Castello Malaspina | ViaggiArt
Castello

Castello Malaspina

Via Roma, Carrara, (Massa-Carrara)

Le prime notizie del Castello risalgono al 1187, forse su precedenti fortificazioni bizantino-longobarde. Passato sotto diversi dominatori, dal 1448 il Castello di Carrara è la residenza principesca del piccolo stato indipendente, legato ai Campo Fregoso di Genova e Sarzana. Nel 1473, Jacopo Malaspina lo sceglie come residenza principale, preferendola alla più grande e munita Rocca di Massa, ampliandola con cortili, loggiati e la "camera picta". Dal 1540 al 1549, il Cardinale Innocenzo III Cybo, Governatore di Carrara, crea un nuovo Palazzo-fortezza in stile ferrarese, con sculture, reperti romani, quadri, affreschi, circondato da un vasto giardino adorno di fontane marmoree. Allestisce anche la ricca "Biblioteca Cybo", con codici miniati e prime opere a stampa e, nel torrione centrale della Rocca, raccoglie il medievale Archivio Notarile di Carrara. Nel 1557, Alberico I Cybo-Malaspina costruisce la seconda cerchia muraria, unita alla monumentale "Porta Nuova". Persa la vecchia funzione militare, il Castello di Carrara rimane simbolo del potere ducale fino al 1796, poi è occupato dalle truppe di Napoleone, che trafugheranno sculture e quadri, disperdendo l'Archivio e devastando il giardino. Nel 1806, Elisa Bonaparte-Baciocchi, Duchessa di Lucca e Massa, destina il Castello a sede della "Ducale Accademia d'Arte di Carrara". Tuttora, il castello ospita alcuni spazi didattici dell'Accademia.

Cava principale di marmo di Carrara

Carrara

Carrara

È la cava di marmo più importante al mondo, entrare nel ventre della sua montagna scolpita è come fare un viaggio al centro della Terra, non a caso l'emblema della città di Carrara è una ruota col motto latino Fortitudo mea in rota...

Booking.com