Consigli di viaggio - Luoghi di Carta

Messina, Don Chisciotte e le Crociate

Scritto da Eliana Iorfida, 26/11/15

Dalla vasta pianura della Mancha spagnola, punteggiata dai caratteristici mulini a vento imbiancati a calce, ai miraggi che prendono forma a pelo d’acqua sullo Stretto di Messina il passo è più breve di quanto si pensi. Non ci credete?

Ebbene, sappiate che lo scrittore Miguel de Cervantes Saavedra compose la sua opera più importante, una delle più rappresentative della letteratura di tutti i tempi, proprio nella città siciliana.

Cervantes si era arruolato nella flotta cristiana partita alla volta di Lepanto dal porto di Messina nel 1571, la cosiddetta “Lega Santa” capitanata da Don Giovanni d’Austria (cui la città dedicò un monumento), per affrontare il nemico ottomano in acque greche. Tornato esausto dalla battaglia, Cervantes venne ricoverato presso l’Ospedale Maggiore della città e proprio qui, durante il periodo di convalescenza, abbozzò la prima stesura del suo capolavoro, “El ingenioso hidalgo don Quijote de la Mancha”, ovvero “Don Chisciotte della Mancia” (pubblicato in due volumi a distanza di dieci anni l’uno dall’altro, 1605-1615).

Benché il pretesto narrativo sia legato allo storico Cide Hamete Benengeli, di cui Cervantes dichiara d’aver trovato e tradotto il manoscritto arabo che narrava le vicende del bizzarro cavaliere, è facile intuire che l’atmosfera messinese del tempo abbia certamente concorso ad alimentarne fantasie e suggestioni. Ne sono la prova ben due novelle ispirate a Messina: “Il dottor Vetrata” e “L’amante generoso” (1613). Senza contare che lo stesso Don Chisciotte ricorda il personaggio di Colapesce, leggendario uomo-anfibio che vive nelle acque dello Stretto, molto caro alla letteratura popolare messinese.

Dunque, da bravo “cavaliere errante”, Don Chisciotte attraversa el Siglo de Oro in compagnia del suo fido scudiero Sancho Pancia – definito da Kafka “la sua vera disgrazia” – sovrapponendo in modo avvincente storia e mito, allucinazioni e miraggi di un Mediterraneo arabeggiante e favolistico che accomuna, quasi senza soluzione di continuità, Spagna, Grecia, Medio Oriente e Sicilia.

 

Eliana Iorfida

 

PhCredits

Immagine descrittiva - CC BY c

Messina

Sorge nei pressi dell'estrema punta nordorientale della Sicilia (Capo Peloro), sullo Stretto che ne porta il nome. Il suo porto, scalo dei traghetti, è il primo in...

Altri Suggerimenti

San Galgano e la Spada nella Roccia

San Galgano e la Spada nella Roccia

Esiste un luogo magico e misterioso che sembra aver ispirato l’intera epopea di Re Artù e “I cavalieri della Tavola Rotonda”. Pensate all’Isola di Avalon, o...

Mantova Capitale Italiana della Cultura 2016

Mantova Capitale Italiana della Cultura 2016

Sospesa tra cielo e terra, la bellezza sognante di Mantova si specchia sulle acque dei tre laghi che la circondano e ispira da sempre generazioni di scrittori:...

Ammaliati dallo Stretto, tra miraggi e mostri marini

Ammaliati dallo Stretto, tra miraggi e mostri marini

Luogo di fascino e suggestione per eccellenza, lo Stretto di Messina ha sempre generato miti e suscitato, tra i suoi flutti spumeggianti, fantasie e ispirazioni....

Primo Sale: il pecorino siciliano d'eccellenza

Primo Sale: il pecorino siciliano d'eccellenza

Il Primo Sale, ovvero il pecorino siciliano ai primi stadi di maturazione, è un prodotto tutto da scoprire. Ecco cosa sapere!

L’Italia è un labirinto! Voglia di perdersi…per ritrovarsi.

L’Italia è un labirinto! Voglia di perdersi…per ritrovarsi.

Il labirinto racchiude una storia affascinante e complessa, come i percorsi che lo strutturano. Se Teseo ebbe la meglio sul terribile Minotauro grazie alla...

Il Festival della Letteratura e del Diritto di Palmi tra cultura, natura e bellezza

Il Festival della Letteratura e del Diritto di Palmi tra cultura, natura e bellezza

Giunto nel 2018 alla sua V Edizione, il Festival della Letteratura e del Diritto “Città di Palmi”, oltre a sviluppare ogni anno temi di grande interesse con...