Comune

Ordona

Ordona, (Foggia) Tempo di lettura: circa 4 minuti
Ordona è un comune italiano di 2.656 abitanti della provincia di Foggia in Puglia.Geografia fisicaTerritorioIl paese è situato sulle prime colline del Tavoliere centro-meridionale, fra la pianura e gli altri contrafforti collinari su cui sorgono gli scavi archeologici dell'antica Herdonia. È situato venti chilometri a sud del capoluogo, sulla linea ferroviaria Foggia-Potenza.ClimaStoriaEtà romanaNei pressi della città romana di Herdonia furono combattute due importanti battaglie, nel 212 a.C. e nel 210 a.C., tra i romani e i cartaginesi di Annibale nel pieno della seconda guerra punica.Annibale, che all'epoca imperversava in Italia tra le odierne Puglia e Campania, dopo le schiaccianti vittorie riportate sui romani a Canne (216 a.C.) e a Herdonia (212 a.C.), nel 211 a.C. tentò, senza fortuna, di muovere le sue truppe verso l'assedio di Roma.Per la sua fedeltà alla Repubblica romana e per la slealtà mostrata ai cartaginesi, Herdonia fu incendiata e distrutta per volere di Annibale al termine della seconda battaglia (210 a.C.).Solo dopo l'89 a.C. vi fu rifondato il Municipio romano.La città conobbe la sua massima fase di sviluppo e prosperità in età imperiale grazie alla costruzione della via Traiana e della successiva via Herdonitana (che la collegava all'odierna Venosa). Tra il I e il IV secolo d.C. Herdonia divenne un grande centro di transito ed un fornito luogo di commercio dei prodotti agricoli del Tavoliere, come ad esempio il grano.A testimonianza di ciò ancora oggi ci sono i resti del fiorente nucleo romano della città: le rovine del foro, della basilica civile, dell'anfiteatro, del mercato (macellum), delle terme, delle locande (tabernae) e dei numerosi magazzini adibiti allo stoccaggio del grano (le horrae) lungo la via Traiana.In seguito al sisma che nel 346 d.C. colpì l'Irpinia e il Sannio e che la investì in parte, molti edifici non vennero ristrutturati, bensì furono riconvertiti ad altri usi: di conseguenza il nucleo abitativo della città si spostò dal foro alle zone vicine alla via Traiana.Dal V al VII secolo la città restò un centro di rilievo, anche se minore, come è emerso dai ritrovamenti risalenti a quel periodo.MedioevoCon l'avvento del Cristianesimo in Italia, nel periodo tardoantico romano, a Herdonia si attestò la presenza di due venerati martiri di origine nordafricana, i Santi Felice e Donato. Subito dopo il crollo dell'impero romano d'occidente, le fonti la accreditano come sede vescovile. Rimase così per molto tempo sotto la protezione di un vescovo, una figura amministrativa di riferimento per i nuovi governanti dell'epoca e che compensò il prestigio, ormai perduto, della civitas romana.Nei secoli bui fu indicata via via con nomi diversi (Aerdonia, Erdonia, Ardonia, Ardona, oltreché Herdoniae), come riportano numerosi documenti medievali e ottocenteschi.Pare essere sopravvissuta alle razzìe degli ostrogoti di Totila nel VI secolo, e all'invasione del bizantino Costante II che nel VII secolo fronteggiò i longobardi già presenti nella Capitanata.Il difficile contesto politico ed economico medievale trasformò il luogo, accentuandone il carattere più rurale. Ciò si tradusse con una parziale dispersione della popolazione, dal centro alle campagne circostanti.Molte delle strutture romane, come le taverne e le terme, vennero recuperate e riutilizzate tra il VI e il VII secolo specie per scopi abitativi, mentre l'anfiteatro romano col tempo fu occupato dalle necropoli.Sul finire dell'età altomedievale l'abitato si ridusse ulteriormente, e il territorio della città fu in parte invaso da spazi agricoli e boschivi. Durante l'epoca federiciana una preesistente costruzione religiosa normanna dell'XI secolo (castellum) fu rielaborata e in parte riedificata dagli Svevi, che ne mutarono l'utilizzo in una domus imperiale. Grazie a questa nuova residenza federiciana il luogo venne in qualche misura ripopolato, come è emerso dai ritrovamenti circostanti alla domus di alcune costruzioni rurali.Il complesso del castello svevo, di cui oggi resta solo qualche traccia, secondo alcuni studiosi era, per le sue funzioni e per le sue dimensioni, del tutto simile alla domus di castel fiorentino, il borgo presso Torremaggiore dove Federico II morì nel 1250. Il villaggio medievale di Herdonia fu definitivamente abbandonato solo intorno al XIV-XV secolo.La nascita di OrdonaTra il XVII e XVIII secolo cominciò il primo vero reinsediamento, in una zona vicina al sito dell'antica città. Sul luogo che poi diventerà il nucleo originario dell'attuale Ordona nacque prima un’azienda agricola di gesuiti, e successivamente sorse uno dei nuovi cinque reali siti colonici, istituiti nel XVIII secolo da re Ferdinando IV di Borbone per ripopolare e riqualificare l'area agricola del tavoliere meridionale.Dal 2004 Erdonia è una sede vescovile titolare.Monumenti e luoghi d'interesseCulturaPersone legate a OrdonaFederico II di Svevia (Jesi, 26 dicembre 1194 – Fiorentino di Puglia, 13 dicembre 1250), imperatore dei Romani, re d'Italia e di Germania.Annie Ninchi (Pesaro 1927 - Ordona 2008), soprannominata l'"Angelo della radio", fu la prima annunciatrice dell'EIAR.Michele Placido (Ascoli Satriano 1946), regista e attore italiano, cittadino onorario di Ordona.Paolo Bianco (Foggia 1977), calciatore italiano.SocietàEvoluzione demograficaAbitanti censiti Etnie e minoranze straniereSecondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2010 la popolazione straniera residente era di 294 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano: Polonia 88 3,24% Tunisia 59 2,17% Romania 52 1,91% Albania 47 1,73%Infrastrutture e trasportiIl comune di Ordona è servito da una stazione ferroviaria posta sulla linea Foggia-Potenza.AmministrazioneIl sindaco è Rocco Settimio Formoso, eletto con la lista civica denominata "Certezza e Futuro" nel 2010. SportCalcioLa principale squadra di calcio della città è l'A.S.D. Ordona Calcio che milita nel girone A di Prima Categoria.Il Campo Sportivo Comunale è un apprezzato centro calcistico, ed è utilizzato durante la settimana anche dall'U.S. Foggia.Nel 2011 è nata la società dilettantistica A.S.D. Herdonia Calcio, che nella stagione 2013/2014 partecipa al campionato regionale di seconda categoria. Il suo settore giovanile è affiliato al progetto Udinese Academy della società friulana Udinese Calcio.Galleria fotograficaNoteVoci correlateDauniaRepubblica RomanaImpero RomanoPrima battaglia di HerdoniaSeconda battaglia di HerdoniaDiocesi di ErdoniaStazione di OrdonaCollegamenti esterniNotizie dal sito dell'Università di FoggiaFotografie di OrdonaFotografie della campagna ordonese e degli scavi archeologiciLa questione irrisolta degli scavi archeologiciPer saperne di più: il libro Herdonia di Joseph Mertens e Giuliano VolpeLa scomparsa dell'archeologo Joseph Mertens: il ricordo del collega e amico Giuliano VolpeCome raggiungere gli scavi archeologici di OrdonaScheda riassuntiva sulla città romana di Herdonia, con la cronologia delle costruzioni avvenute fra il III secolo a.C. e il II secolo d.C.

Ci spiace, non abbiamo ancora inserito contenuti per questa destinazione.

Puoi contribuire segnalandoci un luogo da visitare, un evento oppure raccontarci una storia su Ordona. Per farlo scrivi una email a redazione@viaggiart.com