Le eccellenze di Cantù, città del legno e del pizzo | ViaggiArt
Pizzo di Cantù
Tradizioni

Le eccellenze di Cantù, città del legno e del pizzo

Pizzo di Cantù. CC BY-SA Di Clara 42 - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=45482536
2 settimane fa
Cantù, (Como)

Il Pizzo di Cantù, le pipe Castello e il Festival del Legno fanno di Cantù la "Città del legno" e del merletto per eccellenza. 

 

Gli artigiani del legno e del pizzo di Cantù

La città di Cantù, tra i motori dell’economia lombarda, è la meta ideale per chi desidera immergersi in alcune tra le eccellenze manifatturiere d’Italia legate a pizzo, merletti e industria del legno. 

ViaggiArt vi accompagna alla scoperta delle antiche tradizioni artigianali del Comune di Cantù e della provincia di Como, sulle tracce del celebre Pizzo di Cantù, candidato al riconoscimento di Patrimonio Immateriale UNESCO, e delle più importanti botteghe di scultori del legno e di artigiani della pipa che rendono famosa la località come “Città del legno” e “Cantù città del mobile”. 

 

Il Pizzo di Cantù, candidato Patrimonio UNESCO

Esiste una tradizione antica a Cantù, che da secoli rende protagoniste le “donne merlettate”, giovani e anziane canturine, che lavorano e indossano orgogliose il pregiatissimo Pizzo di Cantù.

 

“Ul pizz”, come viene chiamato in dialetto il Pizzo di Cantù, è il tipico merletto prodotto intrecciando fili - solitamente cotone, lino o seta - avvolti su fusi. L'intreccio viene lavorato su una base di appoggio, il tombolo, formata da un cuscino imbottito di crine poggiato su un cavalletto inclinato. 

 

Terminata la lavorazione e il disegno originale, il Pizzo di Cantù viene staccato dal supporto e fissato alla stoffa che dovrà ornare, ma non solo...il famoso merletto è impiegato anche per realizzare pregiati bijoux, la cui forma e dimensione dipende dal filato e dalla particolarità dei disegni.

 

Lavorazione al tombolo - Pizzo di Cantù

 

Un’arte antica quella del Pizzo di Cantù, come testimonia Carlo Annoni nei suoi appunti storici (1835), datandone l'origine all’XI secolo, quando suor Agnese di Borgogna, priora del Monastero Benedettino di Santa Maria di Cantù, avrebbe introdotto, insegnato e diffuso questa attività.

 

Cantù Città del Legno e Fiera del Legno di Cantù

Non solo pizzo nell’operoso centro lombardo, noto anche come “Città del legno”, “Città del mobile” e delle pipe!

Il nostro tour alla scoperta del volto artigianale e industriale di Cantù passa per un’altra eccellenza cittadina: i suoi scultori del legno, in grado di trasformare la materia prima in mobili che rappresentano un must nell’ambito del design del legno e in rinomate pipe artigianali italiane, tra le migliori pipe al mondo

Vetrina privilegiata per ammirare, acquistare e conoscere queste due meraviglie della città di Cantù è l’annuale Fiera del Legno, che si svolge in autunno e attira visitatori e appassionati da tutto il mondo.

 

 

Chi si trova a Cantù in un periodo diverso, può comunque ammirare le straordinarie opere d’arte e artigianato esposte presso il Museo del Legno di Cantù: è questo, infatti, il “tempio” che racconta la storia del legno, dei singoli manufatti e dei personaggi legati alla città di Cantù e alla sua inimitabile tradizione artigianale.

Un nome su tutti? Sandro Pertini. Ebbene sì, le mitiche pipe Castello, fiore all’occhiello del made in Italy, considerate tra le migliori pipe al mondo, hanno segnato la storia iconografica d’Italia, dal presidente Pertini a Roberto Costa, primo direttore Rai.

Se vi state chiedendo come fare una pipa in legno, Carlo Scotti, fondatore dello storico marchio di pipe Castello, concentra in una battuta l’essenza di quest’arte affascinante:

 

"Conduco una bottega, non una fabbrica. Le mie pipe sono opere d'arte, frutto di esperte mani, cuore e fantasia."

Carlo Scotti 

 

 

Cantù e dintorni

Tra le cose da vedere a Cantù, il Complesso Monumentale di Galliano, che include la Basilica di San Vincenzo e il Battistero di San Giovanni, uno dei più noti monumenti dell'arte romanica lombarda (1007).

Un giro nel territorio brianzolo, da Como a Monza, regala scorci paesaggistici meravigliosi, centri storici ricchi d’arte e assaggi gastronomici della migliore cucina lombarda.

 

Prenota ora il tuo hotel a Cantù!

Booking.com

 

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Cantù

Cantù

Cantù (Cantü in dialetto brianzolo, pronuncia fonetica IPA: /kanˈty/), è un comune italiano di 39.816 abitanti della provincia di Como, in Lombardia. È il ventisettesimo comune più popoloso della Lombardia. Storia Le...

Booking.com