Consigli di viaggio - Itinerari

A caccia di paesaggi nelle Terre di Piero

Scritto da Eliana Iorfida, 02/10/15

Terra ospitale e ricca di storia, nascosta tra le colline e l’Appennino centrale, il Montefeltro offre ai suoi visitatori un percorso di grande impatto artistico e culturale, oltre che paesaggistico. Luogo segnato dal passaggio di nobili casate, confraternite e ordini religiosi, che si snoda tra sentieri secolari battuti da artisti e viandanti, il Montefeltro è oggi parte integrante di un circuito turistico che lascia a bocca aperta: le Terre di Piero, itinerario interregionale a cavallo tra Marche, Umbria, Toscana ed Emilia Romagna.

Piero della Francesca ha lasciato capolavori ovunque abbia messo piede. Partendo da Urbino, città dichiarata interamente “Patrimonio UNESCO”, e dalla Galleria Nazionale delle Marche, lasciamo gli occhi sulla silente “Madonna di Senigallia” e sulla misteriosa “Flagellazione” per perderci nella stanze maestose del Palazzo Ducale , tra i numerosi gioielli nascosti, come lo Studiolo di Federico da Montefeltro, al quale Piero della Francesca dedicò i suoi Trattati di Matematica e Geometria.

Che dire dei paesaggi che fanno da sfondo ad alcuni dei suoi più celebri dipinti? Mappati da due studiose che amano definirsi “cacciatrici di paesaggi”, sono stati identificato in ben 7 “Balconi” dislocati tra Marche e Romagna, dai quali, affacciandosi, è possibile confrontare ogni dettaglio del dipinto con la realtà che si ha davanti agli occhi.

In direzione della Toscana, presso San Leo, riconosciamo ad esempio il paesaggio che fa da sfondo al ritratto di Battista Sforza, sposa di Federico da Montefeltro, nel celebre “Dittico dei Duchi.

Gli affacci sono tanti e il gioco “trova le differenze” finisce per appassionarci e farci immergere nell’arte e nella bellezza delle Terre di Piero.

 

Eliana Iorfida

 

PhCredits

Immagine descrittiva - CC BY c

Urbino

Tra i centri più importanti del Rinascimento italiano, capitale dei Montefeltro, Urbino conserva appieno l'eredità architettonica dell'epoca, tanto che il suo...

Altri Suggerimenti

Colpendolo con cosa? Col pendolo!

Colpendolo con cosa? Col pendolo!

Immaginate la scena: Galileo Galilei cerca di spiegare al Granduca l’esperimento grazie al quale ha scoperto che la Terra si muove. Lo scienziato si trovava nella...

Il Palazzo Te a Mantova: se quelle mura potessero parlare…

Il Palazzo Te a Mantova: se quelle mura potessero parlare…

Come dire che il Manierismo si fa architettura. Edificio complesso e intrigante sotto molti aspetti, da quello strutturale a quello iconografico e simbolico, nasce...

Come produrre un buon Vin Santo Toscano

Come produrre un buon Vin Santo Toscano

Il Vin Santo viene prodotto in Toscana, terra famosa in tutto il mondo per i suoi Rossi pregiati. Scopri come viene prodotto!

Pisa e la vera storia del “Conte cannibale”

Pisa e la vera storia del “Conte cannibale”

Tra i personaggi dei quali la storia della letteratura ci ha consegnato un’immagine macabra e, per certi aspetti, impietosa, il Conte Ugolino della Gherardesca è...

Il tesoro di Montecristo, leggenda o realtà?

Il tesoro di Montecristo, leggenda o realtà?

Il tesoro della famiglia Spada, grazie al quale Edmond Dantès (alias, il conte di Montecristo) consuma la sua inesorabile vendetta, era già leggenda duecento anni fa, prima che il Monastero di San Mamiliano – posto sull’omonima Isola di Montecristo, nell’

Calcio storico fiorentino: scopri tutte le curiosità

Calcio storico fiorentino: scopri tutte le curiosità

Firenze, oltre alle note bellezze artistiche, è famosa anche per un'antica tradizione: il Calcio Storico Fiorentino. Scopri di più!