• Seguici sui nostri social
  • facebook
  • twitter
  • instagram
Comune

Tovo San Giacomo

Tovo San Giacomo, (Savona) Tempo di lettura: circa 6 minuti
Tovo San Giacomo (u Tu in ligure) è un comune italiano di 2.542 abitanti della provincia di Savona in Liguria. Con Magliolo, Giustenice, Rialto, Calice Ligure, Finale Ligure, Pietra Ligure, Borgio Verezzi e sostanzialmente costituisce l'entroterra della conurbazione costiera che si estende da Borgio Verezzi a Borghetto Santo Spirito. Geografia fisica Il comune è situato in val Maremola, sulla sponda sinistra del torrente omonimo, sulle pendici meridionali del colle dei Folchi a 321 m s.l.m. Specie nella parte alta del Maremola sono conservati ancora piacevoli scorci panoramici ed ambientali molto interessanti. Partendo dal vecchio mulino "du Piu" si percorre l'antica via del Ferro (le odierne via Teso e via Ferro) verso l'entroterra e si può giungere fino alle sorgenti del torrente in località Isorella nel comune di Magliolo, attraversando le tipiche fasce coltivate ad alberi di frutta e verde ornamentale. Il territorio comunale è formato, oltre che dal capoluogo, anche dalle due frazioni di Bardino Nuovo e Bardino Vecchio per una superficie territoriale di 9,45 km². Confina a nord con il comune di Rialto, a sud con Pietra Ligure e Borgio Verezzi, ad ovest con Magliolo e Giustenice, ad est con Calice Ligure e Finale Ligure. Dista circa 30 km a sudovest di Savona e 80 km a sudovest di Genova. Storia Il territorio dell'odierno comune tovese, già antico possesso dei vescovi di Albenga, fu compreso nella Marca Aleramica dal X secolo e successivamente passò a Bonifacio del Vasto nel 1091. Fu quindi dominio dei marchesi Del Carretto, signori di Savona e di Finale Ligure, nel XII secolo. Così come l'intero territorio feudale del carrettesco Marchesato di Finale passò sotto l'influenza della Spagna nel 1598 e, seguendone le sorti storiche finalesi, dal 1713 come territorio della Repubblica di Genova. Già diviso nelle due principali comunità di Tovo e di Bardino, il territorio tovese-bardinese fu ulteriormente scorporato nelle tre municipalità distinte quali Tovo, Bardino Vecchio e Bardino Nuovo, frazionamento riconosciuto nel 1797 con le fasi iniziali della dominazione napoleonica nei territori dell'ex repubblica genovese. Con la dominazione di Napoleone Bonaparte i territori rientrarono dal 2 dicembre 1797 nel Dipartimento del Letimbro, con capoluogo Savona, all'interno della Repubblica Ligure. Dal 28 aprile del 1798 con i nuovi ordinamenti francesi, fecero parte del IV Cantone, con capoluogo Bardino, della Giurisdizione delle Arene Candide e dal 1803 centro principale del VI Cantone della Maremola nella Giurisdizione di Colombo. Annessi al Primo Impero francese dal 13 giugno 1805 al 1814 furono inseriti nel Dipartimento di Montenotte. Nel 1815 i tre territori furono inglobati nel Regno di Sardegna, così come stabilì il Congresso di Vienna del 1814, e successivamente nel Regno d'Italia dal 1861; con deliberazione del Consiglio Comunale del 2 agosto 1862, approvata con il Regio Decreto n.1234 dell'8 aprile 1863 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 16 maggio 1863, la municipalità di Tovo assunse l'attuale denominazione di Tovo San Giacomo. Dal 1859 al 1927 i territori furono compresi nel V mandamento di Pietra del Circondario di Albenga facente parte della Provincia di Genova; nel 1927 con la soppressione del circondario ingauno passarono, per pochi mesi, nel Circondario di Savona e, infine, sotto la neo costituita Provincia di Savona. Risale al 6 dicembre 1928 il Regio decreto n. 2971 che ufficializzò l'aggregazione dei due comuni di Bardino Vecchio e Bardino Nuovo nel territorio di Tovo San Giacomo come frazioni comunali; il 6 dicembre del 2008 è ricorso l'ottantesimo anniversario dell'unificazione delle tre storiche comunità tovese e bardinese. Dal 1973 al 31 dicembre 2008 ha fatto parte della Comunità Montana Pollupice e con le nuove disposizioni della Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008, in vigore dal 1º gennaio 2009, ha fatto parte della Comunità Montana Ponente Savonese, quest'ultima soppressa con la Legge Regionale n° 23 del 29 dicembre 2010 e in vigore dal 1º maggio 2011. Simboli Lo stemma ufficiale è stato approvato con l'apposito Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri datato al 5 febbraio del 1987 e registrato alla Corte dei Conti il 12 marzo 1987 al n° 298. Monumenti e luoghi d'interesse Architetture religiose Chiesa parrocchiale di San Giacomo il Maggiore nel capoluogo di Tovo. All'interno sono conservate statue di manifattura genovese e affreschi del pittore Gerolamo Graffigna. Chiesa di San Martino di Tours nel capoluogo di Tovo, lungo via Roma, è una cappella privata interamente affrescata. All'esterno vennero raffigurati i ritratti dei proprietari. Chiesa parrocchiale di San Sebastiano nella frazione di Bardino Nuovo. Eretta tra il 1681 e il 1708, è una costruzione in stile barocco. Chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista nella frazione di Bardino Vecchio. Rimaneggiata in epoca moderna, è affiancata da un campanile trecentesco. Santuario della Madonna delle Grazie nella frazione di Bardino Vecchio, risalente al XVIII secolo. Architetture militari Resti dell'antico castello medievale della famiglia Del Carretto presso il colle dei Folchi. Società Evoluzione demografica Abitanti censiti Etnie e minoranze straniere Secondo i dati Istat al 31 dicembre 2011 i cittadini stranieri residenti a Tovo San Giacomo sono 59, pari al 2,38% della popolazione comunale. Qualità della vita Il 17 marzo del 2005 il Comune di Tovo San Giacomo ha conseguito la certificazione del proprio sistema di gestione ambientale conformemente alla norma ISO 14001. Dal 28 gennaio 2012 nel territorio comunale di Tovo San Giacomo è iniziata la raccolta differenziata porta a porta integrale dei rifiuti che ha permesso di raggiungere, da febbraio a dicembre 2012, una raccolta percentuale media del 68,85% Il 9 luglio 2014 il comune di Tovo San Giacomo ha ricevuto l'attestato di Comuni Ricicloni da parte di Legambiente: con il raggiungimento del 66,85% di raccolta differenziata, Tovo San Giacomo è fra gli 11 comuni della Liguria ad aver superato nel 2013 il 65% di raccolta differenziata. Inoltre, sempre per Legambiente, il comune di Tovo San Giacomo è l'unico comune ligure ad essere classificato "rifiuti free". Il Consiglio Comunale di Tovo San Giacomo, il 30 dicembre 2013, ha ratificato l'adesione del Comune al Patto dei Sindaci, movimento europeo che si prefigge come scopo quello di diminuire del 20% le emissioni di anidride carbonica entro il 2020. Cultura Istruzione Nel territorio del comune di Tovo San Giacomo sorgono due scuole: quella primaria intitolata a Tobia Oddo, benefattore, che sorge in via Accame e quella dell'infanzia in piazza Don Giuseppe Zunino, intitolata a Don Rembado. Si stanno inoltre ultimando i lavori di costruzione della nuova scuola dell'infanzia che sorgerà accanto alla palestra comunale ed alla scuola primaria. Nel plesso scolastico della Scuola primaria in via Accame sorge anche la Biblioteca civica Mario Borsalino dal nome del celebre imprenditore ed aviatore alessandrino che il 17 gennaio 1907 fu protagonista di un rocambolesco incidente in mongolfiera proprio sui cieli di Tovo San Giacomo e di un altrettanto fortunoso atterraggio proprio in centro del paese. Musei Il Museo dell'orologio da torre Giovanni Battista Bergallo, inaugurato nel 1997 nell'ex municipio nella frazione di Bardino Nuovo, ospita meccanismi, lancette, quadranti e cimeli riguardanti gli orologi prodotti per campanili e torri nella casa-officina della famiglia Bergallo fra il 1860 e il 1980. Eventi Festa patronale di san Giacomo il Maggiore, il 25 luglio, nel capoluogo. In occasione delle celebrazioni religiose, viene assegnato dal comune di Tovo San Giacomo il riconoscimento culturale e sociale del "Giacomino d'Oro", istituito nel 2008. Festa della Madonna delle Grazie, la seconda settimana dopo la Pasqua. Serata gastronomica di san Carlo, nel mese di giugno, nella frazione di Bardino Vecchio. Sagra campestre di Bardino Vecchio, nella prima settimana di agosto. "Val Maremola Trail", running trail di oltre 24 km organizzato dalla locale Pro Loco con il patrocinio del Comune di Tovo San Giacomo. "Val Maremola a cavallo", manifestazione dedicata agli amanti dei cavalli che si svolge presso il campo sportivo di Sant'Eligio nella seconda domenica di settembre, organizzata dal 2012 dalla Pro Loco con il patrocinio del Comune di Tovo San Giacomo. Economia Il territorio di Tovo San Giacomo, che si trova solo a 3 chilometri da Pietra Ligure e dunque dal mare, basa la sua economia non solo sull'attività agricola, ma anche, grazie a un importante movimento turistico dovuto soprattutto all'apertura di nuove strutture ricettive come bed and breakfast e case vacanze, sul turismo. Una voce importante per l'economia del territorio è rappresentata dalla coltivazione del verde ornamentale da fronda che negli ultimi anni ha visto incrementare la percentuale di suolo agricolo destinato a questa particolare tipologia di coltivazione. Geografia antropica Frazioni e località Il Poggio è una piccola borgata dalle caratteristiche tipicamente liguri che si trova adagiata nella parte più elevata del capoluogo. Esiste una piccola strada centrale pedonalizzata (il carugio) su cui si affacciano numerose case. Alla fine di questa si trova la cappella della Madonna. La contrada Lavrio a Bardino Nuovo conserva intatte le caratteristiche tipiche del borgo ligure con un lungo ed assolato carugio su cui si affacciano le varie case. Da questa contrada si gode di una pregevole vista fino al mar Ligure. Infrastrutture e trasporti Strade Il territorio comunale di Tovo San Giacomo è attraversato principalmente dalla strada provinciale 4 che permette il collegamento stradale con Pietra Ligure, a sud proseguendo poi come SP 24, e con Magliolo a nord. Inoltre, dalla frazione di Bardino Vecchio, attraverso via Costino, si arriva alla provinciale 490, l'ex strada statale del Melogno che collega Finale Ligure con la val Bormida attraverso il passo del Melogno. Il trasporto pubblico è garantito dalla linea 86 della TPL che collega Pietra Ligure con Magliolo, attraversando i centri di Tovo San Giacomo, Bardino Vecchio e Bardino Nuovo. Amministrazione Galleria fotografica Note ^ a b Dati Istat al 31-12-2012 ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF) in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012. ^ Il toponimo dialettale è citato nel libro-dizionario del professor Gaetano Frisoni, Nomi propri di città, borghi e villaggi della Liguria del Dizionario Genovese-Italiano e Italiano-Genovese, Genova, Nuova Editrice Genovese, 1910-2002. ^ Fonte dallo statuto comunale di Tovo San Giacomo. URL consultato il 7 gennaio 2013. ^ a b c d e f g h i j k l m n o Fonte dal Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Artistiche. URL consultato il 7 gennaio 2013. ^ Legge Regionale n° 24 del 4 luglio 2008 ^ Legge Regionale n° 23 del 29 dicembre 2010 ^ Fonte sulla soppressione delle comunità montane ^ a b c d Fonte dal sito Araldica Civica.it. URL consultato il 6 novembre 2011. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT; URL consultato in data 28-12-2012. ^ ISTAT, cittadini stranieri al 31 dicembre 2011. URL consultato il 15 gennaio 2014. ^ Fonte dal sito del comune di Tovo San Giacomo-Certificazione ambientale. URL consultato il 7 gennaio 2013. ^ Fonte dal sito del comune di Tovo San Giacomo. ^ Fonte dal sito di Legambiente. ^ Fonte dal sito di legambiente. Voci correlate Liguria Provincia di Savona Bardino Nuovo Bardino Vecchio Altri progetti Commons contiene immagini o altri file su Tovo San Giacomo Collegamenti esterni Tovo San Giacomo in Open Directory Project, Netscape Communications. (Segnala su DMoz un collegamento pertinente all'argomento "Tovo San Giacomo")

Cosa vedere