c
A Tavola

Spaghetti alla colatura di alici di Cetara

Scritto da Redazione , 20/06/19

La colatura di alici è un prodotto tipico di Cetara, un piccolo borgo marinaro che si affaccia sulla costiera amalfitana e dove la procedura per produrre il pregiato condimento si tramanda ancora oggi da padre in figlio… 

Nella prima metà di dicembre, a Cetara, si tiene la festa della colatura di alici, in cui si svolgono convegni e dibattiti sul tema e si possono gustare tantissime nuove ricette condite con il prezioso liquido. Un liquido dal colore ambrato che si ottiene dal processo di maturazione delle alici sotto sale. 

La storia e le origini della colatura di alici di Cetara

La sua storia è antichissima: si racconta che la colatura era già conosciuta ai tempi degli antichi greci con il nome di “Garon”, in quanto ricavata dalle alici conosciute con il come “Garos”.  

Ai romani invece era nota come “Garum”, che ai tempi delle guerre puniche la utilizzavano per condire gustosi piatti a base di carne, pollo, agnello e persino sulla verdura al posto di utilizzare il sale (così come ci ricorda anche Plinio). La produzione del Garum avveniva soprattutto in Numidia – zona che a oggi corrisponde più o meno all’attuale Algeria – dove il liquido veniva conservato per lungo tempo in anfore sulle quali era riportato l’anno di produzione e la qualità dello stesso.   

Il più ricercato e pregiato era sicuramente il “Garum excellens”, che si ricavava dalle alici e dalle ventresche di tonno; poi c’era il “Garum Flos Floris” ottenuto dallo sgombro, dalle alici e dal tonno, e il “Garum Flos Murae”, che derivava dalle murene. Infine, il Garum meno pregiato - ma molto particolare - ottenuto dalla lavorazione delle ostriche.  

Nel Medioevo, la ricetta venne recuperata dai monaci della canonica di San Pietro (situata su un colle vicino ad Amalfi). Monaci avevano l’abitudine di pescare il pesce azzurro e, in particolar modo, le alici nei mesi estivi, a bordo di piccole imbarcazioni. Dopo la pesca, le alici venivano private della testa e delle interiora e disposte a strati in grandi botti di legno, per essere poi ricoperte completamente con del sale grosso. Sui tini di legno che contenevano le alici veniva adagiata una grossa pietra che fungeva da pressa per lo più rudimentale, ma che permetteva ai monaci di raccogliere il profumatissimo e inebriante liquido, che dalle alici colava sul fondo del recipiente e dai listelli di legno dei contenitori. 

Da lì, alle tavole degli amalfitani, il passo fu breve: un monaco che si occupava di preparare da mangiare ai suoi confratelli cominciò a condire delle verdure lesse con la colatura, unendo qualche spezia, degli aromi e dell’olio. L’apprezzamento fu immediato! I monaci ne mandarono in dono alcuni flaconi a degli abitanti dei paesini limitrofi e ad altri conventi che ne decretarono il successo ad Amalfi e oltre. 

Come si prepara la colatura di alici 

Oggigiorno, il processo per ottenere la colatura di alici di Cetara, proprio come un tempo, è lungo e laborioso. Le alici appena pescate vengono decapitate, eviscerate e disposte a strati nei terzigni, i quali sono coperti con dei timpagni, dischi in legno sui quali vengono poggiate delle pietre di mare che fungono da peso e che, pressando i peschi, ne fanno fuoriuscire un liquido. Il tutto viene raccolto e sottoposto a metodo di conservazione al sale.  

Passati quatto o cinque mesi, la colatura si riversa ancora nei terzigni, dove assorbe tutte le qualità organolettiche presenti nei tini con le acciughe.

Terminato anche questo step, è pronta per essere recuperata tramite un foro praticato nel terzigno e imbottigliata al fine di essere adoperata per condire piatti a base di pesce o la tipica scarola napoletana da mettere sulla pizza ripiena.
Inoltre, i napoletani, e non solo, la utilizzano per condire verdure saltate in padella con olio, aglio e peperoncino, quali bietole, spinaci, ecc. e farne uno squisito contorno di pietanze a base di carne o di pesce. Da altri invece è apprezzata anche come condimento per pomodori, olive, persino per farcire succulenti panini sia caldi che freddi o per arricchire delle anonime uova sode.

Spaghetti con la colatura di alici di Cetara

Ingredienti per 4 persone
350 grammi di spaghetti
Prezzemolo fresco
Aglio
Peperoncino rosso
8 cucchiai di olio extravergine d’oliva
4 cucchiai di colatura di alici di Cetara

Preparazione degli spaghetti con la colatura di alici di Cetara
Fate cuocere gli spaghetti in abbondate acqua bollente e senza sale. Intanto, fate un trito fine di aglio, prezzemolo e peperoncino rosso, ai quali aggiungerete otto cucchiai di olio extravergine di oliva di qualità e quattro cucchiai di colatura di alici di Cetara. Scolate gli spaghetti ancora al dente e conditeli a crudo con la colatura di alici di Cetara, mescolando bene tutti gli ingredienti tra loro con un mestolo di legno.  
Vi ricordiamo che, per rendere ancora più buoni questi spaghetti, donandogli una leggera croccantezza che inebrierà il palato, potete aggiungere anche della mollica di pane fatta dorare leggermente in padella con l’aggiunta di un filo di olio extravergine di oliva. 

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia
Foto 
Elga Cappellari - Flickr, CC BY-SA 2.0, Collegamento

Comune

Cetara

Ultimo possedimento dell'antico Ducato di Amalfi, Cetara è sempre stato un paese di pescatori, non a caso il suo nome deriva da "cetari", venditori di pesci...

Altri Suggerimenti

Tour dei Castelli Romani, tra cultura e sapori

A Tavola

Tour dei Castelli Romani, tra cultura e sapori

Tra sagre del vino, assaggi di prodotti tipici e visite guidate tra borghi e ville in collina, un tour dei Castelli Romani è un'esperienza a tutto piacere.

Amatrice: cosa vedere dopo il terremoto

A Tavola

Amatrice: cosa vedere dopo il terremoto

Amatrice: cosa vedere dopo il terremoto e come far rivivere le tradizioni locali, prima tra tutte quella gastronomica, con un bel piatto di pasta all'Amatriciana.

Collecchio, cosa vedere tra storia e gastronomia

A Tavola

Collecchio, cosa vedere tra storia e gastronomia

Collecchio è l'antico borgo legato alla produzione del pomodoro e della pasta, musealizzati in una tenuta da visitare assolutamente.

Cittanova, un piccolo gioiello nella Piana di Gioia Tauro

A Tavola

Cittanova, un piccolo gioiello nella Piana di Gioia Tauro

Cittanova, nella Piana di Gioia Tauro, è famosa per la sua tradizione gastronomica legata al pesce stocco e al modo appetitoso di cucinarlo.

Viaggio ad Antrodoco, il borgo al centro d'Italia

A Tavola

Viaggio ad Antrodoco, il borgo al centro d'Italia

Il borgo montano di Antrodoco, in provincia di Rieti, è golosa in tutte le stagioni grazie alla sua gastronomia e pasticceria tipica.

Jefferson: la vera storia del miglior amaro del mondo

A Tavola

Jefferson: la vera storia del miglior amaro del mondo

È calabrese al 100% ma si chiama Jefferson, come un leggendario capitano, il miglior amaro del mondo. Doppio World's Drink Awards 2019.