Consigli di viaggio - Esperienze

La Basilica di Superga a Torino: come arrivare

Scritto da Redazione , 06/10/20

Il complesso della Basilica di Superga a Torino è un gioiello settecentesco del Juvarra. Nota per ospitare le tombe dei Savoia e l'omaggio al Grande Torino, la basilica è tra le cose da non perdere quando si visita la città.

Da tre secoli riferimento per i torinesi e per i turisti, la Basilica di Superga a Torino è un simbolo architettonico e spirituale potente. Una scala a chiocciola conduce alla cupola e a un panorama unico sulla città di Torino e sulle Alpi innevate.

Basilica di Superga: un pò di storia

Basilica di Superga, Torino 1706: la città subisce l'invasione dell'esercito franco-spagnolo; il duca Vittorio Amedeo II e il principe Eugenio di Savoia-Soisson osservano dall'alto del colle di Superga l'evolversi della battaglia.

Là sorge la piccola chiesa nella quale il duca fa un voto preciso al cospetto della Madonna delle Grazie: se vinceranno i piemontesi, in quel punto innalzerà una basilica in onore della Vergine. 

Fu così che per onorare il suo impegno, Vittorio Amedeo fece erigere il santuario dall’architetto di corte, Filippo Juvarra, che per realizzare il complesso dispose niente meno l'abbassamento del colle di Superga di 40 metri.

La Basilica di Superga a Torino è anche un importante mausoleo italiano: nei suoi sotterranei, infatti, trovano posto le Tombe Reali dei Savoia, impreziosite da cimeli e opere d’arte scultoree; nell'attiguo convento, invece, si possono ammirare quelle che furono le stanze dell’Appartamento Reale e la Sala del Re, 5 ambienti che ospitavano i reali durante i loro soggiorni in collina e conservano ancora oggi gli arredi originali. 

Le sei cappelle interne, le statue e i quattro altari, così come l'altare maggiore, sono interamente realizzati in marmo di Carrara. Le tele e la cupola riprendono l'opera del Borromini.

Tragedia di Superga: omaggio al Grande Torino

Quandoi si vista la Basilica di Superga, a Torino, è doveroso rendere omaggio a una delle squadre di calcio più amate, vittima di una tregedia che è rimasta ferita aperta nel cuore di tutti gli italiani: la tragedia di Superga del Grande Torino.

Era il 4 maggio del 1949 quando l'aereo su cui viaggiava l'intera squadra del Toro andò a schiantarsi esattamente sul convento della Basilica di Superga a Torino.

In memoria di quella leggendaria formazione, pluricampione d’Italia con 5 scudetti consecutivi e serbatoio di talenti per la Nazionale dell'epoca, simbolo dello sport ancora sano e pulito, è stata posta una lapide commemorativa, meta di tifosi e non.

Basilica di Superga: come arrivare

Come raggiungere la Basilica di Superga dal centro di Torino? Molto semplice...

  • Da Piazza Castello: linea 15, direzione Sassi.
  • Da Piazza Vittorio Veneto: linee 61 e 68, sempre in direzione Sassi.

Basilica di Superga: orari

TOMBE REALI

  • ESTATE (dal 1 marzo al 31 ottobre):
  • Dal Venerdì alla Domenica: 10:30 – 13:30 e 14:30 – 18:00 (ultimo ingresso 17:30)
  • OTTOBRE
  • Dal Giovedì alla Domenica: 10:30 – 13:30 e 14:30 – 18:00 (ultimo ingresso ore 17,45, senza prenotazione).
  • INVERNO (dal 1 novembre al 31 gennaio):
  • Il Sabato, la Domenica e i Festivi: 10:00 – 13.30 e 14.30 – 18:00 (ultimo ingresso 17:15)
  • INVERNO (dal 1 al 29 febbraio):
  • La Domenica e i Festivi: 10:00 – 13.30 e 14.30 – 18:00 (ultimo ingresso 17:15).

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Immagine descrittiva - BY Foto di Narcis Ciocan da Pixabay c

Torino

Prima capitale del Regno d'Italia (1861-1865), è uno dei maggiori poli universitari, artistici, turistici, culturali e scientifici d'Italia, oltre che fulcro...

Altri Suggerimenti

A casa di Pirandello per i suoi 150 anni

A casa di Pirandello per i suoi 150 anni

“Luigi Pirandello compie 150 anni e li festeggia invitandoci tutti nella sua casa natale, nell’incanto di Agrigento, divenuta museo e riaperta al pubblico per...

Il nome della rosa e la Sacra di San Michele

Il nome della rosa e la Sacra di San Michele

Scopri i misteri di un luogo straordinario come la Sacra di San Michele, la maestosa abbazia che ha ispirato Il nome della Rosa.

Nella gola delle Valli Cupe, il secondo canyon d’Europa

Nella gola delle Valli Cupe, il secondo canyon d’Europa

Camminiamo in fila indiana, stretti tra pareti sedimentarie che ci sovrastano; un rivolo d’acqua cristallina ci scorre accanto. Non siamo in Arizona, al centro del...

San Patrizio, un pezzo d’Irlanda a Firenze

San Patrizio, un pezzo d’Irlanda a Firenze

Tra le numerose le città italiane che oggi, 17 Marzo, celebrano il Santo irlandese, Firenze è quella che più di tutte ama tingersi di verde d’Irlanda e indossare...

“La corrispondenza” dal Borgo Ventoso di Tornatore

“La corrispondenza” dal Borgo Ventoso di Tornatore

Lo aveva annunciato lo stesso Jeremy Irons: le riprese de “La corrispondenza”, il film di Tornatore, ci fanno scoprire una location davvero magica, sospesa su...

Torino tra storia mito e leggenda

Torino tra storia mito e leggenda

Torino è una tra le città più ricche di fascino, l’atmosfera che regala è densa di storia e di simboli che rendono questa città magica. Qui si incrociano...