Comune di Bosa c
Idee di Viaggio

Cosa vedere a Bosa: antico borgo colorato della Sardegna

Scritto da Redazione , 02/11/18

Alla scoperta del borgo di Bosa, in provincia di Oristano, il borgo colorato della Sardegna, famoso per le sue concerie e il Castello di Serravalle

 

Cosa vedere a Bosa

Il  borgo sardo di Bosa offre ai suoi visitatori l’atmosfera tipica di un borgo colorato sospeso nel tempo. Il borgo di Bosa, infatti, tra i borghi più belli della Sardegna, offre un mix intrigante di storia, tradizioni, buona cucina e scorci di mare meravigliosi.

Visitare Bosa significa anzitutto conoscerne la storia, che quasi sfuma nella leggenda...

 

Si narra che Calmedia, figlia o moglie del mitologico re Sardus Pater, a sua volta figlio di Eracle Libico, giunta nella vallata del Temo e colpita dalla bellezza dei luoghi, abbia deciso di fondare una città nella località attualmente conosciuta come Calameda. L'anonimo autore ne descrive le mura, presso l'attuale Monte Nieddu, e ne menziona una delle porte, nelle vicinanze della fonte di Su Anzu". 

 

Se questa versione sulla fondazione di Bosa sia storia o mito non si sa, certo è che se vogliamo sapere cosa vedere a Bosa, dobbiamo partire proprio dal borgo antico e dalle monumentali fortificazioni. 

 

Booking.com

 

1. Il Castello di Serravalle

Il Castello di Serravalle svetta dall’alto dell'omonimo colle e si raggiunge facilmente, costeggiando da valle il quartiere medievale di Sa Costa. Edificato per volere dei Malaspina, a partire dalla seconda metà del XIII secolo il Castello di Bosa presenta un’ampia piazza d'armi all'interno della cinta muraria, dove si trova la Chiesa di Nostra Signora de Sos Regnos Altos, alla quale è dedicata una grande festa la seconda domenica di settembre.

 

Nel 1847 un ragazzino rinvenne la statua di una Madonna col bambino tra le macerie del castello, proprio nella piazza d'armi. Alla statua fu quindi dato l’appellativo di Signora de Sos Regnos Altos (degli Alti Regni), nella convinzione che, dall'alto del colle, vegliasse simbolicamente sulla città di Bosa, con il titolo di Regina del Cielo e della Terra".

 

Castello di Serravalle

 

2. Le spiagge a Bosa

Che si visitino in estate, nel pieno della stagione turistica, o in altri momenti dell’anno, le spiagge di Bosa e Bosa Marina offrono sempre scorci costieri tra i più belli della provincia di Oristano.

Dal lungomare è possibile scorgere l’Isola Rossa Bosa Marina, con la Torre Costiera di Punta Argentina, parte integrante del sistema medievale di torri costiere della Sardegna.   

 

3.  Le concerie di Bosa

Una delle attrazioni principali del borgo di Bosa sono le tradizionali concerie: conosciute in sardo come sas conzas, il complesso architettonico delle vecchie concerie di Bosafu edificato tra Sei e Settecento sulla riva sinistra del fiume Temo, in prossimità del Ponte Vecchio. 

Nel XIX secolo rappresentava il maggior centro conciario della Sardegna con 28 strutture attive. Oggi, dopo gli interventi di recupero, i piccoli stabilimenti modulari costituiscono uno dei luoghi più significativi di Bosa, prezioso esempio di archeologia industriale collegato al Museo delle Conce

 

Museo delle Conce

 

4. Il Carnevale di Bosa

Il comune di Bosa non è solo ambita meta estiva! Se vi chiedete cosa fare a Bosa in inverno, la risposta è: partecipare a uno dei più antichi Carnevali di Sardegna.

Il Carnevale di Bosa, carrasegare 'osincu, vede sfilare le maschere tipiche di s'Attitidu e di Gioltzi, che condividono con gli storici Carnevali sardi la ritualità apotropaica legata ai cicli naturali della vita e della morte.

La festa ha inizio il giorno di Giogia lardagiolu, a una settimana dal Giovedì Grasso, con cortei di maschere dal volto coperto di fuliggine, con berretto e giacca indossata al contrario, muniti di spiedi, bisacce, mestoli e coperchi di pentole.

 

5. Mangiare a Bosa

Cosa mangiare a Bosa? Nel borgo marinaro si concentrano i sapori e gli odori dei diversi popoli che hanno dominato la Sardegna. Dai piatti della festa a quelli quotidiani, la cucina bosana coniuga sapientemente i frutti di mare a quelli della terra. Tra le tipicità di Bosa: le aragoste alla Malvasia, i carciofi e i succulenti ricci di mare.

 

Ricci di mare

 

Riproduzione riservata © Copyright Altrama Italia

 

Se ti è piaciuto questo articolo potrebbe interessarti anche: 

La Sardegna vista dal Parco dei Sette Fratelli, l’oasi naturalistica del Sarrabus

Weekend all’Asinara, l'Isola del Diavolo, lungo il Sentiero della Memoria

Comune

Bosa

Il comune di Bosa è tra "I Borghi più belli d'Italia". Disposto lungo il fiume Temo, il borgo marinaro è dominato dall'alto dal Castello di Serravalle....

Altri Suggerimenti

Perché Isola delle Femmine si chiama così?

Idee di Viaggio

Perché Isola delle Femmine si chiama così?

Una delle mete più gettonate di tutta la Sicilia, paradiso naturale a due passi Palermo. Ma sapete perché Isola delle Femmine si chiama così?

Fiordo di Furore: un luogo magnifico nascosto ai turisti

Idee di Viaggio

Fiordo di Furore: un luogo magnifico nascosto ai turisti

Il Fiordo di Furore è la chicca più nascosta dell'intera Costiera Amalfitana, un luogo accessibile a pochi, dall'atmosfera magica

Visita nel centro storico di Monopoli: cosa vedere

Idee di Viaggio

Visita nel centro storico di Monopoli: cosa vedere

Oggi facciamo una visita nel centro storico di Monopoli: cosa vedere e cosa fare anche nei dintorni della Città delle 100 contrade.

Dove andare in Sardegna: i posti più belli

Idee di Viaggio

Dove andare in Sardegna: i posti più belli

Avete in mente di visitare la Sardegna durante il vostro prossimo viaggio? Ecco dove andare in Sardegna e cosa vedere assolutamente.

Piscina di Venere, Milazzo: come arrivare

Idee di Viaggio

Piscina di Venere, Milazzo: come arrivare

Avete mai sentito parlare della Piscina di Venere, Milazzo? Come arrivare in una caletta da paradiso, un lago marino sul Promontorio di Capo Milazzo.

 Visitare Capri in un giorno a piedi: cosa vedere

Idee di Viaggio

Visitare Capri in un giorno a piedi: cosa vedere

Visitare Capri in un giorno a piedi vuol dire fare una passeggiata pittoresca, gustando il fascino della movida di un tempo, in un centro storico vivace e un paesaggio da cartolina.