Chiesa di San Cristoforo - ViaggiArt
Edificio di culto

Chiesa di San Cristoforo

Via San Cristoforo, 5, Vercelli

Nel centro storico di Vercelli sorge quella che è nota come la “Cappella Sistina” della città: la chiesa di San Cristoforo. L’importanza artistica di questo complesso si deve all’opera pittorica di uno dei maggiori esponenti dell’arte rinascimentale italiana, Gaudenzio Ferrari, che qui lavorò dal 1529 al 1534. Il suo incredibile talento si ravvisa già a partire dalla pala d’altare nell’abside, nota come “Madonna degli aranci”: le cosiddette “arance” che il Ferrari dipinge sull’ albero alle spalle della Vergine sono in realtà delle mele, in una specifica varietà della sua terra d’origine, la Valsesia. Infine, uno dei due angioletti raffigurati regge in mano un violino, probabilmente la prima rappresentazione pittorica di tale strumento nella storia. Lungo il transetto destro si apre la cappella della Maddalena, dove si susseguono gli episodi della vita di Maria Maddalena, ispirati alla Legenda aurea di Jacopo da Varagine; completa la composizione una grandiosa Crocifissione che è forse la scena di maggior tensione drammatica di tutto il ciclo di affreschi. Nel transetto sinistro, si apre la cappella della Beata Vergine incentrata sulla vita della Vergine; spicca tra i vari riquadri affrescati una maestosa Assunzione.

Info:

Feriali e festivi, 7.45-11.45 e 15.30-18.30

Vercelli

Vercelli

Vercelli è la città piemontese cui Dante ha riservato la maggiore attenzione: ha ricordato Vercelli non per un'astratta notazione geografica, ma per delineare un paesaggio naturale armoniosamente composto, capace di suscitare...

Booking.com