Destinazioni - Comune

Asciano

Luogo: Asciano (Siena)
Asciano è un comune italiano di 7.249 abitanti della provincia di Siena in Toscana. Sorge a circa 20 km a sud-est del capoluogo, nel cuore delle Crete senesi. L'attuale centro storico, di origini medievali, conserva pregevoli monumenti. La parte occidentale e meridionale del territorio comunale si caratterizza per un susseguirsi di biancane e calanchi che formano il suggestivo paesaggio dalle caratteristiche lunari delle crete senesi, conosciuto fin dal Medioevo come Deserto di Accona. Geografia Territorio Diffusività atmosferica: media, Ibimet CNR 2002 Storia La leggenda di fondazione vuole la città sorta su iniziativa di Ascanio, figlio di Remo e fratello di Senio, che fondò invece Siena. In realtà i ritrovamenti archeologici nella zona dimostrano un'origine etrusca, con necropoli databili al VII-I secolo a.C. (tumulo di Molinello) o alla seconda metà del V a.C. (Poggio Pinci). In età longobarda ad Asciano esistette una pieve, contesa tra i vescovi di Siena e Arezzo. Più tardi fu feudo dei conti Cacciaconti-Scialenga (IX secolo), finché non venne acquistato da Comune di Siena nel 1275. Nel Trecento i senesi rafforzarono le mura, tenedolo fino alla caduta della Repubblica nel 1554. Da allora ha seguito le vicende del Granducato di Toscana. Il 19 aprile 1862 nei pressi di Asciano avvenne un grave incidente delle Ferrovie Centrali Toscane, in cui persero la vita 22 soldati e 60 persone rimasero ferite. Storia naturale Nel 2008, dagli affioramenti di argille plioceniche situati a pochi km dal centro abitato, sono riemersi i resti fossili di una specie di delfino vissuto nella zona oltre 3 milioni di anni fa, in un periodo in cui gli attuali calanchi erano il fondale del mare tirrenico. Il reperto è stato considerato dagli studiosi di grande valore scientifico perché si tratta di una specie fossile mai studiata in precedenza. Monumenti e luoghi di interesse Architetture religiose Collegiata di Sant'Agata Chiesa di San Bernardino Chiesa di San Francesco Chiesa di San Lorenzo Chiesa di Sant'Agostino Pieve di Sant'Ippolito Oratorio della Compagnia di Santa Croce Cappella di San Giuseppe Monastero di San Cristoforo a Rofeno Cappella dei Santi Fabiano e Sebastiano Chiesa della Madonna del Giardino a Camparboli Chiesa del Sacro Cuore a Arbia Chiesa della Madonna del Castellare Chiesa della Medaglia Miracolosa a Castelnuovo Scalo Pieve dei Santi Nazario e Celso a Chiusure Chiesa di Santa Maria Assunta a Chiusure Chiesa di San Michele Arcangelo a Chiusure Chiesa della Compagnia del Santissimo Sacramento a Chiusure Santuario della Madonna delle Grazie a Chiusure Chiesa di Santa Lucia a Medane Chiesa di Sant'Andrea a Mucigliani Abbazia di Monte Oliveto Maggiore Cappella della Madonna dell'Onigo a Monte Oliveto Maggiore Cappella di San Benedetto a Monte Oliveto Maggiore Cappella di San Bernardo Tolomei a Monte Oliveto Maggiore Cappella di Santa Croce a Monte Oliveto Maggiore Cappella di Santa Francesca Romana a Monte Oliveto Maggiore Cappella di Santa Scolastica a Monte Oliveto Maggiore Pieve di San Vito in Versuris, nei pressi di Torre a Castello Pieve di San Martino in Grania Cappella di Baccoleno, presso l'omonima località Chiesa di Santa Francesca Romana a Bollano, presso l'omonima località Cappella della Campana, presso l'omonima località Cappella di San Pietro a Casabassa, presso l'omonima località Cappella di Casabianca, presso l'omonima località Cappella dei Santi Martino e Antonio a Castelnuovo Grilli, presso l'omonima località Chiesa di San Giovanni Battista Decollato a Collanza, presso l'omonima località Cappella di Santa Maria Goretti a Cristena, presso l'omonima località Chiesa di San Bartolomeo a Leonina, presso l'omonima località Cappella di San Filippo Neri a Moccio, presso l'omonima località Chiesa dei Santi Sabino e Alberto a Montalceto, presso l'omonima località Oratorio di Sant'Elisabetta a Montalceto, presso l'omonima località Chiesa di Sant'Andrea a Montauto, presso l'omonima località Chiesa di San Bartolomeo a Monte Sante Marie, presso l'omonima località Oratorio di Santa Maria Maddalena a Monte Sante Marie, presso l'omonima località Cappella di San Matteo a Montebaroni, presso l'omonima località Chiesa dei Santi Cristoforo e Giacomo a Montecalvoli, presso l'omonima località Chiesa e canonica di San Clemente a Montecerconi, presso l'omonima località Chiesa di San Giovanni Evangelista a Montecontieri, presso l'omonima località Chiesa di Santa Maria in Montemori, presso l'omonima località Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo a Monteucci, presso l'omonima località Cappella di Santa Maria al Palazzaccio, presso l'omonima località Cappella di Palazzo Monaci, presso l'omonima località Cappella di Palazzo Primo, presso l'omonima località Cappella di Poggio Pinci, presso l'omonima località Cappella di Santa Lucia a Pulteno, presso l'omonima località Cappella di Rosennano, presso l'omonima località Cappella di Santa Maria a Salteano, presso l'omonima località Cappella di San Placido a Segale, presso l'omonima località Chiesa di San Clemente e della Natività di Maria a Torre a Castello Tabernacolo di Torre a Castello, nei pressi dell'omonima località Chiesa di San Florenzo a Vescona, presso l'omonima località Pieve di San Giovanni Battista a Pievina, nell'omonima località presso Vescona Architetture civili Torre della Mencia (la torre civica di Asciano) Palazzo del Podestà Palazzo Cacciaconti Palazzo Corboli Pozzo di palazzo Corboli Palazzo Fabbri Palazzo Tolomei Palazzo Tommasi Fonte della Pianella Fonte del Grano Fornace di Asciano Casa del Fascio Ponte del Garbo Fattoria di Camposodo, nell'omonima località Fattoria di Castelrenieri, nell'omonima località Fattoria Chigi a Vescona Palazzo dello Spedale a Chiusure Pozzo di Chiusure, nell'omonima località Foresteria di Monte Oliveto Maggiore Peschiera di Monte Oliveto Maggiore Pozzo dell'abbazia di Monte Oliveto Maggiore Podere di Palazzo Monaci, nell'omonima località Podere di Rosennano, nell'omonima località Villa della Campana, nell'omonima località Villa di Casabianca, nell'omonima località Villa di Castelnuovo Grilli, nell'omonima località Villa Spennazzi a Medane Villa di Montalceto, nell'omonima località Terme di Montalceto, nell'omonima località Villa di Montauto, nell'omonima località Villa di Montemori, nell'omonima località Villa del Palazzaccio, nell'omonima località Villa di Palazzo Primo, nell'omonima località Villa Bargagli Stoffi a Poggio Pinci Villa Pini a Poggio Pinci Oliviera di Poggio Pinci Villa di Salteano, nell'omonima località Villa di Segale, nell'omonima località Villa di Torre a Castello, nell'omonima località Architetture militari Mura di Asciano Castello di Calceno, nell'omonima località Castello di Chiusure, nell'omonima località Castello di Leonina, nell'omonima località Castello di Monselvoli, nell'omonima località Castello di Montebaroni, nell'omonima località Castello di Montecalvoli, nell'omonima località Castello Ugurgieri a Monte Sante Marie Castello di Vescona, nell'omonima località (fortificazione scomparsa che sorgeva presso l'attuale Fattoria Chigi) Torre a Castello, torre che conferisce la denominazione alla località in cui sorge Torre di Monte Oliveto Maggiore, nell'omonima località Torre di Sant'Alberto a Montalceto Torre di San Giuseppe, presso Stazione di Asciano Musei Museo di palazzo Corboli (Civico, archeologico e d'arte sacra), classificato dal Daily Telegraph tra i quindici migliori piccoli musei in Italia. conserva, tra l'altro, la pala della Natività della Vergine del Maestro dell'Osservanza Museo Cassioli (conserva importanti opere di pittura senese del XIX secolo) Società Evoluzione demografica Abitanti censiti Etnie e minoranze straniere Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 786 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano: Romania 232 (3,20%) Serbia 112 (1,55%) Albania 90 (1,24%) Eventi Una delle manifestazioni più importanti di Asciano è il "Palio dei Ciuchi" una competizione che si tiene la seconda domenica di settembre: attorno al vecchio stadio comunale "G. Marconi" corrono dei somari al posto dei cavalli ognuno rappresentante una delle sette contrade del paese (il Corso, il Prato, la Tranquilla, la Corona, la Stazione, Piazza del Grano, la Pergola). Ogni contrada ha dei propri colori ed un proprio emblema. Corona: rosso e giallo, il simbolo è una corona Reale. Corso: blu e giallo, il simbolo è la torre civica dell'orologio. Pergola: verde e giallo, il simbolo è una vite. Piazza del grano: rosa, nero e bianco, il simbolo è la fontana collocata in Piazza del grano. Prato: bianco e verde (e nero), il simbolo è un gallo. Stazione: bianco e nero (e giallo), il simbolo è una locomotiva. Tranquilla: rosso e bianco, il simbolo è una colomba. Amministrazione Gemellaggi Il Comune è gemellato con il Nicchio, una delle 17 contrade di Siena Il Comune è gemellato con la La Roque-d'Anthéron. Note ^ Comune di Asciano - Statuto. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012. ^ Dato Istat all'1/1/2010. ^ a b c Toscana. Guida d'Italia (Guida rossa), Touring Club Italiano, Milano 2003, p. 637. ISBN 88-365-2767-1 ^ La scoperta e lo scavo sono stati effettuati dai ricercatori del Museo Geopaleontologico GAMPS ^ Scheda su Cretesenesi.com ^ Italy's best small museums - Telegraph ^ Statistiche I.Stat ISTAT URL consultato in data 28-12-2012. Voci correlate Asciano il centro delle Crete Crete senesi Deserto di Accona Stazione di Asciano Altri progetti Commons contiene immagini o altri file su Asciano
Immagine descrittiva - c

Cosa vedere