• Seguici sui nostri social
  • facebook
  • twitter
  • instagram
A place to stay c
Mostra

Alessandro Imbriaco. Un posto dove stare

via Appia Nuova, 1092, Roma
fino a mercoledì 01 maggio 2019
Tempo di lettura: meno di 1 minuto
Dal 15 dicembre 2018 al 1° maggio 2019 il Casale di Santa Maria Nova del Parco Archeologico dell’Appia Antica ospita la mostra fotografica Alessandro Imbriaco. Un posto dove stare, curata da Simona Turco, Ilaria Sgarbozza e Alessandro Imbriaco.

Le ampie sale dell’antica dimora, gioiello restaurato e inaugurato lo scorso giugno con Appia Self-Portrait. Il mito dell’Appia nella fotografia d’autore, accolgono una nuova e analoga iniziativa attraverso l’esposizione di circa settanta scatti realizzati da Alessandro Imbriaco tra il 2007 e il 2011.
La mostra è un reportage fotografico dell’occupazione abusiva degli spazi pubblici e privati, tra cui un’area paludosa ai bordi dell’Aniene, l’ex salumificio Fiorucci, il Casilino 900 o la vecchia stazione dei filobus in Via Lucio Sestio, ma la prospettiva da cui il visitatore osserva il fenomeno, tramite le foto dell’artista, è ben distante dall’essere comunemente cronachistica. Imbriaco non si limita a catturare con la sua macchina fotografica meramente un evento o una situazione di degrado, la sua peculiarità risiede invece nell’impegno a entrare nella vita delle persone e raccontarne la storia, facendo delle sue foto una testimonianza emotiva piuttosto che visiva.

Alessandro Imbriaco nasce a Salerno nel 1980, studia Ingegneria, ma un giorno suo padre gli regala una macchina fotografica e da lì la fotografia diventa la sua passione, si iscrive alla Scuola Romana di Fotografia e oggi vive e lavora a Roma. Ha vinto diversi e importanti premi fotografici tra cui nel 2008 il Premio Canon con il progetto Occupare spazi interni, nel 2010 ottiene il secondo posto al World Press Photo con il lavoro Casilino 900, nel 2011 il suo progetto Il giardino vince il Premio Pesaresi e con lo stesso lavoro, l’anno dopo, ottiene lo European Publishers Award for Photography. Pubblica foto su testate famose quali L’Espresso, Le Monde, D La Repubblica, Rolling Stone, Wired and Vanity Fair. I suoi lavori sono stati selezionati per Il Talent di Foam (2011), il PHE Ojo de Pez (2010), il Lumix Award (2010), Premio Atlante Italiano (2007). Ha pubblicato diversi libri ed espone in Italia, in Francia, in Germania.

Potrebbero interessarti