Museo

Museo Gracco di Arte Contemporanea e Fotografia

Via Diomede, 8, Pompei, (Napoli) Tempo di lettura: meno di 1 minuto
Il Museo, situato all’interno dell’area archeologica di Pompei, a pochi metri dalla Villa dei Misteri, uno dei massimi esempi di pittura parietale romana, è stato fondato dal Maestro Franco Gracco per documentare l’importanza che l’antica pittura pompeiana ha avuto nell’arte moderna e contemporanea.COLLEZIONE PERMANENTE DI DIPINTI E GRAFICHE DEL MAESTRO GRACCOUna sezione del Museo è dedicata alla collezione di opere uniche (tecniche miste, disegni, affreschi) e opere grafiche (serigrafie e litografie) del Maestro Gracco, dagli anni Settanta ad oggi. La Sala Enea ospita al suo interno un dipinto su tela di circa 2 metri per 9 che rappresenta il mitico viaggio dell’eroe troiano, Enea, interpretato in chiave simbolica per illustrare il percorso di vita e professionale dell’artista. L’opera, realizzata tra il 1978 e il 1980, costituiva il fulcro della sua mostra personale “Sulle orme di Enea”, presentata in numerose città italiane e straniere.L’AFFRESCO RTROVATOQuesta nuova sezione espone i risultati di un progetto, a cura del comitato scientifico del museo, per la ricostruzione integrale, sulla base di rilievi in situ, studi bibliografici e comparazioni grafiche, di alcuni affreschi di Pompei scomparsi a causa di danni ambientali o atti vandalici, scelti non tanto per la qualità artistica degli stessi quanto piuttosto per il valore culturale raffigurato.MOSTRE PERIODICHE Questa sezione ospita mostre periodiche collettive di opere d’arte contemporanea italiane e straniere (dipinti, grafiche, fotografie, sculture, ceramiche) appartenenti alla collezione museale o provenienti da altri musei, gallerie e centri culturali. Due appuntamenti annuali da segnalare sono la mostra delle opere recenti del Maestro Franco Gracco, che si tiene nel periodo primaverile, e l’esposizione degli elaborati realizzati dagli allievi della Scuola di Pittura che ha sede nel Museo, in programma per il mese di settembre, ad apertura del nuovo anno accademico.

Potrebbero interessarti