Museo

Palazzo Reale di Torino (Sito UNESCO)

Piazzetta Reale - Piazza Castello, Torino

Nel 1563, con il trasferimento della capitale del ducato da Chambéry a Torino, Emanuele Filiberto di Savoia stabilì la propria residenza nel palazzo del vescovo, presso il Duomo; già nel 1584, tuttavia, Carlo Emanuele I affidò all’architetto Ascanio Vittozzi la costruzione di una nuova fabbrica. Dopo il 1643, con la reggenza di Maria Cristina di Francia, la direzione dei lavori passò a Carlo di Castellamonte e quindi a Carlo Morello. Parallelamente si procedeva all’arredo delle sale di parata al primo piano, caratterizzate dai ricchissimi soffitti in legno intagliato e dorato con grandi tele allegoriche di Jan Miel e Charles Dauphin, i cui soggetti esaltano le virtù del sovrano secondo un programma iconografico dettato dal retore di corte Emanuele Tesauro. Nel 1688 il pittore Daniel Seiter venne chiamato da Roma per affrescare la galleria da allora detta “del Daniel”. Seiter, affiancato dal pittore genovese Bartolomeo Guidobono, intervenne anche nell’appartamento al pianterreno, detto poi di Madama Felicita. Sul finire del Seicento, l’impianto del giardino fu rivisto e ampliato dal celebre architetto francese André Le Notre. Quando Vittorio Amedeo II ottenne il titolo regio, nel 1713, fu creata la cosiddetta “zona di comando”, annessa al palazzo e costituita dalle Segreterie, dagli Uffici, dal Teatro Regio e dagli Archivi di Stato. Regista di tali interventi fu l’architetto messinese Filippo Juvarra, che all’interno del palazzo realizzò l’ardita Scala delle Forbici e il Gabinetto Cinese. Diversi ambienti sono ornati da dipinti di Claudio Francesco Beaumont, pittore ufficiale di Carlo Emanuele III, salito al trono nel 1730. Alla partenza di Juvarra per Madrid la carica di primo architetto regio passò a Benedetto Alfieri, che definì gli apparati decorativi degli appartamenti al secondo piano, rinnovò la Galleria del Daniel e allestì le nuove camere degli Archivi, affrescate da Francesco De Mura e da Gregorio Guglielmi. Al tempo di Carlo Alberto (1831-1849) furono rinnovate, sotto la direzione del bolognese Pelagio Palagi, alcune sale del piano nobile, quali il Salone degli Svizzeri e la Sala del Consiglio, nonché una parte degli appartamenti al secondo piano. A ridosso dell’Unità d’Italia, nel 1862, fu realizzato il nuovo scalone d’onore. Con il trasferimento della capitale da Torino a Firenze e poi a Roma, il palazzo perse progressivamente le sue funzioni di residenza; dal 1955 è in consegna alla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici.

Comune

Torino

Prima capitale del Regno d'Italia (1861-1865), è uno dei maggiori poli universitari, artistici, turistici, culturali e scientifici d'Italia, oltre che fulcro...

Altri Suggerimenti

I 5 fiumi più lunghi d'Italia

Idee di Viaggio

I 5 fiumi più lunghi d'Italia

Sono i 5 fiumi più lunghi d'Italia e offrono spunti per suggestivi itinerari fluviali, trekking e passeggiate in ciclovia lungo gli argini e in città.

Come vincere un weekend nel Piemonte che non ti aspetti

News

Come vincere un weekend nel Piemonte che non ti aspetti

Al via il concorso Piemonte che non ti aspetti: ecco come vincere due notti in una località turistica piemontese usando Instagram.

I 5 vini italiani più amati e venduti all'estero

A Tavola

I 5 vini italiani più amati e venduti all'estero

Che lingua parla il vino nel mondo? Ovviamente l'italiano! Ecco la Top 5 dei vini italiani più amati e venduti all'estero.

Torino città magica: tour tra i luoghi della magia

Esperienze

Torino città magica: tour tra i luoghi della magia

Torino città magica tour è l'inediata passeggiata notturna tra i luoghi della magia bianca e della magia nera. Paura?

Bungee jumping in Italia: dove farlo e quanto costa

Esperienze

Bungee jumping in Italia: dove farlo e quanto costa

Sogni un’attività ad alto tasso di adrenalina all’aria aperta? Scopri dove praticare Bungee Jumping in Italia: dove farlo e quanto costa. 

Tour del Piemonte in camper: tra vino e castelli

Esperienze

Tour del Piemonte in camper: tra vino e castelli

Vino, castelli, borghi medievali e itinerari immersi nella natura, questi gli elementi e cosa vedere in tour del Piemonte indimenticabile.