Comune

Russi

Russi, (Ravenna) Tempo di lettura: circa 6 minuti
Russi (Ròss in romagnolo) è un comune italiano di 12.286 abitanti della provincia di Ravenna. Dista 17 km dal capoluogo, 17 km da Faenza, 20 km da Forlì, 40 km da Imola, 40 km da Cesena e 70 km da Rimini.StoriaAntichitàL'area di Russi vanta una storia bimillenaria, come attesta l'area archeologica della Villa Romana del II secolo d.C. La ricerca archeologica mostra come la zona fosse interessata da coltivazioni di tipo intensivo.Dopo le invasioni barbariche il territorio fu progressivamente abbandonato. La mancanza del lavoro di irregimentazione idraulica dell'uomo causò il ritorno degli acquitrini e delle paludi.MedioevoFin dall'Alto Medioevo faentini e ravennati si contesero il territorio di Russi, al centro di una fertile pianura. I ravennati, per difendersi dalle aggressioni faentine, costruirono i castelli di Raffanara ed il castello di Cortina.Nel 1234, durante una delle frequenti battaglie fra le due città, i faentini abbatterono le due roccaforti lasciando così i ravennati senza difesa. Successivamente sorse un centro, necessariamente un castrum, cioè un centro fortificato. Russi nacque così nel 1371 per volere di Guido da Polenta (sesto dei Signori della casata ravennate), che visse nel castello fino al 1377. Alterne furono le successioni fra il casato Polentane e quello dei faentini Manfredi, per il controllo dello strategico castrum russiano.Età modernaI primi tre decenni del XVI secolo causarono grandi sofferenze alla popolazione. Il castello subì infatti diversi assedi: prima da parte delle truppe del Borgia, poi dalle forze della Lega di Cambrai, infine il tremendo eccidio del 3-4 aprile del 1512 da parte di Gastone di Foix. Ad accrescere le sventure, nel 1527 passarono per il territorio russiano le truppe di Carlo di Borbone dirette a Roma, che occuparono il castello, poi si abbandonarono a saccheggi ed uccisioni.Dopo varie vicende, Russi nel 1568 ritornò sotto la giurisdizione di Faenza, nello Stato Pontificio, ma riuscì ad ottenere magistrature proprie ed autonomia amministrativa. Russi fece parte dello Stato della Chiesa fino al 1859, quando i territori della Legazione delle Romagne furono occupati dalle truppe del Regno di Sardegna.Risorgimento e Unità d'ItaliaRussi annovera alcuni personaggi che furono protagonisti del periodo risorgimentale. I Farini e i Baccarini diedero alto prestigio al paese e alla nazione in campo politico e sociale, i Babini ed altri in quello economico-industriale, provocando un radicale cambiamento nella vita economica del paese e imponendosi in campo internazionale. Russi fu poi, con in testa Domenico Antonio Farini, la fucina di un importante centro di azione risorgimentale.Nei moti del 1831 Russi fu infatti il primo paese di Romagna ad insorgere, ma a fare le maggiori spese di tale insurrezione fu, il 31 dicembre del 1834, lo stesso Farini, che in un'imboscata venne colpito a morte. Da quell'anno al 1870 (presa di Roma), ben 367 furono le presenze di russiani in moti e guerre per l'indipendenza di Italia.L'eredità morale e politica di Domenico Antonio Farini, proseguì comunque con il nipote Luigi Carlo, che diventerà più tardi Dittatore dell'Emilia e Presidente del Consiglio. Sempre su quelle orme si muoveranno poi il ministro Alfredo Baccarini e Domenico Farini, figlio di Luigi Carlo, Presidente della Camera e del Senato.Dopo l'Unità d'ItaliaDopo l'unità d'Italia ebbero inizio a Russi nuove attività economiche. Il paese da centro prevalentemente agricolo, inizi i primi passi verso l'industria e il commercio (già fiorente in seno alla cittadina dal XVI secolo).Nel 1878 a Russi venne concesso, con decreto reale, il titolo di Città per aver dato i natali a Luigi Carlo Farini.SocietàEvoluzione demograficaAbitanti censiti Etnie e Minoranze StraniereSecondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2009 la popolazione straniera residente era di 1.095 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano: Romania 308 2,56% Marocco 147 1,22%Monumenti e luoghi di interesseArchitetture religiosePievi di Santo Stefano in Tegurio e di San Pancrazio – Site rispettivamente nella frazione di Godo e di San Pancrazio, rappresentano splendidi esempi di antica arte religiosa.Architetture civiliVilla romana (con annesso Museo) – Era una grande fattoria a capo di un lotto di centuriazione romana. Rimase attiva fino almeno al IV secolo d.C. Riscoperta negli anni Cinquanta, oggi ne rimangono le fondamenta e i pavimenti a mosaico.Palazzo San Giacomo – Ubicato poco fuori le porte cittadine. Al suo interno si conservano splendidi affreschi a tema mitologico ed allegorico.Architetture militariRocca – Fortilizio trecentesco, voluto dalla potente famiglia dei Da Polenta di Ravenna. Oggi ospita raccolte museali.CulturaMuseiMuseo della vita contadina in Romagna (nella fraz. San Pancrazio)Museo dell'arredo contemporaneoRaccolta di ceramica rustica romagnola e di campaneRaccolta etnologica RomagnolaPersone legate a Russiin ordine alfabetico:Luigi AmaducciAlfredo BaccariniEraldo BaldiniElena Bucci, attriceDelio Cantimori, storicoCino CantimoriDomenico Antonio FariniLuigi Carlo FariniArnaldo Foschini, architettoSilvio Gordini, pittoreBeata Margherita MolliSilvano Montevecchi, vescovo di Ascoli PicenoBeata Gentile Giusti OrioliLuciano Pezzi, ciclistaPaolo Pezzi, arcivescovo di Mosca (Russia)CucinaI piatti tipici di Russi sono legati alla Fira (fiera) dei sette dolori, e sono: cappelletti al ragù, bel e cot con purè, canèna nova e ciambella. Le tradizioni gastronomiche del luogo risalgono ai primi insediamenti preromanici del III secolo d. C., e più recentemente si ricordano le cantine del Palazzo San Giacomo, in cui veniva fatto riposare il vino delle varietà Canena, Trebbiano e Uva d'Oro.Eventi e manifestazioniFîra d'i sett dulürLa Fîra d'i sett dulür (Fiera dei sette dolori) è la più antica sagra della provincia di Ravenna. risale, infatti, al XVII secolo, ed era legata all'ordine dei frati Serviti in quel tempo presenti a Russi. Celebrava la Madonna dei sette dolori e venne istituzionalizzata da Innocenzo XI nel 1688.Si svolge nella terza settimana di settembre e presenta un'ampia offerta di eventi musicali e culturali nonché appuntamenti gastronomici, con piatti tipici della romagna, nella fattispecie cappelletti, nell'occasione conditi al ragù, bel e cot, sorta di cotechino o insaccato di maiale che ha ricevuto la denominazione di prodotto regionale, servito su fette di pane fragrante, il tutto annaffiato dal vino Canèna Nova. Il Canèna è un vino novello di prima spremitura, quasi una sorta di mosto fatto con uve di cui si andava perdendo la coltivazione; è aspro ma con un retrogusto dolce tipico del mosto appena spillato; si accompagna in maniera ideale al bel e cot.Storia della FiraLa festa venne ripristinata, dopo essere stata sospesa nel 1798 su editto di Napoleone Bonaparte, solo nel 1815, con il ritorno della Romagna sotto l'egida pontificia. A quel tempo, la festa era solo religiosa e consisteva in una processione ed una questua che serviva a supportare le spese. Nel 1861 il comune riconobbe la Confraternita dei 7 dolori, disponendo che la festa si tenesse nella terza domenica di settembre. Contestualmente gli esercizi di arti e mestieri iniziarono a beneficiare della del passaggio della festa religiosa e fiera di paese.In considerazione di ciò, nel 1871 la festa cambiò nome divenendo Fiera di bestiame detta dell'Addolorata. La fiera di bestiame e si svolgeva nel Foro Boario. Nel 1877 la festa si sviluppò ulteriormente tanto che venne istituito un treno speciale da Ravenna che portasse visitatori ad assistere alla corsa dei cavalli berberi e agli spettacoli pirotecnici con i fuochi di artificio.Dopo la sospensione per la prima guerra mondiale venne istituito nell'ambito della fiera il luna park con giostre e tirasegni. Alla fine della seconda guerra mondiale la festa ha avuto un ulteriore miglioramento ed ha cambiato ancora nome da Fiera dell'Addolorata a Fira di set dulur. Ad arricchire la parte spettacolare si è iniziato a rappresentare grandi opere ed operette all'interno del teatro, mentre hanno continuato a tenersi le corse di cavalli berberi e la mostra del bestiame che è stata soppressa dagli anni ottanta.La Fira continua comunque ad essere un'attrazione del paese che nei giorni del suo svolgimento si veste a festa. Cantastorie provenienti da ogni regione d'Italia animano la scena e la domenica sera ed il lunedì ci sono i fuochi artificiali che attirano persone da ogni parte della provincia (interessate in particolare a la girandola e ai fuochi sui pali).La cânta d' RossA Russi e alla Fira di sétt dulur è dedicata anche la canzone in dialetto romagnolo che appartiene alla tradizione popolare La canta d' Ross (La canzone di Russi):Libri mai mai vistiA Russi si tiene l'annuale mostra dei Libri mai mai visti, organizzata dall'associazione locale VACA VAri Cervelli Associati. La mostra presenta le opere migliori di una sorta di concorso di bellezza dell'assurdo, a cui possono partecipare libri realizzati in materiali improbabili, o a partire da un'idea curiosa, o contenenti storie raccontate per materiali, disegni e parole difficilmente commercializzabili da un editore, in quanto opere d'artista fuori standard. La mostra richiama curiosi anche da città lontane, ma la sua peculiarità e la qualità delle opere hanno fatto sì che nel 2000 la mostra venisse presentata a New York alla New York University, e negli anni seguenti divenisse itinerante, venendo presentata anche all'Istituto Italiano di Cultura a Parigi, alla Biblioteca Classense di Ravenna, al Museo dell'illustrazione di Ferrara e alla Biblioteca comunale di Imola, e nel 2006 al Circolo dei Lettori di Torino all’interno della programmazione di Torino capitale mondiale del libro. I riconoscimenti avuti dalla mostra hanno portato nel 2007 alla creazione di un Fondo che raccoglie una selezione delle migliori opere di Libri mai mai visti, conservato a Russi.EconomiaInfrastrutture e trasportiFerrovieIl comune è attraversato dalla ferrovia Castelbolognese-Ravenna e dalla Faenza - Ravenna ed è servito dalla propria stazione ferroviaria in via della Repubblica.SportLa manifestazione sportiva più importante che si tiene a Russi è la «Maratona del Lamone». Nata nel 1977, è la maratona più vecchia dell'Emilia-Romagna e la seconda in Italia. La manifestazione è organizzata dal «G. S. Lamone».A Russi gioca la squadra calcistica dell'Unione Sportiva Russi.AmministrazioneAmministrazioni precedentiCittà gemellate Saluggia (VC) Bopfingen Beaumont PodbořanyGalleria fotograficaNote^ Comune di Russi - Statuto.^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2010.^ Sui cui resti nella seconda metà del XVII secolo fu costruito il palazzo di San Giacomo.^ Statistiche I.Stat - ISTAT; URL consultato in data 28-12-2012.^ Fonte: Portale della Provincia di Ravenna^ Fonte: Portale della Provincia di Ravenna^ Nel 2008-2009 si è giunti alla XIV edizione della mostra, tenutasi all’ex chiesa in Albis. Fonte: Comune di Russi^ Libri mai mai visti, premiati due imolesi, di Federico Savini, www.sabatosera.itAltri progetti Commons contiene immagini o altri file su Russi

Cosa vedere