c
News

A Parma Vie di Memoria, la performance che coinvolge una città 

Scritto da Redazione , 06/11/19

A Palazzo del Governatore di Parmal’artista Gianluigi Colin invita i cittadini a diventare protagonisti di un’opera d’arte che poi potranno portare a casa. La performance nasce nell’ambito della mostra “Costellazioni Familiari. Dialoghi sulla libertà” (in esposizione fino all’1 dicembre) grazie all’invito che Colin ha esteso a tutta la città di Parma. 

Invito scaturito da una domanda precisa: Cosa può nascere dall’incontro tra un artista e l’universo mondo che si schiude nella memoria di ciascuno? Da questo incontro nascerà la performance "Vie di Memoria".

«Jorge Luis Borges diceva che "Noi siamo la nostra memoria, siamo questo museo chimerico di forme incostanti". Vie di Memoria – afferma Colin – non è altro che il censimento di questo universo di forme, ricostruito attraverso performance in numerose città. Foto, documenti, lettere e altri piccoli frammenti della sfera affettiva, sono trasformati, con il linguaggio della Copy art, da intimi simulacri di emozioni, in altrettante nuove inaspettate icone». 

È così che il 16 novembre dalle 11.30 alle 19.00 Gianluigi Colin coinvolgerà gli abitanti di Parma nella realizzazione dell’azione artistica “Vie di Memoria”: tutti sono invitati a portare una immagine o un oggetto che fa parte della propria memoria personale – subito restituito al proprietario – che l’artista elaborerà con una fotocopiatrice, intervenendo poi con elementi pittorici. 

Le opere, timbrate e firmate, saranno realizzate in due copie: una sarà donata alla persona che partecipa all’azione, l’altra sarà esposta a Palazzo del Governatore e sarà inclusa nel grande archivio “Vie di Memoria”. Inoltre in questa speciale giornata l’ingresso alla mostra sarà gratuito. 

La performance fa parte di un progetto iniziato da Colin nel 2001 e che ha sinora toccato città come Milano, Roma, Napoli, San Pietroburgo, New York e Buenos Aires, a cui è stato dedicato nel 2003 un volume edito da Charta. 

La mostra e la performance si inseriscono tra gli appuntamenti di Anteprima PARMA Capitale Italiana della Cultura 2020 su desiderio dell’assessore alla Cultura di Parma Michele Guerra e con l’organizzazione e la sponsorizzazione di Cepim Spa, Interporto di Parma che, attraverso il suo amministratore delegato e presidente Luigi Capitani, ha condiviso il progetto e reso possibile la mostra Costellazioni Familiari.

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Comune

Parma

Capitale della Musica, Parma diede i natali ad Arturo Toscanini, ospita le spoglie di Niccolò Paganini e ogni anno in ottobre, mese di nascita del grande...

Altri Suggerimenti

Puppet d’inverno, a Gorizia il teatro di figura è anche per adulti 

News

Puppet d’inverno, a Gorizia il teatro di figura è anche per adulti 

Puppet d’Inverno è il cartellone di teatro di figura rivolto ad un pubblico adulto ideato dal CTA (Centro Teatro Animazione e Figure). 

Viaggio in Italia, ad Arezzo appuntamento con il cinema italiano 

News

Viaggio in Italia, ad Arezzo appuntamento con il cinema italiano 

Il 15 novembre torna “Viaggio in Italia”, la rassegna promossa da Fondazione Arezzo Intour e diretta da Marco Compiani. 

Il Negroni compie 100 anni: l’arte del cocktail in una mostra 

News

Il Negroni compie 100 anni: l’arte del cocktail in una mostra 

N100. The Art of Negroni è la mostra presentata da Campari e Galleria Campari per celebrare i 100 anni dell’iconico cocktail. 

A Brescia arriva la nona edizione del Wonderland Festival 

News

A Brescia arriva la nona edizione del Wonderland Festival 

Dal 21 novembre all’1 dicembre 2019 a Brescia arriva il teatro contemporaneo firmato Wonderland Festival.

Canton Ticino e il fascino del Natale: tutti gli eventi 

News

Canton Ticino e il fascino del Natale: tutti gli eventi 

Il Natale in Canton Ticino ha un altro sapore e un’altra atmosfera: gli eventi principali del Natale ticinese. 

Milano, nasce il Museo della Filosofia: è il primo al mondo

News

Milano, nasce il Museo della Filosofia: è il primo al mondo

L’esposizione dal titolo Il Museo della filosofia: le prime stanze è visitabile fino al 21 novembre all’Università degli Studi di Milano.