c
Itinerari

“Parade”, viaggio in Italia con Picasso

Scritto da Eliana Iorfida, 05/04/17

Nel 1917 Pablo Picasso, su invito dall’amico poeta, drammaturgo e artista a tutto tondo Jean Cocteau, intraprende un viaggio in Italia che toccherà Roma e Napoli e segnerà la sua produzione futura. “Parade” è il frutto di quell’esperienza: ciclopica scenografia che fa da sfondo all’omonimo balletto concepito da Cocteau con l’aiuto di Satie.

 

Vedi l’Italia e poi…dipingila!

La Prima Guerra Mondiale è in corso; la morte improvvisa della compagna Eva e la chiamata alle armi degli artisti a lui più vicini inducono Picasso a lasciare Parigi e partire alla volta dell’Italia, stuzzicato dal progetto teatrale del poeta Cocteau.

Nell’estate del 1916 ha inizio l’entusiasmante lavoro di bozzetti a tre su “Parade”, ma la svolta e l’ispirazione vera arrivano solo dopo il viaggio di otto settimane in Italia, nella primavera del ’17. Picasso giunge a Roma e ne fa il suo atelier:

 

“Non dimenticherò mai lo studio di Roma di Picasso. Una cassetta conteneva il modello di Parade, il suo mobilio, i suoi alberi, la sua baracca…».

(Jean Cocteau)

 

Di giorno Picasso lavora sodo alle scene e ai costumi, rapito dall’incontro col teatro; di sera si concede qualche uscita bohémien al Caffè Greco, dove incontra i futuristi (Balla, Depero, Prampolini e Socrate).

Durante il soggiorno romano Picasso visita anche Napoli e Pompei, dove è folgorato dall’antico, proprio come Renoir, e ispirato dai monumenti, la vita popolare, i musei di strada e i volti delle statue classiche. L’incanto di Napoli si riconosce negli studi a tempera per le scene e i costumi di “Parade”, un vero campionario di “atmosfere italiane” che costarono all’artista dure critiche da parte dei cubisti.

Ma “Parade” va oltre ogni critica, nella sua magnificenza a tempera di 10,60 x 17,25 è un’opera straordinaria, di forte impatto emotivo.

 

“Parade è un giocattolo infrangibile. Non nasconde nulla, non è cubista, non è futurista, non è dadaista e allora cos’è Parade? Ho la tentazione di rispondere: non rompete Parade per vedere che cosa c’è dentro. Non c’è nulla”.

(Jean Cocteau)

 

La prima dello spettacolo va in scena a Parigi il 18 maggio 1917. Il pubblico rimane sconcertato, uno spettatore in particolare, che a sua volta ne trae ispirazione: Marcel Proust.

 

Eliana Iorfida

 

Ph: Ansa

Comune

Napoli

Napoli è la terza Città Metropolitana d’Italia. Nel 1995 il suo centro storico di Napoli, il più vasto d'Europa, è stato riconosciuto dall'UNESCO “Patrimonio...

Altri Suggerimenti

Weekend romantico nel Montefeltro: Urbino, Urbania e Gabicce Mare

Itinerari

Weekend romantico nel Montefeltro: Urbino, Urbania e Gabicce Mare

Cosa vedere nelle Marche durante un weekend romantico? Il Montefeltro offre percorsi all’insegna dello slow tourism, tra rocche ubaldine e paesaggi dipinti da Piero...

La Valle del fiume Lao: dal bos primigenius agli itinerari del gusto

Itinerari

La Valle del fiume Lao: dal bos primigenius agli itinerari del gusto

Lungo la Valle del fiume Lao, sul versante cosentino del Parco Nazionale del Pollino, si incontrano luoghi dal fascino preistorico, come la grotta del bos...

Tor des Géants, un giro tra i Giganti della Valle d’Aosta

Itinerari

Tor des Géants, un giro tra i Giganti della Valle d’Aosta

Il Tor des Géants, alla lettera “Giro dei Giganti”, che ogni anno si svolge in Valle d’Aosta nel mese di settembre, è molto più che un semplice appuntamento...

Valdichiana Senese: itinerario nella Toscana autentica

Itinerari

Valdichiana Senese: itinerario nella Toscana autentica

La Valdichiana Senese, territorio situato nel sud della Toscana, al confine con la Val d’Orcia e le Crete Senesi, è la meta ideale per godersi un inizio d'autunno...

Strade del Vino e cantine aperte

Itinerari

Strade del Vino e cantine aperte

“Tutto pronto per la vendemmia 2017! Da nord a sud si popolano le Strade del Vino e si spalancano le porte delle cantine aperte lungo gli itinerari del gusto che...

Non solo riso! Dai “Colli di Coppi” ai tesori di Vercelli e Biella

Itinerari

Non solo riso! Dai “Colli di Coppi” ai tesori di Vercelli e Biella

Da Castellania, città di Fausto Coppi attraversiamo un tratto di Pianura Padana che non è solo riso! Dai “Colli di Coppi” ai tesori di Vercelli e Biella, fino...