territorio lombardo, in particolare quello della provincia di Milano. Alcuni coloni alle dipendenze del duca Giuseppe Visconti di Modrone si ribellarono alle sue pretese economiche e occuparono il palazzo del duca, provocando svariati danni. Solo nel secondo dopoguerra Canegrate conosce una ripresa economica: lentamente abbandonata l'attività agricola e stanziatasi ormai una cultura più industriale, sorsero industrie meccaniche e calzaturiere, che portarono nuovi posti di lavoro ed un conseguente aumento della popolazione. Nel 1962 una parte di territorio del paese venne inglobata nel comune di San Giorgio su Legnano mentre un'altra parte di territorio del comune di San Giorgio su Legnano venne inglobata nel comune di Canegrate. Simboli Lo stemma e il gonfalone sono stati concessi con decreto del Presidente della Repubblica dell'8 ottobre 1959. Stemma Il sito "Comuni italiani" lo descrive così: Lo stemma del comune è un tipico "stemma parlante", cioè all'interno del simbolo vi sono immagini che collegano senza alcun dubbio al possessore di esso. È possibile che per la realizzazione della grata nell'immagini si siano ispirati ad un altro stemma, quello della famiglia lombarda dei Canegra, originari probabilmente di Canegrate, presente a paina 122 dello Stemmario Trivulziano. Gonfalone Monumenti e luoghi di interesse Architetture religiose Chiesa Parrocchiale Santa Maria Assunta Edificio di inizio XX secolo, fu costruito su progetto dell'ing. Arturo Maggi, a partire dal 1936 e consacrato il 15 agosto 1938. La chiesa è di mole imponente (60 m per 26 m) ed è realizzata con mattoni a vista; internamente è costituita da una navata centrale con soffitto a volta e due navate laterali, sulle quali si aprono quattro cappelle, di cui una adibita a battistero. Chiesa di Santa Colomba Posta in contrada S. Colomba (prossima al confine di Legnano e San Giorgio), è dedicata attualmente a Santa Maria del Carmine. Il Tempio viene citato una prima volta nel XIII secolo da Goffredo da Bussero nel Liber notitie Sanctorum mediolanensis: "...de Sancta Columba est ecclesia in loco Canegrate..."; all'epoca era sede della confraternita del Santissimo Sacramento. Notizie più precise giungono dal cardinale Carlo Borromeo, che la vide durante la visita pastorale del 17 ottobre 1566, descrivendola ad unica navata rettangolare, abside semicircolare con copertura in cotto a "guscio di tartaruga", pareti affrescate, pavimentazione in mattoni e campanile con campana, indicandola come dedicata alla "Circoncisione di Nostro Signore Gesù Cristo", con festività il 1º gennaio. Chiesa antica di Santa Maria Assunta Situata in piazza Matteotti, la piazza centrale del paese, ha una datazione incerta. Probabilmente un'antica chiesa esisteva da prima del 1200, ma intorno al 1570 ne venne costruita un'altra sull'antico cimitero, dato che da un documento redatto a Busto Arsizio in quegli anni, un certo Meraviglia di Canegrate donava alcuni beni alla Chiesa. Sul lato est dell'edificio è riportata la data 1588, probabile ristrutturazione o ampliamento, mentre un'altra scritta situata sull'ala ovest riporta l'anno 1755, forse quando fu allestito l'intonaco esterno. Architetture civili Palazzo Visconti-Castelli Il complesso di Palazzo Visconti-Castelli è costituito da due corpi di fabbrica congiunti, di cui il più antico è quello rivolto verso nord: Villa Gallarati-Meraviglia è risalente alla fine del XVIII secolo, in origine dimora dei nobili Meraviglia, è passata poi in mano ai Gallarati; successivamente venne ceduta alla famiglia Castelli, la quale era già dal 1699 proprietaria di oltre metà del territorio canegratese, che edificò la parte più recente. L'intero complesso rimase di proprietà Castelli fino al 1853, quando fu venduta ai Visconti di Modrone, che a loro volta lo vendettero all'industriale Piantanida nel 1920: da quel momento subì varie trasformazioni e usi, fino al frazionamento dell'immobile in vari appartamenti. Con la stesura dell'ultimo piano urbanistico, il comune di Canegrate ha posto sugli edifici il vincolo storico ed il diritto di prelazione in suo favore, con l'intento di acquistarlo e restaurarlo. Aree naturali I boschi ed i prati nei pressi della contrada Baggina e del quartiere Valverde, detti "boschi della Ca' Litta", fanno parte del Parco del Roccolo. Istituito nel 1991 tra i comuni di Parabiago, Busto Garolfo, Casorezzo, Arluno, Canegrate e Nerviano (dal 1997), riconosciuto tale nel 1994 dalla Lombardia, si estende per circa 15.000.000 di m2, ed è atto alla difesa di fauna, flora e attività agricole locali. Viene caratterizzato dalla presenza di specie arboree autoctone (quercia, ciliegio, pino silvestre) ed altre specie introdotte dall'uomo (robinia, castagno, quercia rossa, prunus serotina). Attualmente è in progetto una sua estensione fino all'Oasi WWF del bosco di Vanzago. Dal marzo 2008 il comune è interessato nella zona delle Cascinette dal PLIS dei Mulini, che dal Parco Castello di Legnano, scenderebbe lungo le rive del fiume Olona, attraversando anche i comuni di San Vittore Olona e Parabiago, fino al Monastero degli Olivetani di Nerviano. Altri edifici rilevanti Chiesa di S. Pietro (contrada Cascinette): in passato esisteva sul luogo un piccolo oratorio campestre ma fu demolito nel 1618 su ordine del cardinale Federico Borromeo; l'attuale è di costruzione contemporanea. Chiesetta di S. Antonio (contrada Baggina): fatta erigere nel 1677 da Giovanni Castelli nei pressi della Cascina Baggina (ora scomparsa). Sul territorio esistevano altre chiese che furono demolite: San Vincenzo, San Nazario e San Michele. Casa dell'acqua a fianco del municipio (ex scuola e colonia elioterapica). Società Evoluzione demografica Abitanti censiti Etnie e minoranze straniere Al 31 dicembre 2010 gli stranieri residenti nel comune di Canegrate sono in totale sono 716, il 5,8% di tutta la popolazione. Tra le nazionalità più rappresentate troviamo: Istituzioni, enti e associazioni Canegrate nel passato aveva un ospedale, come descritto nella letteratura medica. Tuttavia, attualmente l'ospedale più vicino è quello di Legnano. Il paese appartiene alla ASL Milano 1, con sede a Legnano. A Canegrate sono presenti numerose associazione di volontariato per l'assistenza sociale. Qualità della vita Nella classifica dei "Comuni Ricicloni" 2010 di Legambiente Canegrate figura al 112º posto tra i comuni sopra i 10 000 abitanti nel nord Italia con un indice di raccolta differenziata del 62,5%. Il 13 maggio 2013 venne istituito il registro delle unioni civili, diventando il 139° comune ad averne uno. Cultura Istruzione Media Stampa A livello di stampa, la città è coperta dal settimanale L'Altomilanese, che le dedica una facciata, mentre altri quotidiani presenti nella vicina Legnano, come Il Giorno o il Settegiorni, offrono spesso notizie riguardanti Canegrate. Televisione A Canegrate sono inoltre presenti dei ripetitori di Tele NBC, rete televisiva gestita dal don di Sant'Ilario Milanese, Giancarlo Guerreschi. Cucina Importante per la cucina locale è la torta di Canegrate, una torta a base di pane, uvetta, pinoli e cacao. Eventi La festa patronale di San Rocco è il 16 agosto. Il primo lunedì del mese di settembre si celebra la festa vera e propria, per le vie del centro storico del paese. Vari commercianti storici del paese allestiscono la loro bancarella. Durante la settimana festiva, molte famiglie fanno in casa la Torta di Canegrate. Molto frequentate sono anche la Sagra del Pesce e la festa della Contrada Baggina, al Centro Diurno Anziani, e la festa dell'oratorio che si svolge nell'oratorio San Luigi. La prima settimana di settembre sino al 2009 a Canegrate si è tenuta la ricorrente "Mostra Mercato" nel Polo fieristico Ex-Borletti. Era una fiera, durante la quale le principali attività commerciali della zona allestivano un proprio stand a scopo pubblicitario, ma a volte anche commerciale. La fiera durava una settimana. A partire dal 2011 è stata istituita la Stracanegrate, una gara podistica non competitiva che si svolge lungo un anello di 10 km che fa il giro del paese. Persone legate a Canegrate Giacomo Bassi (1886-1968), Giusto tra le Nazioni Felice Gajo (1861-1935), imprenditore e politico italiano Geografia antropica Urbanistica Il Comune di Canegrate non comprende frazioni. Suddivisioni storiche Il comune di Canegrate era diviso in contrade o quartieri: la Contrada Baggina oltre la stazione fino al confine con Busto Garolfo, il più grande dei rioni storici, che talvolta viene considerato come Il Centro della cittadina; il più moderno e residenziale Quartiere Valverde, situato ai margini dei boschi del Roccolo in direzione di Ravello e Parabiago; la Contrada Santa Colomba, sul confine con Legnano che comprende l'oratorio Maria Immacolata, la chiesa Parrocchiale e l'asilo delle Suore di San Giuseppe Benedetto Cottolengo; la Contrada delle Cascinette, lungo l'Olona, nei pressi di San Vittore Olona. Economia Infrastrutture e trasporti Strade Ferrovie Canegrate è dotata di una stazione lungo la ferrovia Domodossola-Milano, in cui si fermano prevalentemente i treni della linea S5 del servizio ferroviario suburbano di Milano. Mobilità urbana Canegrate non ha un servizio di trasporto locale. Tuttavia è collegata con i paesi limitrofi con quattro linee di trasporto pubblico, gestite da MOVIBUS: z605, z611, z619 e z643 Amministrazione La città di Canegrate non è gemellata con nessuna altra città del mondo. Nella tabella sono elencati gli ultimi amministratori di Canegrate. Amministrazioni durante il Regno d'Italia Amministrazioni durante l'Italia repubblicana Sport Calcio Dal 1999, ogni anno la società calcistica locale, ovvero il Calcio Canegrate & O.S.L., organizza durante la prima settimana di settembre un torneo per la categoria esordienti (ragazzini dodicenni), al quale partecipano varie squadre dal centro-nord Italia, tra cui grandi club (es. Inter, Juventus, Milan, Torino, ecc.) e squadre minori (es. Legnano, Pro Patria, Pro Sesto, ecc.). Il torneo è diviso in fasi, una prima ed una seconda fase a gironi, una fase di semifinali e la finale. Basket Fondata nel 1976, il Basket Canegrate (sito ufficiale) focalizza la sua attività principalmente sul settore femminile. Vincitrice del Campionato Regionale di Serie B 2013/14, ottiene la promozione al Campionato Nazionale di Serie A3 Karate Le arti marziali sono presenti grazie all'ASD Karate Shin Ken. Minigolf Canegrate è anche provvista di un'attrezzatura privata atta allo svolgimento del Minigolf. Infatti, tra l'11 ed il 25 agosto 2007 ha ospitato il X campionato mondiale di minigolf, per le categorie donne, uomini, nazionali femminili e nazionali maschili. Impianti sportivi Centro Sportivo "S. Pertini", via Terni Centro Sportivo "Falcone e Borsellino", via Toti Tensostruttura, via dei Partigiani Centro sportivo "Don Milani", via Toti n. 67 Personalità sportive legate a Canegrate Edmondo Colombi (Canegrate, 16 novembre 1928), ex calciatore dell'A.C. Legnano Note Bibliografia Comune di Canegrate, Storie... di cortili, Canegrate, Il Guado, 2000. Voci correlate Felice Gajo Torta di Canegrate Stazione di Canegrate Chiesa della Beata Vergine Assunta (Canegrate) Chiesa di Santa Colomba Chiesa antica di Santa Maria Assunta (Canegrate) Palazzo Visconti-Castelli Altri progetti Commons contiene immagini o altri file su Canegrate Wikivoyage contiene informazioni turistiche su Canegrate Collegamenti esterni Canegrate in Open Directory Project, Netscape Communications. (Segnala su DMoz un collegamento pertinente all'argomento "Canegrate") Sito del comune di Canegrate Sito della fiera di Canegrate Canegrate Partecipa - sito del bilancio partecipativo di Canegrate

Ci spiace, non siamo in grado di mostrarti nulla di bello.

Se vuoi suggerirci un luogo da visitare, un evento o se vuoi raccontarci una storia su Canegrate, scrivi una email a info@viaggiart.com