Volti di Palmira ad Aquileia - ViaggiArt
Volti di Palmira ad Aquileia
Mostra

Volti di Palmira ad Aquileia

Volti di Palmira ad Aquileia. CC BY 2017 - Man Aquileia -
fino a martedì 03 ottobre 2017
via Roma, 1, Aquileia, (Udine)
Volti di Palmira ad Aquileia, la mostra che apre il 2 luglio al Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, costituisce il terzo appuntamento, dal fortissimo valore simbolico, di quel percorso sull’“Archeologia ferita” che la Fondazione Aquileia, in collaborazione con il Polo museale del Friuli Venezia Giulia, ha intrapreso nel 2015 con l'esposizione di alcune opere del Museo del Bardo di Tunisi, per dare conto di quanto accade ormai da anni nei Paesi teatro di distruzioni e violenze operate dal terrorismo fondamentalista.
L’esposizione, a cura di Marta Novello e Cristiano Tiussi – nata dalla collaborazione tra la Fondazione Aquileia e il Polo Museale del Friuli Venezia Giulia-Museo Archeologico Nazionale di Aquileia grazie ai prestiti concessi dal Terra Sancta Museum di Gerusalemme, dai Musei Vaticani, dai Musei Capitolini, dal Museo delle Civiltà-Collezioni di Arte Orientale “Giuseppe Tucci”, dal Museo di Scultura Antica “Giovanni Barracco”, dal Civico Museo Archeologico di Milano e da una collezione privata – raccoglie sedici pezzi originari di Palmira  – alcuni dei quali riuniti per la prima volta dopo la loro dispersione nelle collezioni occidentali– e otto da Aquileia che vogliono dimostrare, pur nella distanza geografica e stilistico-formale, il medesimo sostrato culturale che accomuna le due città, mediante l’utilizzo di modelli autorappresentativi e formule iconografiche affini. L’esposizione ha costituito, inoltre, l’occasione per restaurare i reperti concessi in prestito dalla Custodia di Terra Sancta, con un intervento finanziato e coordinato dal Polo museale del Friuli Venezia Giulia. La mostra ha ricevuto il patrocinio della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e del Ministero degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale ed è realizzata anche grazie al sostegno di Fondazione Nazionale delle Comunicazioni, Gruppo Danieli, Friulana Gas, Cassa Rurale Fvg, e Confindustria Udine.
Palmira era città carovaniera dai contorni mistici, definita nel corso delle varie epoche “città delle palme”, “sposa del deserto”, “Venezia delle sabbie”, la cui posizione, a confine tra Oriente e Occidente, ne ha segnato il destino.
Una posizione questa che l’accomuna ad Aquileia. Il carattere di Palmira, quale vivace crocevia di idee, aspirazioni, usi e costumi, di correnti formali e stilistiche locali, orientali, ma anche greche e romane, ha dato forma all’immagine che i suoi abitanti hanno voluto fare e lasciare di sé, consegnandola all’eternità attraverso i loro monumenti funerari. Fra i materiali maggiormente significativi dell’arte palmirena, i rilievi funerari rivestono un ruolo di grande importanza nell’affermazione della fama mondiale della città. Grazie alla diffusione di questi originali reperti, gli antichi cittadini di Palmira, “con i loro volti, i loro abiti e i loro gioielli”, per usare le parole del famoso archeologo francese Paul Veyne, sono diventati ora “cittadini del mondo”: la mostra vuole far conoscere al mondo contemporaneo gli antichi cittadini del mondo, indicandone mansioni e ruoli. 
Pur a fronte dei caratteri spiccatamente orientali e della rigida frontalità che li contraddistinguono, i rilievi palmireni condividono forme e modalità di auto-rappresentazione comuni a tutto l’Impero Romano. Si potrà ammirare l’inconfondibile stile scultoreo caratteristico delle botteghe palmirene, che quasi ritaglia nella materia in modo minuzioso i dettagli decorativi, in modo grafico, poco profondo e molto efficace.


EVENTI COLLATERALI

Volti di Palmira ad Aquileia sarà accompagnata dalla mostra fotografica Sguardi su Palmira – fotografie di Elio Ciol eseguite il 29 marzo 1996”, che si terrà nei nuovi spazi della Domus e Palazzo episcopale in piazza Capitolo e sarà costituita da venti preziosi scatti inediti del Maestro prima delle recenti distruzioni.
Sarà inoltre esposta in piazza Capitolo la scultura “Le memorie di Zenobia” dell’artista contemporaneo siriano Elias Naman, generosamente prestata da Danieli. 

Dal 16 luglio al 9 settembre sarà inoltre possibile visitare la mostra il venerdì sera, dalle 19.30 alle 22.30. Aperture straordinarie sono previste anche lunedì 3 luglio e lunedì 14 agosto, dalle 15.00 alle 19.00.
Nel corso dell'estate sono inoltre state programmate una serie di visite tematiche, curate dal Servizio Educativo del Museo Archeologico Nazionale di Aquileia e realizzate in collaborazione con l'Associazione Culturale Studio Didattica Nord Est. Le visite saranno comprese nel regolare costo d'ingresso: per partecipare si richiede la prenotazione scrivendo all'indirizzo museoaquileiadidattica@beniculturali.it oppure telefonando dal lunedì al venerdì in orario 9.00-13.00 al numero 0431 91035. 
Il calendario completo è scaricabile dal sito del Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, all'indirizzo http://www.museoarcheologicoaquileia.beniculturali.it

Collegate alla mostra saranno infine le conferenze del professor Daniele Morandi Bonacossi, docente di Archeologia del Vicino Oriente all'Università di Udine e direttore di missioni archeologiche a Palmira e a Ninive in Iraq (2 luglio al MAN, alle ore 17.30), del professor Paolo Matthiae, insigne archeologo, autore degli scavi di Ebla in Siria  (26 luglio), del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale sul commercio illegale di antichità che, come è noto, è uno dei mezzi di finanziamento dei terroristi (8 settembre).  
Durante l’Aquileia Film Festival il 26 luglio verrà inoltre proiettato il cortometraggio “Quel giorno a Palmira” di Alberto Castellani, con l’intervista a Khaled al-Asaad, e il 29 luglio la prima italiana del film “Destruction of Memory”, di Tim Slade.

Foto e video dal backstage della mostra sono visibili sui profili facebook ed instagram del Museo Archeologico Nazionale di Aquileia con gli hashtag #VoltidiPalmiraadAquileia, #roadtoPalmira, #temporaryexhibitions e #MANoncifermiamomai.

Aquileia

Aquileia

Aquileia (Aquilee in friulano standard, Aquilea in friulano goriziano) è un comune italiano di 3.398 abitanti della provincia di Udine in Friuli-Venezia Giulia. Colonia romana fondata nel 181 a.C., fu capitale della X regione augustea e...

Booking.com