c
Edificio di culto

Chiesa di Sant'Erasmo (Formia)

Via Olivetani, Formia, (Latina) Tempo di lettura: meno di 1 minuto

La chiesa è esternamente preceduta da un ampio sagrato, perpendicolare alla strada a rispetto ad essa posto ad una quota inferiore, introdotto da una scalinata. Alla destra della chiesa, sorge la cinquecentesca cappella di San Probo, a navata unica senza abside. La presenza di una comunità cristiana a Formia non è precedente alla persecuzione di Diocleziano, avvenuta tra il 303 e il 313. Intorno alla sepoltura di sant'Erasmo, protovescovo formiano martirizzato tra il III e il IV secolo, sorse nel VI secolo un luogo di culto, citato in una lettera di papa Gregorio Magno al vescovo Bacauda del 590. 

Secondo i documenti del sinodo diocesano di Gaeta del 1799, celebrato essendo vescovo Carlo Pergamo, il vescovo di Formia Probo, diretto successore di Erasmo, avrebbe lui stesso posto le spoglie mortali del suo predecessore in una chiesa preesistente, situata nell'area occidentale della città, non lontana dal teatro. La monumentalizzazione del sito avvenne probabilmente in epoca carolingia, tra l'VIII secolo e la prima metà di quello successivo, con la costruzione di una grande chiesa con cripta semianulare

Potrebbero interessarti