Luogo - Edificio di culto

Chiesa Matrice di San Zaccaria

Luogo: Via Torre, 1, Ricadi (Vibo Valentia)

L’edificio è stato più volte ristrutturato fino all’ultimo intervento, dopo il terremoto del 1905. Il campanile, la facciata principale e la cantoria sono stati interamente ricostruiti e l’edificio è stato rafforzato con un cordolo di cemento armato, secondo le tecniche antisismiche del tempo. La statua del protettore, S. Zaccaria, patrono della parrocchia e di tutto il territorio comunale, è opera di Giuseppe Stuflesser, scolpita su legno di cimolo nell’anno 2005 e donata dall’Amministrazione comunale di Ricadi. L’altare è opera di Reginaldo D’Agostino, scultore e pittore di Spilinga, a cui si deve anche il grande affresco sulla cantoria. Il tondino in alto sull’arco di trionfo, con l’immagine di S. Zaccaria, è opera di Giuseppe Pontoriero Luzzaro che, insieme a D’Agostino, ha realizzato anche il pannello sotto il ciborio. Il ciborio a tempietto di marmo policromo e il fonte dell’acqua santa sono del XVIII secolo. La volta a botte è decorata da stucchi. L’organo positivo di Raphael De Rosa (1822) è perfettamente restaurato e funzionante. Sono custoditi all’interno della chiesa: una campanella con data 1651, un Gesù Bambino scolpito in legno di cimolo (XVIII secolo), un armonium a pedali (prima metà del XX secolo) e un reliquiario in legno dorato del XVIII secolo, con reliquia della santa Croce incastonata in un cristallo di roccia entro una teca d'argento.

*Testo di don Pasquale Russo

Potrebbero interessarti