Consigli di viaggio - A Tavola

Festa del Torrone a Cremona: 9 giorni di golosità

Scritto da Redazione , 21/10/19

Novembre è il mese della Festa del Torrone di Cremona, quale occasione migliore per visitare la città, scoprire perché è chiamata "Citta del tre T" e gustare il suo dolce tipico per eccellenza?  Scopriamo insieme tutte le caratteristiche di un prodotto dolciario considerato un "must" della pasticceria italiana e la splendida città che lo produce.

Festa Torrone Cremona 2019

Dire Cremona è dire torrone, il dolce tipico della città al quale, ogni anno, viene dedicata una lunga festa che consente di conoscerlo, assaggiarlo e acquistarlo in tutte le sue varianti. 

Quest'anno, l'appuntamento più atteso da tutti i golosi e gli amanti delle tradizioni torna ad animare il centro della città da sabato 16 a domenica 24 novembre, con un tema davvero molto originale: “Genio e Creatività”.​

Molti saranno gi appuntamenti speciali, volti a esaltere l'anima golosa di Cremona, con oltre 250 iniziative tra spettacoli, degustazioni e momenti culturali.

Tante le novità in fatto di animazione, senza rinunciare agli appuntamenti tradizionali, come le costruzioni giganti di torrone, la rievocazione del matrimonio tra Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti e il Torrone d'Oro, premio che da sempre si abbina alla festa.

Il torrone artigianale di Cremona 

Dolce tipico di Cremona, il torrone è protagonista assoluto della kermesse novembrina “Festa del Torrone”, tra gli eventi più attesi da grandi e piccini.

La Fiera del Torrone a Cremona celebra lo squisito dolce a base di impasto di albume d'uovo, miele e zucchero, farcito con mandorle, noci, arachidi o nocciole e ricoperto da due ostie. 

Torrone artigianale di Cremona

Secondo la ricetta tradizionale, che sembra risalire al Rinascimento, la caratteristica inconfondibile del torrone cremonese è la sua friabilità, attestata addirittura da un documento dei primi del Novecento, in cui si specifica che:

Alla rottura deve comportarsi come se fosse di vetro. Meglio frantumarlo direttamente nella carta protettiva, per non disperdere le preziose briciole”.

Ma qual è il vero segreto del torrone artigianale di Cremona? La lenta cottura a bagnomaria, a temperatura di 80-85 °C, al termine della quale si aggiungono le mandorle e ha inizio una vera e propria corsa contro il tempo per dare forma all’impasto prima che si solidifichi. 

Che forma scegliere? Magari quella “a violino”, per omaggiare la città di Cremona e i suoi grandi maestri liutai!

Cosa mangiare a Cremona oltre al torrone 

Se prima del dolce assaggio di Torrone di Cremona vogliamo concederci un buon pasto tipico, non abbiamo che l’imbarazzo della scelta: la città offre infatti un menu che non lascia indifferenti.

Cremona deve molti ingredienti dei suoi piatti tipici alla presenza del Po.

Tra i primi piatti, consigliamo i marubini serviti in brodo, anzi, in tre brodi riuniti secondo la ricetta del celebre “Gran Bollito Cremonese”: gallina, manzo e salame da pentola.

Completano il menu un assaggio di Salame Cremonese IGP e di mostarda tipica, a sua volta protagonista di un grande evento autunnale, la Festa della Mostarda di Cremona.

Cosa vedere nella "Città delle tre T"

La Festa del Torrone è una “ghiotta occasione” per visitare Cremona in tutto il suo splendore.

Cremona è infatti una bellissima Città d'Arte italiana, da scoprire con itinerari appositi per chi desidera visitarla in un giorno o dedicarle un'intera settimana golosa.

Conosciuta anche come "Città delle tre T", dedica la prima di queste tre consonanti proprio al "turòon" (torrone); la seconda al "turàs", ovvero il Torrazzo, l’altissima torre campanaria simbolo architettonico del centro stroico; l’ultima alle "tetàs", alias le "tettone", caratteristica che omaggia simpaticamente la prosperità delle donne.

Alcuni rivolgono l'omaggio della terza "T" al regista Ugo Tognazzi, al quale Cremona ha dato i natali. Altri personaggi famosi del mondo dello spettacolo e della musica, come Mina, non a caso ribattezzata "La tigre di Cremona", l'hanno invece scelta quale patria adottiva. Una città a misura d'uomo, insomma, dove c’è tuttora un forte fermento artistico.

Se abbiamo poco tempo a disposizione, l’ideale è vistare Cremona a piedi facendo un giro per il suo centro storico: è qui che si svolge la Festa del Torrone, con stand ed eventi per tutti i gusti, ed è qui che è possibile ammirare architetture e scorci meravigliosi.

Tra le cose da vedere a Cremona bisogna partire dal suo apice artistico, la medievale Piazza del Comune, spazio avvolgente e suggestivo sul quale affacciano gli edifici principali della città: il Duomo di Cremona con accanto il suo Torrazzo, il secondo campanile storico più alto d’Italia; il Battistero e la Loggia dei Militi, uno degli edifici più antichi della città.

Piazza del Comune

Entrate nel Duomo è una bella esperienza artistica: maestoso e dal soffitto altissimo, racchiude al proprio interno una grande quantità di opere d'arte, a partire dal superbo ciclo di affreschi della navata centrale che, da solo, vale a questa cattedrale il titolo di "Cappella Sistina della Pianura Padana".

Passeggiando nel centro storico di Cremona incontriamo anche le celebri liuterie cremonesi, ovvero le botteghe storiche dell’artigianato tradizionale del violino a Cremona, Patrimonio Immateriale UNESCO dal 2012. Da visitare, il Museo del Violino, con la sua preziosa collezione di Stradivari e Guarneri del Gesù.

Cremona e dintorni

Se oltre alla Festa del Torrone vogliamo concederci un bel weekend lombardo, alla scoperta dei dintorni e di un teritorio ricco di borghi autentici da visitare, allora possiamo spostarci verso l’atmosfera sospesa e rilassata della provincia.

Chi vuole scoprire altre tradizioni e tipicità del territorio, ad esempio, può visitare Castelponzone, noto anche come il “Borgo dei cordai”, e farsi raccontare del tempo in cui intere famiglie vivevano della lavorazione della canapa; oppure Gradella, tra "I Borghi più Belli d'Italia", con le case basse tinteggiate di giallo, piccole corti e pievi suggestive.

Castelponzone

Visitare i dintorni di Cremona significa assaporare una forma di turismo lento, incentrato sui luoghi che “scorrono” lungo il fiume Oglio, come il borgo di Isola Dovarese, dove la piazza porticata e l’aspetto signorile introducono a un dedalo di vicoli tra i quali perdersi in piacevoli passeggiate.

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Festa del Torrone di Cremona c

Cremona

Nota come la "Città delle tre T": Turòon, Turàs, Tetàs (torrone, torrazzo, tette), con l'aggiunta della quarta "T" riferita all'attore Ugo Tognazzi, cui la...

Altri Suggerimenti

L’Alba del tartufo bianco

L’Alba del tartufo bianco

È un’arte antica quella del tartufaio. Racconta storie che odorano di sottobosco, di cercatori che si affidano al fiuto dei propri cani e alla generosità della...

Firenze e la vera storia del cocktail Negroni

Firenze e la vera storia del cocktail Negroni

Molto più che un semplice aperitivo, il Negroni è una pagina di costume. Il 25 maggio 1868 nasceva a Fiesole il Conte Camillo Negroni. Di famiglia nobile, divenne...

Quel ramo del lago di Como…

Quel ramo del lago di Como…

Scopri il nostro itinerario manzoniano, alla scoperta dei luoghi raccontati nei Promessi Sposi. A partire da Quel Ramo del Lago di Como!

Come produrre un buon Vin Santo Toscano

Come produrre un buon Vin Santo Toscano

Il Vin Santo viene prodotto in Toscana, terra famosa in tutto il mondo per i suoi Rossi pregiati. Scopri come viene prodotto!

Primo Sale: il pecorino siciliano d'eccellenza

Primo Sale: il pecorino siciliano d'eccellenza

Il Primo Sale, ovvero il pecorino siciliano ai primi stadi di maturazione, è un prodotto tutto da scoprire. Ecco cosa sapere!

Dove mangiare i migliori arancini in Sicilia

Dove mangiare i migliori arancini in Sicilia

Arancino o arancina che sia, è indubbiamente il simbolo gastronomico della Sicilia. Scopri dove mangiare i migliori.