Consigli di viaggio - Tradizioni

Il 2 novembre e la Mensa delle Anime

Scritto da Redazione , 02/11/15

La Festa dei Defunti in Italia è sostanzialmente diversa da Halloween, ma siamo proprio sicuri che l’invenzione di Jack ‘o lantern (la zucca intagliata a mo’ di teschio) e il motto “Dolcetto o scherzetto?” siano totalmente made in USA? Noi di ViaggiArt ce lo siamo chiesti e… leggete un po’ cosa abbiamo scoperto.

Alla Mensa delle Anime

La data del 2 novembre in Italia non è solo una ricorrenza da celebrare, ma in molte regioni diventa una vera e propria festa, uno scaramantico convivio che si traduce in lauti banchetti, coi “dolcetti” che la fanno da padrone, da consumare nel ricordo dei propri cari, se non addirittura in loro presenza! È il caso, ad esempio, di molti paesi della Calabria arbëreshë (Lungro, CS), dove è consuetudine consumare il pasto principale del 2 novembre direttamente sulle tombe dei defunti.

Sembra avere origini calabresi anche Jack la zucca, alias “lu coccalu di mortu”, che in alcune zone del vibonese (Serra San Bruno, VV) è portato in giro dai bambini, casa per casa, in cerca di caramelle e monetine.

La Mensa delle Anime, consumata a Napoli presso il suggestivo complesso ipogeo di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco, tutta a base di “torrone dei morti” (morbido impasto di nocciole e cioccolato), così come la deliziosa “frutta martorana” (colorata pasta di mandorle) che allieta il 2 novembre dei bambini siciliani e le vetrine di ogni pasticceria che si rispetti, da Messina a Palermo, altro non sono che un richiamo ancestrale al tema morte-cibo che, dalla notte dei tempi, racconta ed esorcizza il contrasto tra la luce e il calore della vita e le tenebre dell’aldilà.

In alcune zone della Lombardia, la notte tra l’1 e il 2 novembre si lascia in cucina un recipiente d’acqua fresca per dissetare le anime; in Friuli, un lume acceso a rischiarare il buio e un tozzo di pane; in Liguria, fave secche e castagne bollite; in Trentino, Piemonte e Val d’Aosta, si lascia la tavola apparecchiata e il camino acceso.

Da Nord a Sud, insomma, il 2 novembre è da sempre la data in cui il nostro mondo si ricongiunge all’altro e lo fa attraverso l’elemento che più di ogni altro unisce e dà calore: il cibo!

 

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Immagine descrittiva - CC BY c

Napoli

Napoli è la terza Città Metropolitana d’Italia. Nel 1995 il suo centro storico di Napoli, il più vasto d'Europa, è stato riconosciuto dall'UNESCO “Patrimonio...

Altri Suggerimenti

Napoli e la vera storia della pastiera

Napoli e la vera storia della pastiera

Regina dei dolci tipici di Pasqua, la pastiera napoletana ha un’origine leggendaria! ViaggiArt ha deciso di svelarvi i segreti di Napoli e la vera storia della...

“Parade”, viaggio in Italia con Picasso

“Parade”, viaggio in Italia con Picasso

Nel 1917 Pablo Picasso, su invito dall’amico poeta, drammaturgo e artista a tutto tondo Jean Cocteau, intraprende un viaggio in Italia che toccherà Roma e Napoli e...

“Te piace ‘o presepio?”: week end a San Gregorio Armeno

“Te piace ‘o presepio?”: week end a San Gregorio Armeno

L’Illuminatore, apostolo degli armeni che rischiara il buio, a Napoli è sinonimo di uno dei luoghi per eccellenza del Natale. Indica una strada precisa, la “via...

Oggi è Napoli

Oggi è Napoli

A volte mi chiedono di descrivere quello che mi suggerisce il cuore, l’occhio e lo spirito. Oggi è facile. Oggi è Napoli! Credo che non si possa riassumere Napoli...

Il Cristo Velato a Napoli: la scultura del mistero

Il Cristo Velato a Napoli: la scultura del mistero

Cuore della Cappella Sansevero a Napoli, il Cristo Velato è una delle opere più note al mondo. Scopri di più, tra misteri e leggende!

Salotti estivi d’Italia: una sera in piazza a Tropea, Rimini e Capri

Salotti estivi d’Italia: una sera in piazza a Tropea, Rimini e Capri

L’estate italiana non è solo mare e spiaggia, i momenti di svago e relax passano anche per l’atmosfera fascinosa e conviviale delle tante piazze che animano la...