Consigli di viaggio - Idee di Viaggio

A Caporetto 100 anni dopo: itinerario sui luoghi della Grande Guerra

Scritto da Redazione , 23/10/17

Non chiamatela disfatta! La Battaglia di Caporetto, a 100 anni di distanza, fu una semplice sconfitta per gli storici. ViaggiArt vi porta sugli itinerari della Grande Guerra, nella splendida Valle dell’Isonzo, per scoprire da vicino la “Disfatta di Caporetto” del generale Cadorna

Sui luoghi della Grande Guerra, da Caporetto al Monte Ragogna

Nel centenario della Disfatta di Caporetto siamo tornati lungo la Valle dell’Isonzo per percorrere un itinerario di grande fascino, quello che dal centro abitato di Caporetto, nel goriziano, ci conduce sulle tracce della Prima Guerra Mondiale, ovvero nel museo all’aperto noto come “I luoghi della Grande Guerra nel Friuli Collinare”, con sede a Ragogna.

Proprio come fece l'esercito austro-germanico, dopo Caporetto, avanziamo nella pianura friulana costeggiando il fiume Isonzo, immersi in un panorama incontaminato che toglie il fiato, e raggiungiamo i ponti di Cornino e Pinzano.
Il primo itinerario attraversa il complesso fortificato del Monte di Ragogna, un percorso che dalle rive del Tagliamento porta alla frazione di Muris attraverso una bellissima camminata fluviale che include la visita al Castello di Reunia.

Lungo il “percorso di guerra” si incontrano testimonianze storiche di grande interesse: dalla Batteria Permanente "Ragogna Bassa" alle riserve e casematte, in cui sono ancora visibili le scritte a matita fatte dai soldati durante la loro permanenza, fino a percorrere le trincee di seconda linea, a ridosso della Chiesetta di San Giovanni.

Un itinerario emozionante, che a 100 anni dalla Disfatta di Caporetto suggerisce nuove interpretazioni storiche e riallaccia i fili della memoria.

D’obbligo la visita al Museo della Grande Guerra di Ragogna, che offre un approfondimento di quanto visto sul territorio e curiosità legate al periodo.

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Immagine descrittiva - BY Pixabay c

Ragogna

Il comune di Ragogna occupa la porzione più occidentale dell'anfiteatro morenico del Tagliamento. Tutta la zona è caratterizzata dal punto di vista ambientale da...

Altri Suggerimenti

Il borgo di Melissa, tra vigneti, storia e mare

Il borgo di Melissa, tra vigneti, storia e mare

Un viaggio nelle Terre del Marchesato, alla scoperta del borgo di Melissa e della sua frazione marina, Toprre Melissa, Bandiera Blu.

Un fine settimana a San Giovanni in Fiore, nel Parco Nazionale della Sila. Cosa fare e cosa vedere.

Un fine settimana a San Giovanni in Fiore, nel Parco Nazionale della Sila. Cosa fare e cosa vedere.

Incastonato nel cuore del Parco Nazionale della Sila, tra i più belli d'Italia, il Comune di San Giovanni in Fiore è una meta consigliata per chi ama trascorrere...

Calabria, terra mia: tra i luoghi del corto di Muccino

Calabria, terra mia: tra i luoghi del corto di Muccino

L'abbiamo raccontata tanto, in tutte le sue sfaccettature. Ecco il nostro viaggio nella Calabria, terra mia: tra i luoghi del corto di Muccino.

Settimana bianca in Trentino: 3 mete imperdibili

Settimana bianca in Trentino: 3 mete imperdibili

All’aria aperta si vive meglio! Ecco dove trascorrere una settimana bianca in Trentino, al cospetto delle Dolomiti.

Cosa vedere in un giorno a Prishtina, capitale del Kosovo

Cosa vedere in un giorno a Prishtina, capitale del Kosovo

Prishtina è la Capitale del Kosovo, nonchè la città più grande del Paese. Scopriamo insieme cosa vedere e cosa fare in un giorno.

Albania, cosa vedere assolutamente in 10 giorni 

Albania, cosa vedere assolutamente in 10 giorni 

Scopriamo cosa vedere in Albania in 10 giorni, paese ricco di sorprendenti risorse culturali, naturali e paesaggistiche.