c
A Tavola

Cosa vedere ad Ariccia, tra fraschette e porchetta

Scritto da Redazione , 10/02/20

È una delle località più conosciute e popolari a breve distanza da Roma, ideale per una gita fuori porta all'insegna delle ghiottonerie locali. Ecco cosa vedere ad Ariccia e, soprattutto, cosa gustare nelle tipiche fraschette di Ariccia con un menu d'obbligo a base di Porchetta di Ariccia.

Ariccia e il suo indissolubile legame con la porchetta: una bontà che vanta una tradizione millenaria, risalente alla popolazione dei latini e tramandata per generazioni con la stessa cura tutta familiare che, ancora oggi, l'atmosfera delle tipiche "fraschette", le trattorie prese d'assalto dai romani per le migliori gite fuori porta. 

Fraschette di Ariccia

Se vi state chiedendo cosa vedere ad Ariccia, la risposta è le fraschette di Ariccia!

Stiamo parlando dei locali rustici e spartani tra i più genuini della ristorazione laziale, dove gustare piatti caserecci e prodotti gastronomici tipici, godendosi un pranzo o una cena in compagnia, immersi nella caratteristica atmosfera conviviale dei Castelli.

Le fraschette di Ariccia sono senza dubbio tra le mete più gettonate di gite fuori porta goderecce, merito soprattutto della famosa Porchetta di Ariccia IGP e del buon vino dei Castelli, che rappresentano l'anima del menu di questi deliziosi localini a conduzione familiare.

L’atmosfera conviviale e senza pretese che vi si respira, rende le fraschette il posto ideale in cui trascorrere una piacevole sosta all’insegna del buon cibo e dell’allegria, senza mai spendere troppo. 

Porchetta di Ariccia

La Porchetta di Ariccia, regina indiscussa del menu "made in fraschetta", è il prodotto a base di carne suina cotta, tipica di questa cittadinia in provincia di Roma, che dal 2011 vanta il riconoscimento di indicazione geografica protetta (IGP).

Come nasce la Porchetta di Ariccia? Pare abbia origini antichissime.

In epoca prelatina, erano i sacerdoti incaricati di lavorare e prepare le carni suine da offrire in sacrificio nel tempio di Giove Laziale, sul vicino Monte Cavo, ma si ritiene che fu la nobiltà romana trasferirsi ad Ariccia per la stagione estiva e le battute di caccia a sviluppare quella maestranza artigiana nel preparare la porchetta che ancora oggi continua a tramandarsi nelle famiglie ariccine.

L'odierna reputazione della Porchetta di Ariccia risale invece al 1950, quando i porchettari storici allestirono la prima "Sagra della Porchetta di Ariccia", con lo scopo di celebrare questo rinomato prodotto della gastronomia locale.

Da allora, ogni anno Ariccia offre ai suoi visitatori un assaggio imperdibile di porchetta "in festa", disposta sui banchi addobbati dai venditori che per l'occasione vestono gli abiti tradizionali ariccini.

Cosa rende così speciale la Porchetta di Ariccia? ll metodo di produzione, che prevede un disciplinare rigoroso a partire dalla scelta delle carni fino alla lavorazione vera e propria all'interno dei laboratori di produzione. Infine, il processo di cottura, che avviene in grandi forni muniti di vasche per la raccolta del grasso.

Elemento distintivo della porchetta è la croccantezza della crosta. La carne deve essere sapida, di colore rosato al centro, arricchita da rosmarino, pepe nero e aglio nella giusta quantità.

Secondo la tradizione, possono essere utilizzate solo le carcasse di animali femmine (carne notoriamente più magra e saporita): disossate e condite, devono essere presentate con le zampe anteriori e posteriori e, preferibilemnte, con la testa.

Cosa vedere ad Ariccia

Non solo fraschette e porchetta! Ecco cosa vedere ad Ariccia, nel suo centro storico e nei dintorni...

Tra gli edifici più importanti, Palazzo Chigi, edificato dalla famiglia Savelli alla fine del Cinquecento e poi acquisito dalla famiglia Chigi, che lo ampliò tra il 1661 e il 1672, sotto la direzione di Gian Lorenzo Bernini e Carlo Fontana.

Gli interni furono arredati dai pittori seicenteschi Michelangelo Pace detto "il Campidoglio", Giovan Battista Gaulli detto "il Baciccio", Mario Nuzzi "Mario dei Fiori". Il Palazzo Chigi di Ariccia è famoso per aver ospitato alcune scene di celebri film, come "Il Gattopardo" di Luchino Visconti (1963).

Meravigliosa è la Collegiata di Santa Maria Assunta, costruita tra il 1664 ed il 1665 su progetto dell'architetto Gian Lorenzo Bernini e oggi una delle più famose attrazioni turistiche dei Castelli Romani.

Volutamente ispirata al Pantheon, è stata definita uno dei migliori esempi dell'architettura barocca laziale. Gli stucchi interni della cupola, opera di Antonio Ragg, e le opere di Jacques Cortois detto "il Borgognone", Raffaele Vanni, Ludovico e Giacinto Gimignani, Bernardino Mei e Alessandro Mattia da Farnese, ne fanno un vero e proprio scrigno di opere d'arte.

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

Comune

Ariccia

Ariccia (IPA: [aˈriʧʧa], anticamente chiamata Riccia o la Riccia, semplicemente 'a Riccia nei dialetti dei Castelli Romani) è un comune italiano di 18.201...

Altri Suggerimenti

Lo zibibbo delle Cantine Benvenuto premiato dal New York Times

A Tavola

Lo zibibbo delle Cantine Benvenuto premiato dal New York Times

Oggi vi proponiamo un viaggio sensoriale tra le uve Zibibbo IGP di Francavilla Angitola, nelle Cantine Benvenuto. 

Piatti tipici a Polignano a Mare: cosa e dove mangiare

A Tavola

Piatti tipici a Polignano a Mare: cosa e dove mangiare

I piatti tipici a Polignano a Mare. Cosa e dove mangiare nel borgo di Domenico Modugno, tra i più belli del Mediterraneo.

La nascita del Cannolo Siciliano: origine e storia

A Tavola

La nascita del Cannolo Siciliano: origine e storia

Sulla nascita del "re" della pasticceria sicula, il cannolo sicicliano, origine storica e leggendaria si sovrappongono, ma il risultato resta una delizia. 

Pecorino Sardo, un'eccellenza esportata in tutto il mondo

A Tavola

Pecorino Sardo, un'eccellenza esportata in tutto il mondo

Un viaggio alla scoperta della lavorazione e degli abbinamenti del percorino sardo è un viaggio in una delle tradizioni gastronomiche più antiche d'Italia.

Olio pugliese: alla scoperta dell'oro verde d'Italia

A Tavola

Olio pugliese: alla scoperta dell'oro verde d'Italia

Il nostro viaggio tra le eccellenze gastronomiche d'Italia prosegue verso sud, alla scoperta dell'olio pugliese, ovvero dell'oro verde della dieta mediterranea.

Caffè napoletano: a Napoli il miglior caffè d'Italia

A Tavola

Caffè napoletano: a Napoli il miglior caffè d'Italia

Candidato Patrimonio dell'Umanità UNESCO, il caffe napoletano è una delle eccellenze e uno dei simboli di Napoli e dell'Italia nel mondo