Immagine non disponibile
Museo

Museo della Resistenza di Valpelline (comune)

Immagine non disponibile. Copyright Altrama Italia SRL
Chef-Lieu, 6/a, Aosta
Nel corso dei secoli le Alpi hanno costituito spesso un luogo di rifugio e di accoglienza. Durante la seconda guerra mondiale, epoca di feroci persecuzioni razziali e politiche, la valle di Valpelline è stata percorsa da un gran numero di persone in fuga per cercare di raggiungere la Svizzera, neutrale al conflitto. Il centro di documentazione di Valpelline valorizza e mette in evidenza i rapporti tra la Valle d’Aosta e la Svizzera nel periodo 1943-1945. Un‘esposizione fotografica e documentaria rende noti i percorsi compiuti da numerosi ebrei in fuga e da diversi politici ostili al regime. In effetti numerosi politici nel periodo 1943-1945 hanno trovato rifugio in Svizzera durante i periodi più pericolosi della lotta contro il regime nazi-fascista. I sentieri dell‘Alta Valpelline sono stati percorsi da illustri personaggi della vita intellettuale e politica valdostana e italiana. Luigi Einaudi, che sarà poi nominato Presidente della Repubblica italiana nel 1948, è passato dalla Valpelline per trovare rifugio in Svizzera. L‘esposizione è arricchita da un documentario multimediale che, attraverso fotografie, interviste e letture di testi, percorre l‘itinerario compiuto da Bréan, Bougeat, Berthod, illustri attivisti valdostani contro il regime nazi-fascista, in fuga verso la Svizzera dopo l’arresto e la morte della loro guida e capo, Emile Chanoux.

Aosta

Aosta

La città di Aosta si trova nel cuore della Regione Valle d'Aosta, nella piana in cui scorre il fiume Dora Baltea. Nel territorio della città era presente già in tempi protostorici una popolazione di cultura megalitica, come...

Booking.com