c
A Tavola

Torino e la leggenda dell'Uovo di Pasqua, tra mito e storia

Scritto da Redazione , 03/02/20

La leggenda dell'Uovo di Pasqua ci porta dritti a Torino dove, tra storia, tradizioni e folklore, scopriamo come il dolce di cioccolato, simbolo per eccellenza della festività cristiana, sia diventato a tutti gli effetti uno dei simboli identificativi della pasticceria del capoluogo piemontese.

Sapevate che in Italia l’usanza di mangiare un uovo di cioccolato durante la Pasqua nacque a Torino? Benché i primi “prototipi” fossero stati allestiti già alla corte di Luigi XIV, la storia e la leggenda dell'Uovo di Pasqua moderno riconducono l'idea geniale proprio ad alcuni maestri cioccolatai torinesi, all’inizio del ‘900. E non è un caso...

Torino e l'Uovo di Pasqua: origine e storia

Cosa lega Torino alla leggenda dell'Uovo di Pasqua? L'America!

Sì, perché a quanto pare, dopo la scoperta dell’America e di quella sconosciuta e amarissima bevanda maya, la duchessa Caterina, moglie del duca Emanuele Filiberto di Savoia, espresse il desiderio di poter assaggiare il cacao e se lo fece portare a Torino, città dove, un secolo dopo, nascerà la prima cioccolateria d’Italia.

Tuttavia, per l'Uovo di Pasqua "made in Italy" bisognerà attendere gli anni '20. È in quel periodo infatti che, dopo i primi prototipi francesi e quelli della vedova Giambone, che nella bottega di via Roma riempiva già i gusci vuoti delle uova di gallina con la cioccolata, la Casa Sartorio di Torino brevettò il primo sistema al mondo per modellare il cioccolato in forme vuote.

Gli stampi a cerniera, chiusi e posti nella macchina, subiscono un movimento di rotazione e rivoluzione mediante il quale la pasta in essi contenuta si distende uniformemente su tutta la superficie interna. Dopo il raffreddamento le forme si tolgono intere, variandone lo spessore a seconda della quantità di pasta che si introduce negli stampi”. 

Così recitava una pubblicazione del 1926.

Quando fu introdotta la sorpresa all'interno? Nel 1925! Dapprima animaletti in zucchero o confetti, poi regali sempre più costosi e preziosi: già nel 1927 le Uova di Pasqua di cioccolato erano di moda a Torino e stavano per affermarsi uvunque, con un successo inaspettato, che cavalcò in pieno il boom del Secondo Dopoguerra.

Non è un caso che anche il famoso Ovetto Kinder sia nato in Piemonte, nel 1974, il giorno in cui Michele Ferrero disse ai suoi collaboratori:

Sapete perché ai bambini piacciono tanto le Uova di Pasqua? Solo perché hanno le sorprese dentro. Diamogli la Pasqua tutti i giorni”.

Uovo di Pasqua, simbolo della festività cristiana

Perché l'uovo è simbolo della festività cristiana legata al ciclo vita-morte-resurrezione e, ancor prima, elemento sacro di numerosi culti pagani?

Molta la letteratura in merito, ma un'osservazione banale legata all’aspetto di questa pietanza basta da sola a spiegare il mito, la sacralità e la leggenda dell'Uovo di Pasqua: apparentemente privo di vita, come il corpo di Gesù nel sepolcro, in realtà l'uovo è materia viva, anzi, è vita agli albori, proprio come la Resurrezione cristiana.

L’usanza di regalare uova fresche durante la Pasqua, da cui il nome di Uovo di Pasqua, cominciò a diffondersi nel Medioevo in tutta l’Europa cristiana, probabilmente a partire dalla Germania.

All’inizio le uova venivano bollite e avvolte nelle foglie, quindi decorate con dei fiori. Il dono divenne consueto anche tra i sovrani e nelle corti aristocratiche, dove si affermò poi la moda delle uova rivestite d’oro e pietre preziose, dando origine alle famose Uova Fabergé, donate nel 1883 dallo zar Alessandro III alla zarina Maria.

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Comune

Torino

Prima capitale del Regno d'Italia (1861-1865), è uno dei maggiori poli universitari, artistici, turistici, culturali e scientifici d'Italia, oltre che fulcro...

Altri Suggerimenti

Modica, la città siciliana nota per il cioccolato

A Tavola

Modica, la città siciliana nota per il cioccolato

Sapete qual è la città siciliana nota per il cioccolato? Modica, naturalmente! Gioiello del Barocco siciliano e dei golosi.

Come fare il vero Limoncello di Sorrento

A Tavola

Come fare il vero Limoncello di Sorrento

Un viaggio al profumo di zagare, tra i limoni della Costiera Sorrentina, per scoprire come fare il vero Limoncello di Sorrento.

I 5 ristoranti con la vista più bella d'Italia

A Tavola

I 5 ristoranti con la vista più bella d'Italia

Panorami mozzafiato e piatti gourmet, questo offrono i 5 ristoranti con la vista più bella d'Italia, dal mare ai monti passando per la capitale.

I 5 vini italiani più amati e venduti all'estero

A Tavola

I 5 vini italiani più amati e venduti all'estero

Che lingua parla il vino nel mondo? Ovviamente l'italiano! Ecco la Top 5 dei vini italiani più amati e venduti all'estero.

3 piatti tipici dell'Emilia Romagna da provare

A Tavola

3 piatti tipici dell'Emilia Romagna da provare

Un viaggio gastronomico alla scoperta dei 3 piatti tipici dell'Emilia Romagna da assaggiare assolutamente.

Le fiere del vino più importanti in Italia e nel mondo

A Tavola

Le fiere del vino più importanti in Italia e nel mondo

Settembre si avvicina, facciamo un tour tra le fiere del vino più importanti in Italia e nel mondo e le degustazioni da non perdere