Il filo rosso della vita c
Mostra

Mostra del maestro Costanzo Rovati “Il filo rosso della vita”

Piazza A.Toscan, o, Cosenza
fino a mercoledì 05 giugno 2019
Tempo di lettura: circa 2 minuti
Il filo rosso della vita. Con questo titolo le opere di Costanzo Rovati giungono a Cosenza, raggruppate in una mostra allestita nei preziosi spazi della Biblioteca nazionale dal 3 maggio al 3 giugno 2019. La mostra è realizzata a cura di Anselmo Villata, promossa e organizzata da Verso l'Arte con il patrocinio dell’I.N.A.C. Istituto Nazionale d'Arte Contemporanea, Biblioteca nazionale di Cosenza – MiBAC, ed e composta da circa trenta opere, soprattutto tele polimateriche e alcuni bassorilievi, di diversi periodi. L'allestimento, affidato a Luigi Lavorato con Simona Leone, si snoda e si integra con la Sala Giorgio Leone e l’Area archeologica della Biblioteca nazionale in cui convivono il luogo funzionale quotidiano, frequentato sia dal lavoratori che dal pubblico, con quello storico archeologico che, grazie alle strutture trasparenti del pavimento su cui si cammina (del Soffitto per il sito archeologico) è possibile godere contestualmente dei due livelli e, quindi, della stratificazione storica. Nella Sala Giorgio Leone e nell’Area archeologica le opere di Costanzo Rovati trovano la loro piena espressione e la perfetta collocazione in senso fisico e in senso culturale, trattandosi di opere i cui concetti e le esecuzioni rispecchiano fedelmente la realtà attuale che si manifesta in simboli con valori sociali, materici e concettuali. Soprattutto parlano e narrano dell'uomo e della società di oggi che si confrontano delicatamente con il passato a partire proprio dalle radici, rappresentate dall'archeologia con la ricca storia in essa implicita, contenuta e custodita, per proseguire nei documenti, cartacei e non, custoditi nella Biblioteca nazionale. Le opere sono dunque un qui e ora dell'uomo contemporaneo con il suo rapido progresso, difficile da controllare, a confronto con la lentezza del passato e la necessità di riflettere. anche sul divenire. Sono opere che in ogni minimo dettaglio contengono uno spunto e un motivo per pensare, ma anche per sognare e per liberare i propri sentimenti. Le forme, ossia l'iconografia di ogni opera, i colori e soprattutto i materiali, molto corposi che rendono il quadro un'opera tridimensionale, trasmettono una forte potenza espressiva per la quale non si può far finta di non capire. "Il filo rosso della vita" traccia il percorso di ognuno in modo individuale, basta sapere seguirlo, e le opere esposte alla Biblioteca nazionale di Cosenza rappresentano un sunto di quanto ognuno voglia individuare per se stesso. La mostra è corredata da un volume edito da Verso l'Arte su cui sono riprodotte le opere esposte, la biografia dell'artista, i testi critici di Anselmo Villata, Giovanna Barbero, lngrid Gerbert, e la presentazione di  Rita Fiordalisi, direttore della Biblioteca nazionale di Cosenza.
Si tratta, in sintesi,  di un evento educativo sulla cultura e l’arte di dipingere, di raffigurare il mondo esterno, di esprimere l’intuizione fantastica, per mezzo di linee, colori, masse, valori e toni. La Mostra del maestro Costanzo Rovati, “Il filo rosso della vita”, è un complesso percorso espositivo delle più recenti opere del maestro, circa 30 tra quadri polimaterici e bassorilievi, con accenni ai più significativi cicli della sua storia artistica. L’intento della Biblioteca nazionale di Cosenza è sempre quello di avvicinare sempre più i cittadini alle arti e alle culture più in generale, e, per l’occasione, alle opere pittoriche di Costanzo Rovati.

Potrebbero interessarti