Comune

Candelo

Candelo, (Biella) Tempo di lettura: meno di 1 minuto
Candelo (Candèj in piemontese, Canderium in latino) è un comune italiano di 8.060 abitanti della provincia di Biella, in Piemonte.Il centro storico è conosciuto soprattutto per la presenza dell'omonimo ricetto medioevale. Il suo territorio boschivo denominato Baraggione fa parte della Riserva naturale orientata delle Baragge.Monumenti e luoghi d'interesseChieseChiesa di Santa Maria Maggiore - situata in via Roma, è una chiesa risalente al XII secolo. Ha subito ripetute modifiche e ampliamenti fino al XVIII secolo. Preziose sono le rifiniture interne in legno; conserva opere d'arte del XVII secolo.Chiesa di San Lorenzo - è situata nella omonima via, e la sua originaria edificazione viene fatta risalire ad un periodo antecedente l'anno 1000. È stata interamente ricostruita in stile barocco nella seconda metà del XVII secolo. Opere artistiche e preziose finiture in legno vi sono conservate all'interno.Chiesa di San Pietro.ArcheologiaSito di Ysangarda - situato nella Baraggia è una zona di interesse archeologico nella quale sorsero tra il XII e il XV secolo un villaggio ed una serie di fortificazioni appartenute alla potente famiglia Vialardi.Evoluzione demograficaAbitanti censiti AmministrazioneGalleria fotograficaNote^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.^ DATI ISTAT^ Pagina web sul sito della Pro-Loco di Candelo www.prolococandelo.it (consultato nell'agosto 2010)^ Statistiche I.Stat - ISTAT; URL consultato in data 28-12-2012.^ Comune di Candelo, La Repubblica; risultati on-line su www.repubblica.it (consultato nel giugno 2014)Altri progetti Commons contiene immagini o altri file su CandeloCollegamenti esterniSito della Pro LocoSito ufficialeCandelo in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.

Cosa vedere