Consigli di viaggio - Idee di Viaggio

Visita nel borgo di Clauiano in Friuli: cosa vedere

Scritto da Redazione , 17/02/20

L'antico borgo di Clauiano, in Friuli, è uno de "I Borghi più Belli d'Italia". Citato per la prima volta dalle fonti nel 1013, oggi mantiene intatto il proprio assetto medievale e le tradizioni rurali che lo caratterizzano.

"Pieris e claps", ovvero pietre e sassi, l'appellativo di Clauiano in Friuli, che grazie al suo fascino d’altri tempi è uno de "I Borghi più Belli d'Italia".

Villaggio rurale friulano con le case di sassi spaccati, i portali di pietra con le chiavi di volta in forma antropomorfa, le insegne seicentesche dei calzolai ancora sulle facciate e gli affreschi devozionali, il borgo di Clauiano è ormai noto agli studiosi e agli appassionati di fotografia e architettura, che qui trovano inalterata nel tempo l'originaria pianta medievale e una serie di tradizioni ancora vive.

Cosa vedere a Clauiano

Il borgo di  Clauiano mantiene la sua precisa identità contadina nella struttura delle abitazioni e nella funzione di ogni singolo edificio.

Il fogolâr, il foledôr, il granaio e le piccole tracce di una storia che non è fatta di grandi architetture né grandi eventi, ma è quella del vivere quotidiano.

Un piccolo gioiello friulano il borgo di Clauiano, dove visitare la Chiesa di San Marco, in posizione più appartata e di origini trecentesche, con tracce di affreschi della prima metà del XV secolo, e la Chiesa di San Giorgio, di origini antiche, con un notevole fonte battesimale cinquecentesco attribuito a Pietro da Carona.

Nel nucleo storico di Clauiano spiccano gli edifici più antichi, disposti attorno alle due chiese. La tipologia abitativa è essenzialmente quella della tipica casa friulana: il fronte principale sulla strada, uno splendido portale in pietra e la corte interna. Casa Gardellini, del XV secolo, è la più vecchia del borgo di Clauiano e conserva sulla facciata una decorazione bianca e rossa con motivi a losanga.

Un tipico complesso padronale friulano del secolo XVIII è invece Villa Ariis, composto da più rustici annessi e da un grande orto racchiuso in una muraglia merlata. La facciata presenta un portale in pietra sormontato da una bifora e il Leone di San Marco. Simile il complesso degli edifici che formano la coeva Casa Palladini, con un impianto ha forma di "Z" su due corti.

In questo casolare è possibile apprezzare il grande focolare con cappa e camino dalle forme venete, il colonnato della loggia, la meridiana sulla facciata principale, le vasche in pietra dell’acquaio e nelle corti, i caminetti del granaio con cui si riscaldavano gli ambienti dove erano allevati i bachi da seta.

La vicina casa Bellotto è del 1791 e presenta una facciata con muratura a vista e portale centrale ad arco con conci in pietra.

Casa Foffani è invece un palazzotto urbano dell’800, che esibisce stucchi settecenteschi, i cui fabbricati rustici erano utilizzati per la produzione e la conservazione del vino, del tabacco, delle granaglie e per l’allevamento del baco da seta. 

Infine, tra le cose da vedere nel borgo di Clauiano, Villa Manin: pregevole dimora nobiliare settecentesca, appartenuta a uno dei più importanti casati della Serenissima. La villa, di forme classiche, è preceduta dalla corte d’onore, con splendidi portali e finestre riquadrate in pietra.

Cosa fare a Clauiano

Non solo passeggiate tra i vicoli, se vi state chiedendo cosa fare a Clauiano.

Il paesaggio friulano offre in quaesta zona la possibilità di praticare percorsi ciclabili segnalati e sentieri per il trekking lungo l’argine del torrente.

Il borgo di Clauiano ospita inoltre un club e una scuola per aerei ultraleggeri, con aeroporto; una scuola di equitazione e attività di ippoterapia presso la Famiglia Piani.

Dal borgo di Clauiano si raggiungono facilmente alcune tra le località più interessanti del Friuli: a soli 4 km c’è Palmanova, la città “a forma di stella a nove punte", nata come fortezza veneziana; poco distante, le splendide città romane di Aquileia e Cividale del Friuli.

Cosa mangiare a Clauiano

Forte della propria tradizione contadina, se vi state chiedendo cosa mangiare a Clauiano la risposta è : zuppa di farro. 

Tra i prodotti da assaggiare, il miele prodotto con sistemi tradizionali, e quelli preparati con le farine integrali e biologiche dell’antico Molino Moras.

A Clauiano si va anche per cantine, a degustare i vini bianchi e rossi con il marchio DOC “Friuli Aquileia”.

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Immagine descrittiva - CC BY-SA Di YukioSanjo - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=85724399 c

Trivignano Udinese

Trivignano Udinese (Trivignàn in friulano) è un comune italiano di 1.681 abitanti della provincia di Udine in Friuli-Venezia Giulia. Società Evoluzione...

Altri Suggerimenti

Capodanno nelle Cinque Terre

Capodanno nelle Cinque Terre

Avete già pianificato il Capodanno? Noi di ViaggiArt  suggeriamo una destinazione irresistibile: brindare nell’incanto delle Cinque Terre!

Zungri, la piccola Petra calabrese

Zungri, la piccola Petra calabrese

Ai piedi del Monte Poro, poco distante da Tropea e dalla splendida Costa degli Dei esiste un luogo magico, noto come “Grotte degli Sbariati”, che poco ha da...

Curon Venosta, storia di un paese sommerso

Curon Venosta, storia di un paese sommerso

Il campanile che riemerge dal Lago di Resia nello stemma comunale di Curon Venosta, borgo della Val Venosta noto anche come il “Paese Sommerso”, è quello del XIV...

Sicilia araba, da Mazara a Palermo Capitale della Cultura

Sicilia araba, da Mazara a Palermo Capitale della Cultura

Il nostro viaggio alla scoperta dell’arte e delle atmosfere islamiche della Sicilia parte da Mazara del Vallo, prima conquista siciliana in ordine di tempo da parte...

Sul “set” di Pentedattilo, paese fantasma

Sul “set” di Pentedattilo, paese fantasma

Il borgo fantasma di Pentedattilo, uno dei più caratteristici della Calabria grecanica, è ricco di storia e leggende. Scopriamole insieme!

La Rimini di Fellini in 8 tappe e 1/2

La Rimini di Fellini in 8 tappe e 1/2

Benché il grande Maestro non abbia mai girato un film nella sua Rimini, la capitale della Riviera Romagnola – città di antiche origini gallo-celtiche – ne ha...