News

Torna il Giro d'Italia in Sila: ricordando Merckx a Montescuro

Scritto da Alfonso Bombini, 06/10/20

L’epica del ciclismo conosce bene la Sila. Il Bosco d’Italia ha guadagnato il suo posto negli annali del Giro d’Italia grazie a Montescuro, un valico a quota 1618 metri sul livello del mare.

Eddy Merckx non ha mai dimenticato quel giorno del 1972. Era in difficolta, assalito dalle critiche della stampa e in ritardo sulla maglia rosa Jose Manuel Fuente, lo spagnolo che sognava di arrivare primo alla passerella di Milano. Tutto sembrava confermare questo copione poco eccitante.

La Sila, però, è un posto magico dove persino un campione in crisi riprende il suo scettro, tagliando per primo il traguardo volante di Montescuro davanti a Fuente che crolla definitivamente in discesa. Il resto è una fuga a due con Gösta Petterson, poi vincitore di tappa a Catanzaro senza opposizione del talento belga.

Ma grazie a una montagna calabrese sarà Eddy Merckx il “Cannibale” a trionfare nel Giro d’Italia del 1972.

Memorie dalla corsa rosa che mercoledì 7 ottobre 2020 passa ancora tra queste alture (tappa Mileto-Camigliatello Silano), attraversate in autunno dai cercatori di funghi, soprattutto i prelibati porcini e tra qualche giorno battute dagli amanti del folliage, nome francese per la classica camminata in cerca di colori e foglie morte. Malinconia e bellezza a mezzora dalla città di Bernardino Telesio. Un parco nazionale, due impianti per sport invernali, laghi e vasti campi di patate completano un paesaggio per tutte le stagioni.

A valle sono finite le feste patronali con la tradizionale “Cuccìa”, un piatto tipico di grano bollito e maiale con l’aggiunta, a volte, di carne di pecora. C’è chi dice derivi dal cous-cous. È una prelibatezza. Se fosse in vita il mitico Gianni Mura, racconterebbe il Giro chiedendoci di mangiarne un po’, bevendo un buon Magliocco, rosso calabrese di carattere e forza.

Come lo sono queste montagne, piene di alberi e radure, luoghi dove il distanziamento sociale imposto dal Covid19 diventa possibilità di respirare l’aria più pulita del mondo, conferma un autorevole studio giapponese. Posti dove il silenzio diventa poesia e racconti, neve e inverni. 

E tornanti dove, da un momento all’altro, può spuntare Eddy Merckx.

Leggi anche:

Alfonso Bombini

Alfonso Bombini è un giornalista professionista di Casali del Manco, in provincia di Cosenza. Redattore e firma di Calabria Ora, poi Ora della Calabria. Ha scritto anche per La Provincia di Cosenza. Si è occupato di comunicazione politica e istituzionale. Appassionato di fotografia, cinema e tennis. A giugno 2020 ha, purtroppo per lui, compiuto già 41 anni.

Immagine descrittiva - BY Alfonso Bombini c

Parco Nazionale della Sila

Il Parco Nazionale della Sila, si estende su un territorio che abbraccia tutte e tre le aree silane (Sila Greca, Grande e Piccola). Il simbolo del Parco è il Lupo...

Altri Suggerimenti

OpenUp.Gift, un sito per sostenere il mondo dell'arte e della cultura

OpenUp.Gift, un sito per sostenere il mondo dell'arte e della cultura

Siamo a Cosenza, in Calabria, in piena zona rossa. Da un gruppo di professionisti del posto nasce l'idea di realizzare un sito web www.openup.gift per sostenere le...

Capitale Italiana Cultura 2022: la top 10

Capitale Italiana Cultura 2022: la top 10

Svelate le 10 finaliste che si contenderanno il titolo di Capitale Italiana della Cultura 2022.

Archivio Mad Firenze: l'arte contemporanea in un clic

Archivio Mad Firenze: l'arte contemporanea in un clic

Nasce Mad Archival Platform, progetto unico in Italia, che racchiude in digitale l'arte contemporanea presso l'Archivio Mad Firenze.

Cos'è UNESCO ResiliArt, movimento globale per artisti e cultura

Cos'è UNESCO ResiliArt, movimento globale per artisti e cultura

Nasce UNESCO ResiliArt, il nuovo moviemento di artisti, intellettuali e craetivi a sostegno della cultura e dell'arte.

Van Gogh in digitale: la grande mostra di Padova in prima serata

Van Gogh in digitale: la grande mostra di Padova in prima serata

La grande mostra padovana, Van Gogh. I colori della vita, ormai chiusa per il DPCM, passa al web e incontra la musica e la lettura.

Guadalajara, Capitale Mondiale Libro 2022 per l'UNESCO

Guadalajara, Capitale Mondiale Libro 2022 per l'UNESCO

Guadalajara Capitale Mondiale del Libro 2022 per l'UNESCO. Selezionata per le politiche sul libro e la lettura, il sociale e la pace.