Parco

Riserva e Centro di Ambientamento "Golia Corvo"

SP255, Longobucco, (Cosenza)

La Riserva è situata in posizione centrale sull’altopiano della Sila Grande su rocce in prevalenza granitiche. L’area occupa parte del bacino del torrente Cecita fino alla sua immissione nell’omonimo lago artificiale. La platea geologica è costituita esclusivamente da graniti che alterandosi danno origine a terreni sciolti, non molto fertili. Nonostante ciò possono essere considerati dei buoni suoli forestali. Il clima secondo il De Philippis è di tipo mediterraneo con inverni non troppo rigidi e estati non molto calde, ma siccitose. Secondo la classificazione del Pavari la riserva rientra interamente nella fascia fitoclimatica del Fagetum, sottozona calda con transizioni alla sottozona fredda. 

Flora e vegetazione: Il soprassuolo è composto da 320 ha di fustaia pura di Pinus nigra var. laricio (pino laricio) e da 20 ha di fustaia mista di Fagus sylvatica (faggio) e Abies alba (abete bianco).

Fauna: tra i mammiferi frequentano l’area Capreolus capreolus (capriolo) e Cervus elaphus (cervo) grazie alle reintroduzioni operate a fine degli anni ottanta dall’allora Parco Nazionale della Calabria in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato.

Longobucco

Longobucco

Longobucco è posta sulla fiancata Nord della Sila a 30 Km. da Mirto Crosia e a 40 da Camigliatello sul percorso della Silana di Rossano. Secondo alcuni studiosi Longobucco risale all'epoca della Magna Grecia, tanto da identificare...