Consigli di viaggio - Esperienze

Visita alle Grotte di Maratea: quali vedere

Scritto da Redazione , 14/09/20

Un'esperienza unica, adatta a tutti, ma che lascia a bocca aperta? La visita alle Grotte di Maratea, al cospetto della Grotta della Meraviglie...basta il nome!

Forse non tutti lo sanno, ma a Maratea, la località balneare più frequentata della Basilicata, esistono delle cavità sotterranee davvero spettacolari, le cui caratteristiche e forme originali, così come i giochi di luce al loro interno, nulla hanno da invidiare a quelle certamente più note di Castellana (per restare al sud).

Le Grotte di Maratea sono collocate nella località marina di San Giuseppe, nei pressi della frazione omonima.  

Grotta delle Meraviglie a Maratea

Si tratta di un vero e proprio gioiello della natura. La Grotta delle Meraviglie, come suggerisce il nome stesso, custodisce al proprio interno un'architettura naturale di stalattiti e stalagmiti che ha dell'incredibile.

Scoperta nel 1927, durante la costruzione della statale, la cavità apertasi casualmente nella roccia svelò una dimensione parallela: cascate di stalattiti, colonne torte dall'erosione di centinaia di migliaia d’anni, giochi di luce indescrivibili all'interno di un'unica grande sala che si estende per circa 50 metri in orizzontale e 10 verticale. 

Diviso da splendide colonne naturali in tre spazi diversi, l'ambiente centrale della Grotta delle Meraviglie si conclude con la cosiddetta "Sala del Presepe".

Aperta al pubblico due anni dopo la sua scoperta, nel 1929, oggi la grotta è visitabile con una guida speleologa, in italiano o inglese, con un percorso della durata circa 25 minuti.

Fino al 30 settembre la grotta è aperta tutti i giorni, dalle 10,30 alle 13,30 e dalle 15,30 alle 18,30; nel periodo invernale la visita è solo su prenotazione.

Altre Grotte di Maratea

Il tratto di costa tirrenica nei pressi della Grotta delle Meraviglie è esplorabile anche in barca, con una visita alle grotte di Maratea più piccole, visibili lungo la scogliera.

Lunga 32 Km, la costa marateota, offre ai suoi visiatatori imponenti falesie a picco sul mare nella zona nord (Fiumicello, Cersuta, Acquafredda, Grotta del Sogno) e piccole baie e calette suggestive in quella sud (Isola di Santo Janni, Marina, la Secca di Castrocucco, Punta Caina e la Baia di Illicini).

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Immagine descrittiva - CC BY-SA Di Luke18389 - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=50907060 c

Maratea

Per i suoi paesaggi costieri e montani, e per le peculiarità artistiche e storiche, Maratea è una delle principali mete turistiche della Basilicata, conosciuta...

Altri Suggerimenti

Matera: come si diventa Capitale Europea della Cultura

Matera: come si diventa Capitale Europea della Cultura

La celebre “Città dei Sassi” (o “Città Sotterranea”), uno dei nuclei abitativi più antichi al mondo, “Patrimonio dell’Umanità” UNESCO dal 1993, è...

Basilicata “film to film”

Basilicata “film to film”

Se “Noi e la Giulia” – film di Salvatore Leo del 2015, record di ascolti in TV, già vincitore di due David di Donatello – e altri 10 film freschi di bobina e...

Viaggio tra i tesori della Basilicata

Viaggio tra i tesori della Basilicata

Ritaglio di terra tra due mari, la Basilicata è una delle regioni più misteriose e in parte sconosciute del sud Europa. La geologia del territorio – che alterna i...

Venosa e il Principe-compositore

Venosa e il Principe-compositore

Annoverata tra i “Borghi più belli d’Italia”, la città di Venosa (PZ) è da considerarsi a pieno titolo una delle perle della Basilicata. Dell’antico...

A volo d’angelo tra le Dolomiti Lucane

A volo d’angelo tra le Dolomiti Lucane

Un cavo d’acciaio sospeso tra le vette di Castelmezzano e Pietrapertosa permette di vivere un’emozione unica: il Volo dell’Angelo!

Se Cristo si è fermato a Eboli, noi proseguiamo fino ad Aliano

Se Cristo si è fermato a Eboli, noi proseguiamo fino ad Aliano

Lo facciamo volentieri, come sentito omaggio a Carlo Levi – artista e intellettuale tra i più sensibili e illuminati del nostro Novecento – in occasione...