Comune

Ayas

Ayas, (Aosta) Tempo di lettura: meno di 1 minuto

Il comune di Ayas si estende ai piedi delle grandi vette delle Alpi Pennine, che segnano il confine italo-svizzero. La Val d'Ayas è stata, nel corso della sua storia, molto influenzata dalla Chiesa. Si contano più di venti edifici religiosi, tra chiese, cappelle, santuari, grotte e tabernacoli, tutti affrescati e legati a qualche particolare artistico. I fedeli hanno fatto affrescare alcune case, quindi non è raro che passeggiando ci si imbatta in rappresentazioni della Madonna, di Gesù, di Santi e della Sacra Famiglia. L'architettura popolare è caratterizzata dal rascard (di origine walser): i materiali predominanti sono la pietra e il legno, di cui il territorio è ricco, uniti in forme semplici ma eleganti. La casa tipica è caratterizzata dalla presenza di due o più piani: quello inferiore solitamente in pietra, diviso da quello superiore in legno tramite l'elemento architettonico del "fungo"; il tetto, con uno scheletro composto da tronchi d'albero, è ricoperto dalle lose, pietre piatte tipiche del paesaggio walser. Accanto alla Chiesa di Antagnod è situato il Monumento ai Caduti, oltre il quale si apre il cimitero le cui cappelline più antiche custodiscono alcuni affreschi religiosi. L'arte del lavoro del legno dei sabotiers d'Ayas è rinomata per la fabbricazione dei Sabot, chiamati in patois locale tsôques. Molte le leggende popolari che si raccontano sui villaggi e su alcuni luoghi, come la Cappella di Salus o l'Eremo di Résy.

Ci spiace, non abbiamo ancora inserito contenuti per questa destinazione.

Puoi contribuire segnalandoci un luogo da visitare, un evento oppure raccontarci una storia su Ayas. Per farlo scrivi una email a redazione@viaggiart.com