Museo_Tibaldo c
Museo

Museo Tibaldo Giancarlo

VIALE STAZIONE, 44, Brogliano, (Vicenza)
Nel Museo Tibaldo Giancarlo trovano spazio:
- I primi apparecchi dell'evoluzione del suono dal 1880 con gli strumenti come il clavicordo, i piani melodici, gli organetti a rullo, meccanici, manuali e con motori a molla, dai fonografi di Edison a rulli, cera e bachelite, agli affascinanti grammofoni da sala e casa a tromba e a valigetta, fino ai registratori a filo metallico e nastro magnetico.
- La storia della radio attraverso un viaggio con migliaia di pezzi da tutto il mondo, molti dei quali unici, che mostra l'evolversi di questo strumento anche attraverso forme e materiali pregiati come legni intarsiati a mano e bachelite, dagli importanti brevetti di Tesla a quelli di Marconi.
- La nascita del pre-cinema e del cinema, da fine Settecento con le prime lanterne magiche alimentate a gas per riprodurre figure dipinte artisticamente su appositi vetrini, per passare poi alle prime immagini animate, ai proiettori della ditta Pathè, fino a giungere alle macchine da cinema degli anni Sessanta.
- La storia della fotografia attraverso i suoi numerosi scopritori che negli anni passarono dalla lastra di vetro alla pellicola.
- La storia del telefono, dall'invenzione del telefono di Meucci agli interfoni, dittafoni e apparecchi per registrare, ascoltare e cancellare.
- Un angolo dedicato alla Ducati, che prima di diventare la famosa casa motociclistica dei giorni nostri, grazie all'ingegno dei tre fratelli Adriano, Marcello e Bruno, a partire dal 1924 costruiva condensatori, radio, proiettori, macchine fotografiche, calcolatrici e rasoi elettrici.
- La storia dell'elettricità applicata alla medicina attraverso l'elettrostatica, l'ottica e la meccanica della metà del Settecento alla metà del Novecento.
- La Storia della Bachelite
- La Storia del Telefono
- La Storia della Televisione
- La Storia della Rumi
- La Storia del Microscopio
Ma all'interno del museo non è difficile imbattersi anche in numerosi e curiosi brevetti rimasti per sempre sconosciuti, frutto del grande genio umano che però per un motivo o per l'altro non hanno conosciuto mai applicazione.
Un patrimonio che grazie a Giancarlo Tibaldo viene messo a disposizione della collettività, questo perché possedere qualcosa di speciale, acquista un valore diverso se invece di rimanere nascosto in un ambiente privato viene messo a disposizione di chi vuol conoscere, vedere e capire l'evoluzione della comunicazione in oltre 200 anni di storia.
Storia della comunicazione audio-video-musicale e della scienza applicata alla medicina

Potrebbero interessarti