Comune

Valperga

Valperga, (Torino) Tempo di lettura: meno di 1 minuto
Valperga (così anche in piemontese) è un comune italiano di 3.171 abitanti della provincia di Torino, nella zona del Canavese, in Piemonte, da cui deriva Valperga Canavese, denominazione talvolta erroneamente utilizzata. Fa parte della Comunità Montana Alto Canavese ed ospita nel proprio territorio il Sacro Monte di Belmonte, riconosciuto come bene del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO. Amministrazione Geografia Il comune di Valperga confina con i seguenti comuni: Cuorgnè, Pertusio, Prascorsano e Salassa. Valperga è uno dei dodici comuni della Comunità Montana Alto Canavese; inoltre è uno dei comuni alle pendici del Sacro Monte di Belmonte, uno dei sette Sacri Monti del Piemonte e Riserva Naturale Speciale con una legge regionale del 1991. Valperga dista circa 40 km da Torino. Ambiente e tutela del paesaggio Valprerga offre varie escursioni naturalistiche. La più interessante a livello di importanza storica è la via pedonale che collega il centro di Valperga con il Sacro Monte di Belmonte, quest'ultimo notevole dal punto di vista storico, artistico e culturale. Dal centro di Valperga, in direzione Pertusio, vi è una strada secondaria sulla sinistra che permette di raggiungere due piccoli laghetti noti come "Laghetti Azzurri" (visibili dall'alto anche dalla terrazza panoramica di Belmonte), molto suggestivi nel periodo invernale quando ghiacciano. Persone legate a Valperga Felice Barucco, pittore del XIX secolo; torinese di nascita, visse i suoi ultimi anni e morì a Valperga Curiosità La bandiera del Comune riprende l'antico stemma della casata dei Valperga, raffigurante una piantina di canapa. Evoluzione demografica Abitanti censiti Luoghi d'interesse Sacro Monte di Belmonte Chiesa di San Giorgio Chiesa parrocchiale della Santissima Trinità Il castello di Valperga Note ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT; URL consultato in data 28-12-2012.

Cosa vedere