Comune

Contursi Terme

Contursi Terme, (Salerno)
Contursi Terme (Cuntùrs in dialetto contursano) è un comune italiano di 3.356 abitanti della provincia di Salerno in Campania.Geografia fisicaIl centro è situato su di una piccola collina che domina la valle del Sele.Classificazione sismica: zona 2 (sismicità media), Ordinanza PCM. 3274 del 20/03/2003.ClimaIn base alla media trentennale di riferimento 1961-1990, la temperatura media del mese più freddo, gennaio, si attesta a +6,9 °C; quella del mese più caldo, luglio, è di +24,5 °CCorsi d'acquaFiume SeleFiume TanagroStoriaLe origini di Contursi Terme sono state lungamente discusse da vari storici. Più di qualcuno, basandosi sull'autorità di Plinio il vecchio, ha ritenuto che Contursi potesse identificarsi con Ursentum, cioè la sede degli Ursentini, i quali, assieme ad altri popoli costituiva la nazione dei Lucani. Ma tale ipotesi veniva smentita dallo stesso Plinio.Il Filomarino, basandosi sugli storici Strafforello e Rivelli, ed in particolare alle ricerche etimologiche di quest'ultimo, fa risalire le origini di Contursi alla fine del IV secolo d.C., ad opera degli abitanti di Saginara, cittadina scomparsa, un tempo nelle località omonime di Campagna e Contursi, posta sul rilievo di fronte alla confluenza del Tanagro con il Sele e distrutta dai Goti di Alarico fra il 395 ed il 400 d.C.Nel XIV secolo Contursi apparteneva ai Sanseverino, baroni del Cilento, sino a che, nell'anno 1348 Luigi II d'Angiò Durazzo, gliela espropriò, donandola agli Origlia. Il borgo tornò al potente Antonio Sanseverino nel 1448, rimanendo al casato sino all'inizio del vicereame. Indi il patrizio napoletano Giovanni Sebastiano Rizzo divenne barone di Contursi e di Postiglione (Assenso del 1507). Da questi passò al figlio Michele, a cui Carlo V d'Asburgo tolse tutti i possedimenti feudali, per punizione della sua ribellione durante la conquista del Regno sotto Odet de Foix, conte di Lautrec e Comminges. Contursi e Postiglione passarono al conte Girolamo Morone, sino alla riabilitazione del Rizzo (1529). L'unica figlia sopravvissutagli sposò un Caracciolo del ramo di Martina, al quale trasmise post mortem il feudo. Contursi passò poi di mano in mano per compravendite feudali: dai Bernalli ai Pepe, ai Ludovisi ed ai Parisani Bonanno, sino ai Pisani di Tolentino, marchesi di Caggiano.Dal 1811 al 1860 è stato capoluogo dell'omonimo circondario, appartenente al Distretto di Campagna del Regno delle Due Sicilie.Dal 1860 al 1927, durante il Regno d'Italia, è stato capoluogo dell'omonimo mandamento appartenente al Circondario di Campagna.Monumenti e luoghi d'interesseIl centro storico del paese delle terme conserva ancora uno dei suoi antichi ingressi. Al culmine di una scala dalla quale prende il nome, la porta detta della "Scala longa" è uno dei più suggestivi del piccolo borgo. Addossata a una struttura architettonica a forma di torre, fa da elemento di congiunzione fra la zona della chiesa del Carmine e la parte bassa del paese. Tracce dell'antica dimora dei signori del luogo sono visibili nella facciata di palazzo Mirra. Con il suo importante portale che si apre su murature ancora robuste.Architetture religioseBambino Gesù, fu inizialmente edificata per la devozione di San Giovanni e Santa Lucia. Nel 1600, a seguito di alcuni lavori di ristrutturazione, l'arciprete Paradiso consacrò la Chiesa del Bambino Gesù, dopo aver fatto arrivare da Napoli una statuetta che lo raffigurava, di fattura pregevole, sia nelle proporzioni anatomiche che per le vesti ricamate con filo d'oro. All'interno si trovano le statue di Santa Maria Immacolata Concezione e Santa Maria Addolorata. Di pregevole fattura anche il magnifico organo settecentesco intagliato.Santa Maria delle Grazie, originariamente di dimensioni più piccole, fu successivamente ampliata. Nel 1656, al suo interno, fu costruito un altare dedicato a Santa Filomena Martire, in ringraziamento dei suoi tanti miracoli, avvenuti, come narra la tradizione, durante i giorni della peste.Santa Maria degli Angeli, estremamente arduo individuare la data di costruzione della chiesa, ma di certo essa è precedente all'840. In una bolla dell'Arcivescovo Grati datata 14 agosto 1486, sullo scritto introduttivo agli antichi legati viene ribadito con chiarezza: la Chiesa di Contursi prima sotto il nome di S. Maria Indi con l'aggiunta di Santa Maria Maggiore e finalmente di S. Maria degli Angeli. Con tempo divenne il punto di riferimento e presto dovette conquistare il primato tra le chiese del paese. Nei secoli è stata sottoposta a numerosi rifacimenti.Maria S.S. del Carmine, probabilmente fu costruita su una vecchia Chiesa dedicata al patrono della città, il Vescovo San Donato, divenuta monastero dei padri Carmelitani soppressa poi nel 1652 con la Bolla Pontificia. Il 16 ottobre 1873, il Municipio di Contursi affidò al Clero tutti gli averi della chiesa, con l'obbligo di mantenere tutti gli arredi sacri (Foto Chiesa Madonna del Carmine).Santa Sofia, fu edificata nel 1338 originariamente dedicata alla santa, è nei primi giorni di giugno meta di centinaia di fedeli che si recano per la “tredicina” una tradizione legata al culto di Sant'Antonio.San Vito, consacrata al culto di San Vito il 12 febbraio 1714,fu edificata su uno spiazzo fuori dell'abitato per favorire il rito di un antico culto dei pastori, legato alla devozione di San Vito: dopo la Messa, i fedeli compiono tre giri attorno alla Cappella esprimendo un desiderio. Usanza che si rifà ai "turni" che i pastori facevano col gregge attorno alla chiesa, l'animale che vi entrava diventava proprietà del Santo.Madonna della Scalella, in onore della secolare venerabilità di Santa Maria della Scala, situata alla periferia del vecchio centro abitato.San Donato, costituita con assenso regio di Ferdinando IV di Borbone del 27 aprile 1816, è situata in un locale della chiesa Santa Maria degli Angeli.S. Antonio al Ponte, situata sulla sponda destra del fiume Sele in loc. ponte Mefita, La lapide posta all'esterno riporta la seguente dedica: "A S. Antonio di Padova nel 1879 si consacra questa cappella a devozione del popolo e di Onofrio Parisi iniziatore per visione avutane a volte il figlio Francesco memore P. 13 giugno 1895". Ancora oggi il 13 giugno si porta in processione la statua del santo dal centro del paese lungo una via molto caratteristica detta dei "ghiai" mentre antichi canti liturgici si elevano nell'aria assieme al suono delle zampogne.Architetture civiliPalazzo Arnone, costruito nel Quattrocento in pietra calcare che fu acquistato dal Comune nella seconda metà dell'Ottocento.Villa Secentesca, appartenuta alla famiglia Pagnani.Palazzo Viola, in cui l'originale struttura in legno del portone è ancora visibile.Villa Marolda, la sua fama è dovuta al fatto che accolse nel 1937 il Principe Umberto di Savoia, all'interno la costruzione abbonda di archi, colonne caratteristiche lungo le scale e soprattutto al primo piano si può notare la struttura a volta del soffitto a copertura delle stanze, che ci richiama lo stile barocco.Palazzo Taglianetti e Palazzo Venditti, quest'ultimo ha ospitato di volta in volta la sede comunale, la scuola media, l'istituto Tecnico Commerciale.Architetture militariCastello Rosapepe, venne edificato nell'839 dal Conte Orso per difendersi dalle continue scorribande dei normanni, in una posizione che domina la piazza centrale del paese. Nel 1675 divenne proprietà della famiglia Parisano che lo tenne fino al 1807 fino a quando non divenne proprietà della famiglia Rosapepe.AltroMonumento ai Caduti, fu costruito dopo la prima guerra mondiale alla memoria dei tanti contursani morti per la patria.SocietàEvoluzione demografica3.336 dati istat del 31-10-08 Abitanti censiti Etnie e minoranze straniereAl 31 dicembre 2012 a Contursi Terme risultano residenti 65 cittadini stranieri. La nazionalità più rappresentata è quella rumena con 26 residenti:ReligioneLa maggioranza della popolazione è di religione cristiana di rito cattolico; il comune appartiene alla forania di Colliano dell'Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno, con una parrocchia:S. Maria degli AngeliL'altra confessione cristiana presente è quella Protestante con una comunità:Chiesa Pentecostale CCEVAS, presente dal 1950 circaPersone legate a Contursi TermeLuciano Fineschi (1925-2006), musicista, compositore, arrangiatore e direttore d'orchestra italiano.Beppe Viola (1939-1982), giornalista, scrittore e umorista.Mariano Arciero (1707-1788), presbitero proclamato beato nell'estate del 2012.Geografia antropicaFrazioniLo statuto comunale di Contursi Terme non menziona alcuna frazione. In base al 14º Censimento Generale della Popolazione e delle Abitazioni, le località abitate sono:Bagni di Contursi, 38 abitanti, 150 m s.l.m., zona termale situata lungo la SP 429;Bagni Forlenza, 13 abitanti, 100 m s.l.m., , zona termale situata alla fine della SS 91 e dove inizia la SP 429;Monte Pruno, 69 abitanti, 311 m s.l.m., abitato situato a ridosso della SP 305;Pruno Sottano, 43 abitanti, 168 m s.l.m., abitato situato lungo la SP 429;Tempa del Corvo, 108 abitanti, 367 m s.l.m., abitato situato lungo la SP 305.Vulpacchio, 23 abitanti, 100 m s.l.m., , zona termale situata alla fine della SS 91;Altre località con popolazione sparsa sono:Contursi vecchio, Iannamici, Madonna delle Grazie, Madonnella, Pagliarini, Piana, Ponte Mefita, Prato, Saginara, San Pietro, Serroni, Toppe.EconomiaIl polo termale di ContursiIl comune di Contursi Terme è un centro turistico-termale situato a nord della provincia di Salerno. Conosciuto già nel primo secolo d.C., Plinio il vecchio scriveva delle proprietà delle acque termali, a cui accenno anche Virgilio, Strabone e Silvio Italico. Il sito acquisì forma ulteriore all'inizio del Novecento, quando incominciò a svilupparsi il turismo termale.Infrastrutture e trasportiStradeIl comune è servito dai seguenti collegamenti stradali:Uscita autostradale Contursi Terme-Postiglione, sull'Autostrada Salerno-Reggio Calabria.Strada statale 91 della Valle del Sele, asse viario che termina in località Bagni Forlenza.Strada statale 691 Contursi-LioniStrada Provinciale 10/aStrada Provinciale 65Strada Provinciale 305Strada Provinciale 429, ex Strada Statale 91 della Valle del Sele.FerrovieLa località è servita dalla Stazione di Contursi Terme posta sulla ferrovia Salerno-Potenza.Mobilità urbanaI trasporti interurbani vengono svolti con autoservizi di linea gestiti da Sita Sud, il trasporto urbano è affidato alla società Autolinee Barletta che collega tutte le frazioni con il capoluogo.AmministrazioneAltre informazioni amministrativeIl comune fa parte della Comunità montana Tanagro - Alto e Medio Sele.Le competenze in materia di difesa del suolo sono delegate dalla Campania all'Autorità di bacino interregionale del fiume Sele.Per quel che riguarda la gestione dell'irrigazione e del miglioramento fondiario, l'ente competente, solo per ha 255, è il Consorzio di bonifica in Destra del fiume Sele.Città gemellate Muro Lucano (PZ)SportCalcioLa città di Contursi Terme è molto legata alla tradizione calcistica ed oggi ha ben due società: L'associazione sportiva Real Contursi Terme e l'unione sportiva Contursi Terme. Nel Real Contursi la metà dei calciatori sono contursani, mentre nell'altra società i giocatori sono prevalentemente forestieri.La presenza di due squadre ha subito molte critiche dagli appassionati della cittadina, perché vorrebbero un'unica squadra da esser più forte sebbene militano entrambe nel campionato a gironi di prima categoria.CiclismoNel corso dell'anno a Contursi Terme si svolgono competizioni ciclistiche amatoriali e professionistiche, nel 2003 si è tenuta la prima edizione della gran fondo valle Sele-Tanagro. Nel 2008 Contursi Terme è stata sede di arrivo della 5ª tappa del Giro d'Italia partita da Belvedere Marittimo e vinta da Pavel Brutt.Impianti sportiviCampo di calcio in loc. Tufaro.Campo di calcio a 5 in loc. MadonnelleCuriositàSindrome di ParkinsonLe famiglie originarie di Contursi Terme hanno svolto un ruolo importante nella comprensione della sindrome di Parkinson. Nel 1986, Larry Golbe, un medico dell'Università di Medicina ed Odontoiatria del New Jersey, si è imbattuto in una famiglia, originaria di Contursi, con sei casi di sindrome di Parkinson. Pochi mesi dopo ha trovato una seconda famiglia con diversi casi di sindrome di Parkinson anch'essa con origini riconducibili a questa città. Questo ha spinto Golbe a collaborare con Giuseppe DiIorio dell'Università di Napoli, per analizzare il DNA dei Contursani e delle persone che sono emigrate da Contursi in tutto il mondo. I due studiosi hanno identificato tre famiglie in Italia e tre negli Stati Uniti d'America che discendono da una singola coppia vissuta a Contursi a cavallo del diciassettesimo e diciottesimo secolo. Dei 400 membri della famiglia estesa, conosciuta come "Contursi kindred", 61 erano affetti da sindrome di Parkinson. Queste indagini hanno dimostrato per la prima volta che il morbo di Parkinson potrebbe essere ereditario.I genetisti Alice Lazzarini e Willian Johnson hanno lavorato nel corso degli anni novanta per isolare la mutazione che causa il morbo.. Nel 1996 hanno individuato il cromosoma 4q21-q23 e l'anno seguente la mutazione nel gene alpha-synuclein. Pochi giorni dopo, altri ricercatori hanno trovato α-synuclein nei corpi di Lewy di un paziente affetto dal morbo. Questo suggerisce le proteine sono coinvolte nel normale decorso della sindrome di Parkinson anche quando il paziente non ha ereditato il gene α-synuclein mutato. Inoltre ha aperto vie per nuovi approcci allo studio del Parkinson, come cavie animali con il gene α-synuclein mutato.CognomiIl cognome più diffuso di Contursi Terme è Forlenza con più di 300 abitanti.Terremoto 1980Il 23 novembre 1980 alle ore 19:35 Contursi fu colpita da un terremoto che causò soltanto una morte, per fortuna e coincidenza il prete che celebrò la Santa Messa finì di predicare prima del previsto, dando tempo ai fedeli di uscire dalla chiesa poco prima che iniziasse il terremoto.Galleria fotograficaNote^ Censimento ISTAT^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.^ De Lellis Carlo (a cura di), Michaelis Ritii neapolitani, De regibus Hispaniae, Hierusalem, Galliae, vtriusque Siciliae, & Vngariae, historia, Neapoli, ex regia typographia Egidij Longhi - 1645 (Introduzione)^ nobili napoletani^ M. Ulino, Contursi Terme, in AA.VV. La Campania paese per paese, Firenze, 1990. ISBN 88-476-0000-6 - Gal Colline Salernitane - I Comuni - Contursi Terme^ Statistiche I.Stat - ISTAT; URL consultato in data 28-12-2012.^ Dati Istat^ Arcidiocesi di Salerno - Campagna - Acerno^ Le Chiese Cristiane Evangeliche nella Valle del Sele, di Romolo RICCIARDIELLO^ :: Fiume di Vita ::^ 14º Censimento^ SeleSalernoBike.^ MTN Company | agenzia di comunicazione integrata^ a b c d e f g h Eve Jacobs, Gene Hunter in UMDNJ Magazine, I, II, University of Medicine and Dentistry of New Jersey, 2004. URL consultato il 30 maggio 2008.^ LI et al. Golbe, G Di Iorio, V Bonavita, DC Miller e RC Duvoisin, A large kindred with autosomal dominant Parkinson's disease. in Ann Neurol., vol. 27, nº 3, 1990, pp. 276–82, DOI:10.1002/ana.410270309, PMID =2158268. URL consultato il 30 maggio 2008.^ M.H. et al. Polymeropoulos, J. J. Higgins, L. I. Golbe, W. G. Johnson, S. E. Ide, G. Di Iorio, G. Sanges, E. S. Stenroos e L. T. Pho, Mapping of a gene for Parkinson's disease to chromosome 4q21-q23 in Science, vol. 274, 1996, pp. 1197–1100, DOI:10.1126/science.274.5290.1197.^ Polymeropoulos M, Lavedan C, Leroy E et al., Mutation in the alpha-synuclein gene identified in families with Parkinson's disease in Science, vol. 276, nº 5321, 1997, pp. 2045–7, DOI:10.1126/science.276.5321.2045, PMID 9197268.Voci correlateComunità montana Alto e Medio SeleBagni di ContursiStazione di Contursi TermeRiserva naturale Foce Sele - TanagroAltri progetti Commons contiene immagini o altri file su Contursi Terme Wikivoyage contiene informazioni turistiche su Contursi TermeCollegamenti esterniContursi TermeContursi Terme in Open Directory Project, Netscape Communications. (Segnala su DMoz un collegamento pertinente all'argomento "Contursi Terme")

Ci spiace, non abbiamo ancora inserito contenuti per questa destinazione.

Puoi contribuire segnalandoci un luogo da visitare, un evento oppure raccontarci una storia su Contursi Terme. Per farlo scrivi una email a redazione@viaggiart.com