c
Idee di Viaggio

Il borgo medievale di Bard, tra passato e presente

Bard, (Aosta) 6 mesi fa Tempo di lettura: circa 2 minuti

Un gioiello d’ardesia e losa concentrato in soli 3 km quadri, Bard, tra i borghi più belli d’Italia, è uno di quei posti da visitare almeno una volta nella vita. 

Intriso di storia, il borgo medievale di Bard sorge tra due imponenti montagne che scendono ripide verso la Dora Baltea, nella parte più stretta della Val d’Aosta. Tra i più suggestivi della Val d’Aosta, intriso di storia, fu un tipico villaggio d’attraversamento lungo l’antica strada romana, da sempre percorso obbligato per entrare in Val d’Aosta.   

Un anonimo redattore del Messager Valdôtain nel 1959 ha scritto:

«È incassato, come un cuneo, tra due monti. Da una parte è quello che sostiene il famoso Forte […], dall'altra parte è un altro monte ancora più alto […]. È percorso, a mezzo, da una via stretta, con vecchio acciottolato segnato ancora dalle ruote dei carri delle legioni romane. Le case sono tutte antiche e hanno portali, finestre e balconi in pietra lavorata bellissimi[…]».

Il suo nome dovrebbe derivare dal celtico Bar, che indica una rocca, un luogo fortificato: è sulla sommità rocciosa di uno dei due monti che sorge imponente il Forte di Bard, antica fortezza risalente all’anno 1000 e costruita su antiche fondamenta romane, riedificato nel XIX secolo dai Savoia

Oggi, completamente ristrutturato, il Forte di Bard in Val d’Aosta è polo culturale e museale che ospita il Museo delle Alpi e il nuovo Museo delle Fortificazioni e delle Frontiere, oltre ad eventi e mostre temporanee che attraggono turisti tutto l’anno. 

Il passato di Bard 

Dominato anticamente dai signori di “Bard” che dominavano l’intero territorio fino alla valle di Champorcher, questo piccolo borgo fu da sempre fortezza sicura contro le invasioni. Con i sui 160 abitanti, questo borgo è un vero e proprio concentrato di storia testimoniata da case monumentali di rara bellezza tra cui spicca la Casa del Vescovo e l'elegante palazzo dei nobili Nicole, ultimi conti di Bard.

Il borgo fortificato nel 1800 fu teatro dello storico assedio di Napoleone, testimoniato anche dai ricordi della giovinezza di Stendhal, tra i protagonisti dell’Armée napoleonica, che proprio qui ricevette il suo battesimo del fuoco. Anche Camillo Benso Conte di Cavour, prima di lasciare la sua carriera militare per quella politica, soggiornò a Bard. 

Vivere Bard 

Oggi il borgo conserva intatto il suo aspetto antico e lo stile ad archi ricco di bifore con finestre crociate che arricchiscono gli edifici storici. In questo gioiello della Val d’Aosta è piacevole passeggiare lungo il sentiero ricco di tornati che porta alla fortezza. 

Per i fan degli Avengers visitare la fortezza significa immergersi nella pellicola “Age of Ultron”, il kolossal che ha come protagonisti i Vendicatori della Marvel: è proprio il Forte di Bard ad aprire il trailer del film di Joss Whedon. 

A Bard e dintorni è possibile avventurarsi in diverse escursioni verso la località Mabec o il villaggio di Jacquemet e gustare un ottimo piatto di fiuor di cousse (dei fiori di zucca ripieni) accompagnati da un bicchiere di vino dei rocchi di Bard proveniente dal Nebbiolo, vitigno antico che produce un rosso brillante. 

Prenota ora il tuo hotel a Bard!

Booking.com

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Potrebbero interessarti