Palazzo Valentini - ViaggiArt
Palazzo Valentini
Edificio storico

Palazzo Valentini

Palazzo Valentini.
Via IV Novembre, 119, Roma

La costruzione del Palazzo si deve al Cardinale Michele Bonelli, nipote di Papa Pio V. L'impianto, a pianta trapezoidale, fu definito dal frate Domenico Paganelli. Il Palazzo venne parzialmente demolito e ricostruito da Francesco Peparelli per il nuovo proprietario, il Cardinale Giuseppe Renato Imperiali, che vi sistemò l'importante biblioteca di famiglia, la Biblioteca "Imperiali", composta di circa 24.000 volumi. Agli inizi del XVIII secolo, il Palazzo venne affittato a diversi personaggi di rilievo, tra i quali il Marchese Francesco Maria Ruspoli, che ne fece sede di un teatro privato. L'intera costruzione venne poi acquistata dal Cardinale Spinelli nel 1752, che vi fece realizzare le decorazioni al primo piano e la sistemazione della ricchissima biblioteca Imperiali, destinata alla fruizione pubblica e frequentata anche dal Winckelmann. La struttura attuale del Palazzo è caratterizzata dal grande portale, affiancato da tre finestre per lato, con architravi e inferriate. Il portale è delimitato da due colonne di travertino, sormontate da un grande balcone a balaustra. Il cortile interno è porticato su due ordini divisi da lesene doriche, e arricchito di statue antiche. Del patrimonio artistico di Palazzo Valentini fanno parte anche la statua dell’Ulisse, di Ugo Attardi, insieme alle opere raffiguranti "Enea e Anchise" e "Europa", di Sandro Chia.

Roma

Roma

Roma, capitale d’Italia, anche definita “l'Urbe” e “Città Eterna”, è la Città Metropolitana più estesa e popolosa del territorio italiano e ha come emblema la “Lupa Capitolina”. Secondo la tradizione, fu fondata da...

Booking.com